Traduci

LA VALORIZZAZIONE CULTURALE 4.0

Negli anni l’impatto della digital transformation ha provocato un cambiamento epocale inimmaginabile anche solo recentemente nel contesto culturale.

cms_28703/0.jpg

A parlarne è Massimiliano Zane, nel suo libro “Breve Guida – La valorizzazione culturale 4.0”, che tratta anche di musei, ma soprattutto del nuovo rapporto tra le tecnologie e il mondo della cultura. Progettista Culturale e Consulente in Economia della Cultura, Massimiliano Zane è consulente MIC, membro del Comitato Scientifico del Museo delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, membro ICOM e ICOMOS, Independent Expert presso Council of Europe, parte della Expert of Management List of REA della Commissione Europea e Esperto “Senior” per i settori Cultura e Creatività e Progetti e Politiche Comunitarie per la Regione Emilia Romagna e per il Comune di Venezia. Docente in diverse università italiane, formatore ed esperto in processi partecipativi concorre allo sviluppo ed all’applicazione delle Tecnologie Digitali per la valorizzazione della cultura come Cultural Designer per società specializzate nel settore hi-tech. Membro del Comitato Scientifico della rivista “Culture Digitali”.

cms_28703/1.jpg

In che modo l’ambiente digitale sta influenzando il mondo delle organizzazioni culturali?

Le variazioni interpretative dell’idea stessa di Patrimonio culturale con cui oggi quotidianamente ci confrontiamo, da addetti ai lavori, ma anche da semplici appassionati o fruitori occasionali, rendono particolarmente evidente la complessa evoluzione in materia di contatto, diffusione, divulgazione, narrazione del patrimonio e quindi della sua valorizzazione. Un principio sempre più rivolto a considerare il “valore” di qualcosa, secondo la volontà di “farlo valere di più” (e non solo economicamente), quindi renderlo più manifesto, più conosciuto. Ciò implica, innanzitutto, il riconoscimento di un contesto, di relazioni, di dialogo, quindi della comprensione di bisogni ed aspettative che richiedono di esser soddisfatte secondo differenti modalità a differenti livelli di accessibilità. Tale complessità trova riscontro anche nel contesto sociale e culturale in cui la diffusione delle nuove tecnologie si configura, al contempo, come causa ed effetto di buona parte di questa evoluzione, favorendo un profondo cambiamento nella comune percezione del patrimonio e delle modalità richieste dalla società per la sua fruizione. Partendo dal principio secondo cui l’innovazione è un fatto culturale, prima ancora che tecnologico, oggi come non mai occorre sostenere la maturazione di una consapevolezza nuova rispetto alla relazione tra digitale e cultura.

E considerando il contesto museale in particolare come oggetto di riflessione: Perché secondo Lei la digital transformation e la comunicazione digitale possono essere importanti per i musei?

Digitalmente parlando di cultura e musei la parentesi che si apre è ampia e inizia dall’evoluzione dei contesti sociali, del quadro normativo e degli strumenti tecnologici a supporto della fruizione e dell’accessibilità al patrimonio culturale. Non si tratta solo di comunicazione e social media ma parliamo anche di tecnologie strutturali e strumentali: trasposizione in digitale delle collezioni e del materiale bibliografico d’archivio; o della messa a sistema dei supporti online, come i siti internet, e della ridefinizione degli standard dei servizi offerti, ad esempio e-commerce e bigliettazioni; di comunicazione di contatto e fruizione on site, con riallestimenti che prevedano innesti tecnologici innovativi, come APP o VR, o online, si coi “social” o i virtual tour, ma anche della qualità dei contenuti che propongono. Quindi: di cosa si sta parlando quando si parla di digitalizzazione dei musei? Di tutto quanto di cui sopra messo insieme, ecco di cosa si sta parlando. Digitalmente parlando di cultura e musei il valore aggiunto delle tecnologie per la valorizzazione e la fruizione sta nell’esser parte di una strategia complessiva, non nella semplice somma delle parti.

Parlando poi di un elemento cardine della cultura, quello della partecipazione culturale, che ormai risulta discriminante per quanto riguarda l’audience development culturale, centrale diventa padroneggiare un efficace storytelling perché è proprio dal racconto che nascono “attrattività” e “soddisfazione”, discriminanti fondamentali nell’orientare, tanto positivamente quanto negativamente, il processo di scelta di un museo o una località da visitare.

