Traduci

LIEGI-BASTOGNE-LIEGI, LA “DECANA” STA PER RITORNARE

Da più di un secolo a questa parte, ogni aprile dell’anno, una grande festa va in scena nella regione Vallone del Belgio. Tutto è pronto per la “Classica delle Classiche” del Nord. Cresce l’attesa per la più antica tra le corse ciclistiche su strada. Giunta alla centunesima edizione, e nota ai più come la Doyenne (it. Decana), Domani,Domenica 26 aprile ritorna la “Liegi Bastogne Liegi”.

cms_2122/03.jpg

Nata nel 1892 grazie alla “Unione Ciclistica di Liegi”, la gara si svolge nella parte francofona del piccolo Stato nord europeo, attraverso la foresta delle Ardenne e lungo un percorso che costeggia il fiume Ourthe (affluente della Mosa). Circa 260 Km da percorrere, con partenza da Liegi, transito da Bastogne al 163° km e arrivo alla periferia di Liegi nel borgo residenziale di Ans. Come di consueto, anche questa edizione è caratterizzata dalle numerose salite che i corridori si ritroveranno a scalare sin dalle prime ore di pedalata.

cms_2122/percorso.gif

Da segnalare al 123° e al 173° kilometro quelle più dure con il Côte de Saint-Roch e Côte de Stockeu, rispettivamente dell’11 e il 12 % di pendenza; anche se, si dovrà attendere l’ultima frazione di gara (a 60 e 5 kilometri dal traguardo) per vedere un po’ di bagarre. Questi sono i due riferimenti per gli uomini di testa per serrare i ranghi con i propri compagni di squadra, e tentare di andare in fuga, creando, sulla salita della Redoute e su quella più famosa di Saint Nicolas (n.d.r. Questa salita la conosco bene, addirittura in motorino è facile impallarsi), il divario tra battistrada e diretti inseguitori.La “Liegi Bastone Liegi” è conosciuta anche come la Corsa degli italiani, poichéi dintorni e le periferie del capoluogo della Vallonia ospitano una tra le più grandi comunità al mondo di emigranti italiani (n.d.r. Mio nonno paterno ci ha lasciato la Salute nelle miniere di carbone belghe). Questa è la corsa che, insieme alla Parigi Roubaix (13 vittorie), tanto ha dato ai colori azzurri.

cms_2122/argentin1.jpg

Dodici i traguardi conquistati fino a oggi. Memorabili le vittorie degli anni 80’ con Moreno Argentin, e quelle di Bettin conquistate proprio sulla salita Saint Nicolas, tanto cara agli italiani del Belgio (quel giorno il Tricolore sbandierava dappertutto). Sono trascorsi otto anni dall’ultima vittoria di un atleta azzurro. L’ultimo a salire sul gradino più alto del podio, è stato Danilo Di Luca nel 2007. Per l’edizione di quest’anno occhi puntati sul vincitore del Tour, Vincenzo Nibali. Il ciclista Italiano dell’Astana Pro Team, dopo l’ottima prova alla “Amstel Gold Race”, ha dimostrato di possedere grandi possibilità per giungere al traguardo insieme ai più quotati Alejandro Valverde, e al campione uscente Simone Gerrans. Non perdete l’appuntamento per la diretta Rai di domani a partire dalle 13:50, o alle 14:15 su Eurosport (canale Sky). E allora: Innesta il rapporto 39/21 e spingi la ruota in salita, il traguardo è vicino.

Data:

25 Aprile 2015