Traduci

L’inaugurazione della Katedrale Madre Teresa a Pristina

Quello che si nota, in questo bellissima e calda giornata di inizio autunno, è la gioia negli occhi della gente. Una gioia che non conosce euforia, ma che è evidente nell’atmosfera di festa che circonda l’intera città; una città che ha visto molto, che non ha saputo restare in silenzio e che ha lottato con serenità e pazienza, certa che un giorno sarebbe arrivata la libertà.

L’evento di oggi mette a tacere tutte quelle voci, ferma tutte le nubi che volevano coprire questa terra con il grigio cupo dell’odio, che mai è riuscito a infiltrarsi nell’anima e nel sentimento dei kosovari. Un animo libero non si può corrompere né comprare. In questi tempi difficili, che vedono al centro del dibattito mondiale terrorismo islamico, non è difficile imbattersi nelle provocazioni dei Paesi vicini all’Albania. “Qual è la fede degli albanesi?”: questo l’interrogativo che spesso tappezza le prime pagine dei giornali stranieri.

cms_7169/2.jpg

Il Kosovo, orgoglioso, inaugura oggi la grande Cattedrale dedicata a una delle figure più importanti al Mondo, la santa Madre Teresa. Un gesto che la dice lunga sui valori dell’Albania, mettendo a tacere i detrattori: che ciò che conta davvero e di cui ha bisogno il Paese, dopo tanti anni di isolamento e vessazioni, è il sacrificio per la libertà. Dal momento della sua nascita, mai il popolo albanese ha tentato di conquistare la terra, la lingua, le tradizioni e le ricchezze altrui. Sin dai tempi dei pacifici Ilir – che si estendevano dall’Albania e dal Kosovo fino a Salonicco, alla Macedonia e al Montenegro – gli albanesi hanno sentito il bisogno di mostrare ciò che la storia non ha raccontato fino ad ora, una verità coperta di sangue dai Paesi vicini e da chi li appoggiava nel mondo.

cms_7169/3.jpgDue figure oggi importantissime per l’Albania sono proprio Madre Teresa (Anjeze Gonxhe Bojaxhi) e Skenderbe (Gjergj Kastrioti Skenderbe), che con la sua spada impedì agli ottomani di penetrare l’Europa.Dell’Albania fa anche parte la cultura trasmessa in quei 500 anni di occupazione ottomana. Il Paese cerca di far suo e di trasmettere tutto ciò che è per esso utile e pregevole. La fede dell’Albanese è essere Albanese…è una fede che si nutre della fiducia nella forza del suo popolo e nella verità; ed è proprio l’amore per la verità ad aver riunito oggi, nella bella Pristina, non solo credenti cattolici con i loro rappresentanti, ma anche credenti musulmani e altri fedeli che amano e difendono con orgoglio la figura maestosa di Madre Teresa, la quale ha fatto conoscere al mondo intero il suo piccolo Paese balcanico. Questo è il Kosovo, questo è ciò che vuol dire essere Albanese: la fiducia verso ogni cosa buona, verso ogni piccola speranza che possa contribuire a trovare una soluzione ai problemi del Paese.

Né i titoli dei giornali finanziati da chissà chi, né i gruppi definiti “terroristici” riusciranno a rompere l’ordine naturale che i tempi antichi hanno infuso nell’animo degli albanesi: la fiducia nell’amore reciproco, il rispetto per ogni culto che si trasforma in una magica intesa fra tutte le religioni. Così è stato in passato e così sarà sempre: nessuno potrà mai manipolare tale sentimento, perché costitutivo del carattere della nostra gente, delle sue tradizioni e della cultura in cui affonda le proprie radici. Lo stesso Presidente della Repubblica del Kosovo, Hashim Thaci, ha citato nel suo messaggio la capacità, propria dell’Albanese, di ritrovare la speranza in ogni buona credenza, che sia in una moschea, in una chiesa e in qualunque luogo sacro che possa garantirgli la soluzione ai suoi problemi e la fede nella guarigione in caso di malattia. “Con il suo lavoro e la sua dedizione verso i valori umani, oltre che con la sua lotta a favore della giustizia, il popolo kosovaro ha condotto una ‘battaglia per l’esistenza’, per essere libero così come Dio ci ha creati. Il dialogo, la tolleranza, la verità, il rispetto per tutti e la santità sono la vera fede del nostro popolo” commenta nel suo discorso il Presidente Thaci.