A questo proposito va certamente ricordato come gli strumenti digitali siano in grado di amplificare proprio il valore multi-esperienziale nel patrimonio culturale, fornendo un’integrazione tra contenuti culturali tradizionali e altre esperienze come socializzazione, intrattenimento e apprendimento in cui i visitatori godono di una nuova forma di valore narrativo co-creativo, quindi proprio di soddisfazione.

Inoltre per quanto detto sopra: quel che prima era una opportunità oggi è una necessità. Un cambio di passo del settore non solo auspicato, ma richiesto, che per compiersi deve iniziare dal rivedere alcuni dei paradigmi propri delle attività di diffusione culturale secondo una nuova interpretazione della relazione tra contenuto e fruitore in chiave partecipativa, anche attraverso un saggio uso di queste nuove “regole di ingaggio”, capaci di compiere non una sostituzione delle metodologie più “classiche” di fruizione e divulgazione, ma di creare vere e proprie nuove esperienze commiste, incrementando le potenzialità dell’innovazione tecnica, ma soprattutto facilitando il compiersi di quella tanto ricercata centralità del pubblico intesa come innovazione sociale. Perché se la trasmissione culturale, negli ultimi anni, si è sempre più fatta narrazione ed esperienza, come tale va interpretata a partire dal contenuto, in cui la tecnologia può e deve essere solo un mezzo e mai il fine, in un processo che i musei devono fare proprio, pena l’esclusione dalla contemporaneità della società di cui sono parte integrante.

Quali sono i benefici e le opportunità offerte dal digitale e dalle nuove ICT? Quali invece le criticità?

cms_28703/2_1671079849.jpgLa combinazione bilanciata tra l’autenticità del patrimonio culturale (museale o territoriale) ed il contenuto innovativo, stimola l’engagement di nuovi visitatori ed il pubblico consolidato a rivisitare; ed attiva il processo di collaborazione intelligente e l’interazione sociale tra i Ciò che oggi possiamo augurarci in termini di sviluppo di una nuova narrativa culturale è legato al saper reinterpretare i nuovi “luoghi della cultura” come organismi in evoluzione, risultato di un lungo processo non concluso di adattamento alle nuove tendenze sociali, e ciò riguarda tanto il potenziale creativo ed espressivo tecnologico offerto dal mercato agli istituti, quanto a quello collettivo del pubblico. Accettare questo significa porre le basi per una reale inversione di tendenza e frenare lo spopolamento culturale. visitatori e l’elemento culturale ed esperienziale. Una relazione innovativa tra pubblici ed istituti in cui “luoghi della cultura” si connotano come mediatori di significati, acceleratori e facilitatori di conoscenza attivi ed in cui la dimensione educativa e formativa dei musei trova nuove modalità di espressione, arricchendo il modello educativo scolastico.

D’altra parte, però, se da un lato la nuova narrazione può oggettivamente amplificare l’innata capacità di proporre esperienze coinvolgenti tipica dei musei, creando nuove occasioni di contatto e relazione che favoriscono il dialogo e la condivisione; dall’altro lato va sottolineato il ruolo pervasivo dell’innovazione, a cui necessariamente occorre prestare attenzione, in particolar modo per ciò che riguarda la “consapevolezza dell’innovazione”, consapevolezza (soprattutto dei rischi di un uso scorretto dei mezzi) che oggi troppo spesso presenta forti limitazioni: ad oggi, il modello comune dell’offerta esperienziale e narrativa culturale, in particolar modo per quel che riguarda quella museale italiana (in cui il ruolo educativo, divulgativo e formativo è una caratteristica che va considerata intrinseca nell’identità museale stessa), è ancora spesso ancorata ad una modalità sostanzialmente tradizionale, fatta di “osservazione passiva”, da un lato, e molto superficiale dall’altro, dal lato proprio dell’uso degli strumenti. Tuttavia sempre più casi virtuosi si stanno affacciando in questo complesso panorama, spostando gradatamente l’orizzonte verso un maggior impegno attivo e interpretativo delle opportunità/necessità di supporto dell’esperienza di visita, proprio grazie ad una maggior dimestichezza nell’uso delle potenzialità tecnologiche e multimediali.

