Traduci

LA VERITA’ SULLE TORRI GEMELLE..

cms_3923/foto_2.jpgDopo l’ennesima falsa notizia sul bombardamento dell’ospedale in Siria, Antoine Audo, arcivescovo caldeo di Aleppo, interviene indignato: “Questa guerra è organizzata per interessi USA e Israele, secondo un accordo ben orchestrato… tramite intermediari come la Turchia, l’Arabia Saudita, il Qatar… La Turchia manda ogni giorno nuovi combattenti… i soldi vengono dall’Arabia Saudita… i miliziani sono armati e addestrati dalla Turchia” Ancor più indignato, l’antidiplomatico.it, che si scaglia contro le bugie sulla Siria enunciate dal giornale “Il Fatto Quotidiano” e dal TG3 che mandava in onda un servizio definito della “Vergogna” per le informazioni “spazzatura” date da Giovanna Botteri’ sulla Siria. News su :”l’ultimo pediatra ad Aleppo” e dell’”accordo Isis-Assad”.

cms_3923/foto3.jpeg

Quando l’informazione ‘spazzatura’ viene da giornalisti noti è difficile correggere le interpretazioni sui fatti di guerra che i cittadini europei commentano ogni giorno quando le notizie bucano lo schermo paralizzandoli con le loro scioccanti informazioni. Pochi provano ad approfondire per capire da dove e perché nasce l’orrore di queste guerre. Non esistono responsabilità esterne né mandanti o ‘architetti’ di morte per costoro.

cms_3923/foto_4.jpg

Tutto nasce dalla popolazione siriana che protesta contro Assad. Su queste menzogne e sull’ingenuità degli idealisti del terzo millennio, si realizzano progetti di morte per servire la causa dei potenti. Quindi, le bugie fanno ormai parte delle strategie di guerra come le armi e e le bombe. Se ripercorriamo per esempio, la tragedia relativa al crollo delle Torri Gemelle del 2001, ricorderemo tutti come alle notizie più drammatiche siano seguite decisioni politiche e avvenimenti che hanno modificato il corso pacifico della storia di questi nostri anni attraversati , con intervalli più o meno brevi, da guerre multiple; l’ ultima più cruenta, l’attacco alla Siria, voluta e programmata già nel 2000 da George Bush jr. e dalla su Dottrina applicata dopo l’ 11 sett 2001 per combattere il terrorismo dei fondamentalisti islamici, ma con ampia libertà di distruggere paesi non allineati alla politica degli Usa.

cms_3923/foto_5.jpgAnche in quella occasione, la menzogna ha trionfato nei sotterranei del potere. Come scrive uno degli esponenti principali dei ‘neocon’,(neoconservatori), Robert Kagan nei suoi saggi ‘Il Diritto di fare la Guerra’; La Quarta Guerra Mondiale, Come è Cominciata, Cosa Significa e Perché Dobbiamo Vincerla’ e ancora ‘Paradiso e Potere’. America ed Europa nel Nuovo Ordine Mondiale”, lo scopo della dottrina politica di Bush è quello di creare un mondo governato da una democrazia superiore. Quindi kagan riconoscendo negli gli USA una civiltà e una democrazia superiore, questi avrebbero il ‘Diritto di Fare la Guerra’ come e quando la ritengano necessaria per salvaguardare la loro democrazia ‘superiore’. Lo stesso Governo ergendosi a giudice supremo dei popoli, tradendo con le sue azioni opportunisticamente giustizialiste proprio quella ‘democrazia Superiore’, avrebbe il diritto di eliminare popoli che non sono in linea con la sua politica e stringono amicizie pericolose con paesi rivali come la Russia, la Cina, l’Iran…

cms_3923/foto_6.jpg

Secondo questa filosofia politica, la Siria, amica di Russia e Iran, deve essere distrutta. La sua distruzione,infatti, venne programmata da Bush jr già quando questi espose al suo gruppo di repubblicani un progetto che si chiamava “The Project for a New American Century (Il Progetto per un Nuovo Secolo Americano) con il quale redasse un documento nel quale erano elencati i Paesi in cui doveva accadere un cambio di regime (“regime change”) …. In questo gruppo c’era la Siria, l’Iraq, la Libia etc….. paesi che, da allora, sono stati coinvolti nella guerra. Di quel gruppo facevano parte Cheney, Rumsfeld, Wolfowitz; tutti personaggi che poi giunsero al potere pochi mesi dopo la pubblicazione del documento……( da controinformazione.info).

