Traduci

L’Arte che nutre la mente

Architetto, scrittore, artista performativo, pittore: questo e molto altro è Riccardo Gaffuri, nato a Monza ma attivo su tutto il territorio lombardo.

Personaggio eclettico, ha saputo declinare la sua passione per l’arte sotto molteplici forme, evidenziando quanto la sua ricerca su tutto ciò che riesce a trasmettere emozioni sia fondamentale per il suo percorso artistico ed umano.

Nel 2011 scrive il suo primo romanzo: “Salvate Marylin”, poi “Le anime nascoste”, una storia di sentimenti forti e contrastanti vissuta attraverso gli occhi di un quindicenne anticonformista.

cms_20400/FOTO_1.jpg

Riccardo Gaffuri

Tuttavia il ramo nel quale è più conosciuto è sicuramente quello legato alla pittura; famosa la collezione “Donna o Divina” in cui Riccardo Gaffuri, scavando nei volti e negli animi di alcune tra le dive del cinema più amate di tutti i tempi, riesce a far emergere la donna che vi si nasconde dentro.

Poi la più recente collezione “Duels” – duelli – che è invece una sorta di incontro/scontro tra due mondi distinti ma pur sempre due facce di una stessa medaglia.

In DUELS N. 1, ad esempio, sono protagoniste “Madonna & Madonna”, icone di due mondi distanti e contrapposti: il sacro e il profano. Ma è davvero così?

cms_20400/FOTO_2_-_Duel_1_Madonna_&_Madonna.jpg

“Madonna & Madonna”, DUELS N.1 by Riccardo Gaffuri

Di certo l’opera di Gaffuri non vuole essere irrispettosa né tantomeno dissacrante: l’artista vuole semplicemente far PENSARE. “Ogni persona ha la capacità di riflettere su quanto gli accade intorno: il mio è un contributo affinché questo accada, affinché la gente non si fermi alle apparenze ma rifletta, capisca e diventi consapevole”. Questo è l’augurio che l’artista fa a se stesso e a quanti si imbattono nelle sue opere.

Dico “si imbattono” perché le opere di Gaffuri non si trovano soltanto esposte nelle gallerie d’arte ma è possibile trovarle anche agli angoli delle strade o affisse su un qualsiasi supporto cittadino… la sua è arte urbana, arte per tutti, perché tutti hanno il diritto di fruirne e di coglierne il messaggio nascosto.

Questo è il lato “sociale”, quasi missionario, dell’operato di Riccardo Gaffuri.

cms_20400/FOTO_3.jpg

Riccardo Gaffuri social artist

L’artista non ha il potere di cambiare le cose: non è un politico, non è un economista è solo una persona che propone qualcosa attraverso la propria arte e cerca di far riflettere. Se anche una sola persona, vedendo la sua opera, può modificare il proprio modo di vedere le cose e avvicinarsi ad un concetto migliore, allora l’artista ha raggiunto il suo scopo”.

Questo il pensiero dell’artista. Lo dimostrano anche le numerose iniziative a sfondo sociale in cui è impegnato: ultima fra tutte “L’Arte contro la violenza”, progetto in collaborazione con l’Associazione “Fermati Otello” di Milano, che si propone di sensibilizzare il pubblico su questa gravissima piaga sociale.

cms_20400/FOTO_4_-_l_arte_contro_la_violenza.jpg

“L’Arte contro la violenza” by Riccardo Gaffuri

L’evento, in parte bloccato dalla situazione creatasi a causa del Covid-19, è stato inaugurato online il 25 novembre 2020 con la partecipazione della Presidente dell’Associazione Fermati Otello Francesca Savoldini e l’avvocato Elena Mauri; l’Intenzione di tutti è di continuare la divulgazione affinché, attraverso l’arte, possa nascere un vero e proprio dibattito che coinvolga, oltre a Milano, molte altre città e comuni.

L’intervista che segue è stata realizzata da “Tavoli HeArt” per la Social TV della storica Libreria Bocca di Milano, all’interno della splendida cornice di Galleria Vittorio Emanuele II.

La Libreria Bocca dal 1775 è locale Storico d’Italia con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

International Web Post – nella persona del suo fondatore e direttore Attilio Miani – si fa portavoce di questa realtà, dando voce ad una realtà editoriale che è parte del nostro patrimonio culturale. #socialtvlbocca

Dove trovare Riccardo Gaffuri:

https://www.facebook.com/Ricky.Gaffuri

https://www.instagram.com/rgaffuri/

Autore:

Data:

22 Dicembre 2020