Com’è cambiata la costumer experience/visitor experience nel corso degli anni? Secondo Lei, nel percorso di visita dei musei il concetto di “experience” deve essere considerato una best practices/un “must have” per i manager culturali?

cms_28703/3.jpgGli studi sulla “Customer Satisfaction” di Burns e Neisner (2006) ma anche Il rapporto della Commissione Europea “Cultural access and participation n.7”, o le ricerche condotte dall’economo Martin Falk e dalla sociologa Tally Katz-Gerro, descrivono chiaramente il ruolo sempre più centrale di persuasione che le emozioni hanno nel formare, orientare e sedimentare le nostre convinzioni e, conseguentemente, le nostre scelte ed aspettative. Gunn (1988) e Echtner / Ritchie (1991), similmente, ci suggeriscono come le nostre “intenzioni” siano sostanzialmente governate da aspetti cognitivi e affettivi. Le emozioni, dunque, oggi come non mai ci guidano, ci suggeriscono come comportarci in rapporto con il mondo che ci circonda. Agiscono come fonte di informazione, di comparazione, di orientamento e di esplorazione. Un complesso meccanismo di formazione ed auto- formazione che influenza fortemente il nostro potere decisionale.

Conseguentemente a queste premesse, e se è vero, com’è vero, che l’ambiente e le prassi in cui i nostri bisogni di consumo si sono modificati, anche bisogni e aspettative connessi alla fruizione del contesto culturale richiedono sempre più di esser soddisfatti secondo differenti modalità a differenti livelli di accessibilità e nuove dinamiche di personalizzazione nell’offerta dell’esperienza di visita. Un elemento, quello della partecipazione culturale, ormai discriminante per quanto riguarda l’audience development culturale.

Inoltre, la crisi economica del 2009 risulta essere solo in parte responsabile di tale calo. La razionalizzazione economica e gli effetti negativi nel lungo periodo che hanno gravato sulla capacità di spesa del singolo individuo hanno portato ad una ridefinizione di quello che socialmente viene considerato “bene primario”. Tale prospettiva ha causato una grave disaffezione sociale nei confronti dei beni culturali, la cui fruizione viene ritenuta oggi sostanzialmente superflua ed accessoria da parte di una crescente porzione di popolazione europea: alla mancata possibilità di accedere a servizi e ad attività culturali è sopraggiunta anche una mancata volontà di dedicarvisi.

La questione, allora, pare non essere chiara nella differenza tra mezzo e fine, quindi, forse, occorre lasciare per un momento da parte il come, il mezzo (la narrazione culturale), per affrontare prima il tema del perché, del fine (la valorizzazione), al fine di comprenderne meglio le potenzialità d’uso (ma anche le criticità). Perché ancora troppo spesso si tende a semplificare l’esperienza culturale secondo una equazione lineare di “entrata, sosta davanti alle opere, uscita”. Un modello che non considera il “valore di attrattività” ovvero ciò che può fare la differenza nella scelta o meno di accedere ad un museo o di usufruire di una esperienza culturale. Una somma oggettiva e soggettiva che nasce dall’equilibrio tra il “tempo” (interesse) e il “costo” di quella esperienza e che diventa “valore d’interesse”.

In questo senso le politiche culturali progettate in questi anni per rendere i siti culturali accessibili a un pubblico più ampio, non sono state capaci di centrare a pieno l’obiettivo. Ciò identifica nell’accrescimento delle occasioni di crescita educativa una delle principali sfide su scala europea da fronteggiare per superare anche le difficolta del settore culturale. semplificando, il settore culturale dovrà sempre più confrontarsi con un nuovo equilibrio tra domanda e offerta dell’esperienza culturale in cui sarà sempre più l’offerta culturale a creare la domanda.