cms_3923/foto_7.jpg

Appare evidente che per agire apertamente si debbano trovare dei pretesti che giustifichino atti di guerra. Ma le stranezze di un Governo democratico come gli USA, al di là di chi sia Presidente, poggiano soprattutto sulla messa in scena, sul disprezzo e sul disinteresse verso lo stesso popolo americano che all’occasione viene sacrificato per un obiettivo, non sempre ‘patriottico’. Così è stato per il crollo delle Torri Gemelle dove l’attacco, già nell’aria fu preannunciato dai servizi segreti israeliani, non doveva essere fermato. Bisognava creare l’effetto sorpresa con migliaia di morti perché il paese reagisse e si schierasse con i programmi segreti mondialisti di Bush. Nessuno nel mondo avrebbe potuto mai accettare una verità diversa da quella che era sotto gli occhi di tutti, visibile, concreta, spaventosamente reale. Ma accade che il tempo, come se fosse un’entità che tutto vede e tutto cerca, un bel giorno ci pone di fronte ad altri eventi che si intrecciano in modo oscuro con quelli precedentemente accaduti e la verità, come se obbedisse ad una legge naturale, si affaccia con prepotenza per essere ascoltata. A quel punto una verità chiama l’altra e tutte escono dal buio per essere illuminate dalla luce del sole. Niente più misteri.

cms_3923/foto_8.jpg

Oggi, ciò che erano solo dicerie diventano verità perché confessate e documentate. Il 21 Aprile scorso 2016, infatti, Steve Pieczenik, psichiatra che già durante il sequestro di Aldo Moro ebbe parte attiva nella sorveglianza del Presidente del Consiglio perchè gli ordini andassero a ‘buon fine’, intervistato da Alex Jones, creatore del sito InfoWars, racconta la verità sull’11 sett.2001. Nel video-intervista, diffuso nel pieno della campagna americana, Pieczenik attribuisce le colpe dell’attentato alle Torri Gemelle, alla monarchia saudita minacciando di pubblicare il rapporto segretato da Bush jr. in cui sono citati importanti personaggi politici che allora, istigati da Israele, organizzarono l’attentato. Per approfondimenti:

(http://www.maurizioblondet.it/11-settembre-luomo-washington-accusa-israele/)

cms_3923/foto_9.jpg

A questo punto tutte le stragi in Italia comprese gli ultimi clamorosi eccidi hanno un denominatore comune che nessun politico oserebbe mai pronunciare attribuendoli tutti a ‘Casa nostra’ o ‘Cosa nostra’.

Ovviamente, Bush per giustificare gli attacchi bellici contro l’Iraq di Saddam nel 2003 dovette ricorrere a verità che non hanno mai trovato conferme in alcun documento o testimonianza. E mentre tutto il mondo piangeva ancora per quelle 4 mila vittime innocenti, il Presidente nascondeva la verità e prendeva le armi contro l’Afghanistan nel 2001, mentre i precedenti governi USA all’epoca dell’invasione Russa , 79-89, in Afghanistan, con il loro appoggio ai mujahidin e talebani , spensero per sempre quegli ultimi bagliori di emancipazione sociale e femminile che negli anni 70 videro le donne afghane uscire dall’ombra del maschilismo fondamentalista per ritrovare la libertà di essere donne e non schiave.).

cms_3923/foto_10.jpg (Leragazze afghane, prima e dopo;foto tratta dal blog di Maurizio Blondet)