cms_7169/4.jpg

Centinaia di credenti cattolici e musulmani hanno atteso questo giorno con gioia ed emozione, nella speranza che la storia, pur tardando, non possa mai dimenticare un simile evento, così come non ha dimenticato di riconoscere la libertà al Kosovo. Il cinque settembre ha trasformato in realtà il vero sogno degli albanesi, ciò che negli anni il mondo ha cercato di sotterrare con uccisioni e prigionie, con ossessione e malvagità. “Nella casa degli albanesi c’è sempre stato un Cristo, un Cristo della misericordia che non dimenticherebbe mai la loro anima libera e fedele” sostiene il Cardinale Ernesto Simon Troshari, rappresentante di Papa Francesco che fu vittima della persecuzione selvaggia del regime di Enver Hoxha in Albania, dove fu sottoposto alle più atroci torture per 23 anni. Troshani invita inoltre tutti i fedeli a porgere il proprio aiuto ai più bisognosi, seguendo il cammino già tracciato da Madre Teresa.

cms_7169/5.jpgLa Cattedrale ha posto le sue basi nel 2005 per volontà dell’ex Presidente Ibrahim Rrugova. La sua costruzione si è resa possibile con il contributo di tanti fedeli albanesi, oltre che di numerosi amici dell’Albania nel mondo, come alcuni politici statunitensi. L’incessante contributo della diaspora albanese in un mondo che anela alla libertà e alla tolleranza religiosa è riuscito a realizzare ideali che nemmeno la politica aveva saputo concretizzare, come la conoscenza e la promozione dei valori culturali e nazionali. Ne è emblematico esempio la diplomazia della Rete di Imprenditori Albanesi nel Mondo, tema che meriterebbe di essere trattato in un articolo a parte. Anche la Cattedrale – dedicata ad Anjeze Gonxhe Bajaxhiu, eccellente filantropa emigrata della nostra Albania, meglio conosciuta nel mondo come Madre Teresa di Calcutta – rappresenta una testimonianza concreta di queste attività. La nuova Cattedrale consentirà al mondo di conoscere le gesta di questa grande donna, che costituiscono il racconto più importante della nostra storia.

cms_7169/albaniaoggi.jpgShugurimi i Katedrales Nene Tereza ne Prishtine Shqiptaret dhe feja e tyre. Nje dite ne Prishtinen e lire