Tuttavia, le istituzioni culturali nel complesso (non tutte) continuano a sostenere che la mancanza di attrattività sia “colpa” dell’apatia culturale dei visitatori data sostanzialmente dalla crescita nell’uso di internet e dei nuovi media. Posizione che tuttavia le evidenze non sembrano confermare. Infatti, ad un abbassamento dei numeri nella “partecipazione fisica” alla cultura, un numero crescente di persone si è rivolto ad altre fonti per soddisfare i propri “bisogni culturali” di intrattenimento e apprendimento utilizzando modi “alternativi” per condividere l’arte, la musica e le proprie ed altrui storie reciprocamente. Allora la domanda da porsi è: come mai, nonostante si possa ancora riscontrare una certa volontà di contatto e relazione per un’ampia gamma di input culturali, larghe porzioni di pubblico decidono di tralasciarne la componente esperienziale attiva- fisica e quindi di non frequentare abitualmente mostre e musei, biblioteche, teatri, cinema e spazi culturali?

cms_28703/4.jpg

Sempre più il focus delle organizzazioni culturali verte sull’utilizzo delle strategie di management e marketing digitale. In particolare, si è molto attenti a perseguire percorsi strategici di audience develpment, di digital education (edutainment ed engagement), di customer satisfaction e della customer experience. Cosa ne pensa al riguardo? Quali migliori strategie di management e marketing digitale ritiene siano indispensabili per rimanere competitivi nel mercato?

cms_28703/5.jpgAncora troppo spesso si tende a semplificare l’esperienza culturale secondo una equazione lineare di “entrata, sosta davanti alle opere, uscita”. Un modello che non considera il “valore di attrattività” ovvero ciò che può fare la differenza nella scelta o meno di accedere ad un museo o di usufruire di una esperienza culturale. Una somma oggettiva e soggettiva che nasce dall’equilibrio tra il “tempo” (interesse) e il “costo” di quella esperienza e che diventa “valore d’interesse”. Uscire da questa morsa sarebbe già una azione di rinnovo fondamentale. Allora Passare dal biglietto alla tessera, e dal “visitatore” al “socio”, rappresenta una trasformazione profonda (e profondamente giusta) del concetto di #museo e della sua accessibilità, un’opportunità di avvicinarlo di più alla sua comunità, di offrirlo al cuore della città. Perché i visitatori “ospiti” hanno una voce, certo, ma i “soci”, coloro che vivono quotidianamente un rapporto con l’arte, ma anche coi servizi (fisici e online) e con gli spazi museali, non limitandosi a una sola visita, ma vivendoli giorno per giorno, ne hanno un’altra, più consapevole. Ed è lì cui dobbiamo oggi guardare, e a intuizioni come questa di Brera, attraverso cui si può (si deve) ripensare l’idea di accessibilità culturale e responsabilità turistica: serve passare dal biglietto alla tessera, all’abbonamento, per plasmare un flusso di accesso e renderlo inclusivo e sostenibile, che assimili i turisti ai cittadini senza escludere gli uni o gli altri, ma soprattutto per garantire la miglior libertà e partecipazione di fruizione possibile. Perché l’identità di un museo (e il suo modello economico) dovrebbe basarsi su tutto ciò che fa per valorizzare le sue collezioni, non solo sul numero dei visitatori come misura del suo successo.

Significa introdurre nei processi di sviluppo territoriale del nostro Paese nuove prospettive che possono (devono) favorire l’uscita dalle logiche di “marketing” e di comunicazione del secolo scorso, e a cui territori, enti locali (e musei) troppo spesso si sono piegati. Passare da una impostazione verticale ad una orizzontale, significa ampliare le occasioni di relazione culturale, amplificando reti, differenziando mete e luoghi e coinvolgendo nuove comunità, il che non può che avere ricadute positive. Si tratta di riscrivere in modo più esteso le dinamiche di programmazione culturale pensando oltre l’emergenza pandemica per posare oggi le basi di uno sviluppo sostenibile dei territori di domani.

***** ***** ***** ***** *****

Info:https://www.editorialescientifica.com/shop/catalogo/collane-di-economia/punto-org/breve-guida-la-valorizzazione-culturale-4-0-detail.html

Per maggiori approfondimenti sulla tematica e la versione integrale dell’intervista DiCultHer https://www.diculther.it/rivista/, la meta-rivista open access per promuovere l’educazione alla Cultura Digitale e le ricerche sul digitale applicato al patrimonio culturale.

***** ***** ***** ***** *****

Data:

15 Dicembre 2022