Stessa sorte accadde alle donne iraniane che con la deposizione di Mossadeq e la caduta dello Scià Reza Pahlavi, furono ricacciate, con komeini,(sostenuto dalla CIA) nel più cieco fondamentalismo. Insomma gli USA fanno rinascere ovunque i fondamentalismi, li usano e poi li combattono. Così è stato per la Siria dove un esercito di mercenari fondamentalisti detti terroristi per le atrocità commesse da cinque anni ad oggi, ha sterminato 470.000 siriani tra cui curdi già perseguitati dalla Turchia (questo il conto dichiarato dal Vicario Apostolico della Siria, Abou Khazen, intervistato sabato 7 –maggio 016 nella trasmissione ‘Soul’ di TV 2000). La coalizione ‘USA- Arabia Saudita –Turchia’, pur di abbattere Assad, decide la soppressione fisica di intere famiglie, religiosi cristiani, caldei, siri, ortodossi, siriani musulmani che ben conoscono la realtà del luogo e testimoniano la verità sulle carneficine giornaliere. “ Fares Shebabi. esponente di un partito non di governo al Parlamento di Damasco, per esempio,ha affermato che il recente bombardamento all’ospedale «è stato effettuato con missili lanciati dai terroristi che cercavano di colpire la Cittadella […] a un volo di uccello dal luogo in cui si trova l’armata siriana. lo stesso Governo siriano ha smentito il suo coinvolgimento ….».

cms_3923/foto_11.jpg

Per approfondimenti: http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2016/4/30/CAOS-SIRIA-Alsabagh-Aleppo-le-bombe-non-sono-di-Assad-ma-di-Isis-e-al-Nusra/700416/

Insomma gli USA hanno già dichiarato che se Assad non lascerà la Siria entro Agosto, gli Americani entreranno direttamente per finire il lavoro. Ma per il Sud Europa i dolori comunque non cesseranno.

cms_3923/foto_12.jpg

Non chiedete quanto durerà ancora il terrore e l’immigrazione perché la risposta è scritta nell’articolo del sito ‘controinformazione.it a sua volta ripreso da un articolo di ‘Repubblica’ dal titolo: “Migranti, il Pentagono: una crisi che durerà almeno 20 anni”, cioè a dire che l’immigrazione di massa è stata programmata per durare un ventennio. Lo ha dichiarato alla Bbc il generale Martin Dempsey, Capo degli Stati maggiori degli USA. Dunque ci aspettano 20 anni di guerre, di ondate di profughi, di stermini di massa e di crisi economica indotta. Non è un caso che in un comunicato TG anche il Fondo Monetario Internazionale riteneva che l’Italia sarebbe uscita dalla crisi finanziaria bilanciando il suo debito solo tra 20 anni.

Preoccupanti le considerazioni della giornalista di Controinformazione.info che scrive : “……Vent’anni di stragi di innocenti, di distruzione delle infrastrutture e del patrimonio storico in Medio Oriente e in Africa settentrionale, per opera degli assassini “islamowahabiti” molto utili al Pentagono, molto efficienti nel seminare morte e distruzione, molto abili nel generare nuove ondate di profughi. E’ proprio quello che vogliono i signori del denaro e della finanza, che controllano anche il Pentagono, ed è proprio per questo che la “coalizione internazionale” a guida americana non interviene con decisione contro i macellai dell’Isis.”.

cms_3923/foto_13.jpg

Anche in Europa la strategia USA è altrettanto ambigua. Qualunque siano le verità il silenzio è d’obbligo. L’Italia rimane inascoltata quando Renzi propone all’Europa la revisione della Convenzione di Dublino che obbliga il paese di prima accoglienza a provvedere alla identificazione, all’esame delle domande verso paesi richiesti…. Ma se i paesi rifiutano di accogliere, l’immigrato rimane nel primo paese di accoglienza che solitamente è l’Italia. Nessun cambiamento è previsto e questo è indice di scarsa solidarietà tra i principali partner europei del Nord. L’immigrazione continuerà a rappresentare il problema più destabilizzante che distruggerà i paesi europei del sud sempre più deboli soprattutto ora che la Commissione sta varando una punizione esemplare che costringe i paesi che non accolgono gli immigrati a versare 250 mila euro per ogni immigrato non accolto . Complimenti Europa, un provvedimento dittatoriale che neanche Mussolini avrebbe mai pensato di attuare nonostante fosse un dittatore.

L’Europa è in pugno, con un califfo che chiede l’ingresso in Europa senza visto per 80 milioni di Turchi e il terrorismo sempre in agguato.

Data:

14 Maggio 2016