Traduci

LE INSEGNE: UN SEGNO DI DISTINZIONE!

Le Insegne, usate per pubblicizzare di tutto, dalla soda a forniture per le industrie a elettrodomestici per la casa, ne esistono di diversi tipi e supporti dal legno, alla porcellana smaltata, al neon.

Nell’Europa del XVII e XVIII secolo e nell’America dell’inizio, la maggior parte della popolazione era analfabeta, quindi i negozianti spesso utilizzavano segni figurativi al di fuori delle loro attività per attirare i clienti:

i barbieri usavano un palo dipinto con strisce rosse, bianche e blu in un motivo a cavatappi, i farmacisti usavano “globi da esposizione” riempiti di liquido colorato, i banchi dei pegni mostravano tre palline d’oro e le tabaccherie posizionavano statue di legno dei nativi americani fuori dalle loro porte.

cms_22585/1.jpg

Durante il XVIII secolo in Europa e in America, sempre più commercianti sceglievano semplici insegne in legno di forma quadrata, rettangolare o rotonda dipinte a mano con il minimo numero di parole per comunicare quali servizi venivano offerti all’interno.

cms_22585/2.jpg

Le insegne di porcellana furono prodotte la prima volta in Europa nel tardo 1800 e divennero popolari negli Stati Uniti nel 1890.

Le insegne di porcellana erano durevoli e in grado di resistere agli agenti atmosferici, per questo ne furono realizzate decine di migliaia.

cms_22585/3.jpg

All’inizio del XIX secolo, le aziende iniziarono a utilizzare insegne di latta dipinte a mano e poi stampate, mentre l’arte di scrivere a mano e dipingere a mano muri, finestre e cartelloni pubblicitari stava appena iniziando a fiorire.

Con il fiorire della seconda era industriale nell’America e nell’Europa del dopoguerra, il marchio, i loghi e altri segni distintivi per distinguere i prodotti divennero incredibilmente importanti per i produttori concorrenti.

cms_22585/4.jpg

Gli artigiani che dipingevano insegne a mano eccellevano in lettere stupende e strabilianti e aiutavano aziende come Coca-Cola a sviluppare i loro loghi.

Alla fine del XIX secolo, i produttori americani svilupparono nuove macchine e tecniche che consentivano loro di stampare, tagliare e applicare litografie su fogli di stagno.

cms_22585/5.jpg

Ciò ha consentito ai produttori che realizzavano prodotti come cosmetici, tabacco o alimenti trasformati di sviluppare loghi e caratteri colorati e vivaci che potevano essere litografati su contenitori di latta e targhe di latta per attirare nuovi clienti.

cms_22585/6.jpg

Durante i primi anni del XX secolo le insegne in latta e porcellana furono sviluppate per servire a un duplice scopo di pubblicità di prodotti e funzionanti come spinte o tiri delle porte .

cms_22585/7.jpg

Altri erano dotati di un termometro incorporato e venivano appesi fuori nei negozi di campagna per tenere gli agricoltori aggiornati sul tempo.

cms_22585/8.jpg

La prima insegna al neon fu introdotta nel 1912, per un barbiere parigino.

Le insegne al neon contengono tubi riempiti di neon o gas inerti che si illuminano quando viene applicata un’alta tensione.

Sebbene popolare negli anni ’20 e ’30, erano costosi da realizzare e molto fragili.

cms_22585/9.jpg

Negli anni ’40 e ’50, insegne al neon su misura venivano prodotte in piccole quantità per aziende come ristoranti, club, bar, hotel e concessionarie di automobili.

cms_22585/10.jpg

Nel tempo non hanno mutato il loro scopo cioè quello di essere tra i più importanti catalizzatori d’attenzione del traffico cittadino. Si sono evolute, si ergono belle, luminose, coloratissime, originali, stravaganti, personalizzate ma sempre ad identificare a chi passa

L’ attività commerciale o il punto vendita dedicato prima ancora di entrarci.

Tutte le foto sono gentile concessione di Constantino Luis Marino

Data:

21 Luglio 2021