Ajo qe te bie ne sy ne kete dite te bukur vjeshte ne Prishtin eshte gezimi ne syte e njerezve, nje gezim pa shum eufori por ne menyren me te qet absolute tregojne ate cka kete dite gezimi po ndodh ne qytetin e tyre. Nje qytet qe ka pare shume, qe ska ditur te heshti por qe ka luftuar me qetesine, me durimin, me pritjen e larget por te sigurte qe do arrinte nje dite, liria! Kjo dita e sotme i ve kapakun te gjithe asaj vorbulle, te gjitha atyre reve qe donin te mbulonin kete toke me ngjyren gri te zymtesise, me ate cka gjithmon kane dashur ta mbulojne dhe asnjehere skane pasur mbeshtetje, asnjehere skane depertuar ne shpirtin dhe ndjesine e kosovarit sepse nje shpirt i lir s’esht e thjesht qe ta blesh. Keshtu, ne keto kohe te veshtira, ku qendra e vemendjes se botes duket se eshte te terrorizmi islamik dhe titujt e gazetave te huaja, sidomos te vendeve fqinj nuk ngurrojne aspak te perdorin emertime jo pak provokuese qe arrijne te ajo pyetja aq e thjeshte; Cila eshte feja e shqiptarit? Kosova krenare sot peruron katedralen e madhe te njeres prej figurave me te shenjta ne bote, ate te Nene Terezes dhe i tregon ziliqareve te saj se ajo cka eshte e rendesishme per shqiptarin esht sakrifica per liri, eshte qe ajo c’ka shqiptari ka nevoj sot; t’i tregoj botes mbas shum vitesh izolim dhe harrese, hstorine e vertet te vendit te tij. Asnjeher s’ka lufuar shqiptari as per t’u marr token, gjuhen, traditat dhe pasurite dikujt tjeter qysh kur ka lindur si popull, qysh ne kohen e ilireve paqesor qe shtriheshin qe nga Shqiperia e Kosova deri ne Selanik, Maqedoni e Mal te Zi. Shqiptari ka pasur nevoje te tregoje vetem ate qe historia nuk ka treguar deri me sot, te verteten e mbuluar me gjak nga fqinjet dhe ndihmesit e tyre neper bote. “Dy figura te cmuara te popullit shqiptar qe i njef gjith bota, Nene Tereza (Anjeze Gonxhe Bojaxhi) dhe Skenderbe (Gjergj Kastriot Skenderbeu) qe me shpaten dhe trimat e tij ndaloi osmanet ne brigjet e Italise te mos depertonin Europen. Por Shqiperia eshte dhe kultura e trasheguar ne ato 500 vjet pushtim osman dhe c’kado qe eshte e dobishme dhe e mire per te mundohet ta mbarte e ta trasmetoje. Feja e shqiptarit esht shqiptaria, esht besimi ne forcat e tij dhe besimi ne te verteten. Keshtu sot, e gjithe puna dhe ndjenja per te verteten kan mbledhur ne Kosove, ne Prishtinen e bukur jo vetem besimtar katolik perpara kesaj shnjetorje boterere sic esht Nene Tereza por edhe shume besimtar mysylman qe e duan dhe e mbrojne me krenari emrin e saj. Kjo eshte Kosova, kjo eshte Shqiptaria, besimi ne c’do gje te mire, besimi ne c’do drit shprese per te arritur ne nje zgjidhje. Nuk jane ato titujt e gazetave te paguara nga kushedi se kush, as ato grupe te ashquajtura terroriste qe krijohen me qellime te caktuara per te prishur kete rend natyral qe kohet e lashta kan lene trashegimi ne shpirtin e shqiptarit, sic eshte ajo e besimit ne dashuri, ne respekt per c’do lloj besimi, ne mirekuptim te plote me te gjitha besimet sepse ashtu ka pas qene dhe ashtu do te jete, askush nuk mund te luaj me ate c’ka perben karakterin e njeriut, me traditat dhe kulturen qe ka zene rrenje ne te, e kote sepse asnjehere s’do te mund ta korruptosh dhe ta shesesh. Presidenti i Republikes se Kosoves, Hashim Thaci, theksoi ne mesazhin e tij, se Shqiptari ka gjetur shpresen ne c’do gje te besimit te mire, ne xhami, kishe apo teqe aty ku ndjente se gjente zgjidhje te halleve dhe semundjeve te tij, aty besonte, sepse ne te gjith kena nje Zot. Kjo Katedrale do te tregoje historine e asaj gruaje te madhe shqiptare qe ishte Nene Tereza, sepse ky eshte rrefimi me i rendesishem i historise sone.. Me qindra besimtare te krishtere e mysylmane, e priten kete dite me gezim e brohori, me shpresen se historia do vonoje por kurre s’do harroje, ashtu sic nuk harroi qe ta shohin Kosoven e tyre te lire. 5 shtatori solli ne pah endrren e vertete te shqiptarit, ate cka nder vite u munduan ta mbulojne me dhe, me vrasje internime e burgime, me harrese e me dredhesi. Ashtu sic thote edhe i derguari i Papes sot, At Kardinal Ernest Simon Troshani viktime e persekutimit te eger te regjimit ateist ne Shqiperi ku vuajti per 23 vite me radhe tortura nga me mizoret per ti qendruar besnik Krishtit. “Ne shtepine e shqiptarit gjithmone ka pasur nje krisht, nje krisht meshirimi qe s’do ta harronte kurre shpirtin besimtar e te lire te shqiptarit”. Troshani i ben thirrje te gjithe shqiptareve te ecin nen shembullin e Nene Terezes duke ndihmuar njerezit ne nevoje. Me referim te rastit te paprecedent qe ndodhi diten e bajramit ne Tirane, ku akuzat per mbulimin e shenjtores se Gjergj Kastriot Skenderbe ne sheshin qendror gjate faljes se kurban Bajramit, vijuan per dite me radhe dhe sollen ndergjegjesimin e shoqerise civile shqiptare kudo neper bote, Presidenti Thaci theksoi faktin se shqiptaret ndihen krenar se nga historia e popullit perfundon fjalimin e tij Presidenti Hashim Thaci. Kjo katedrale i hodhi themelet e saj ne vitin 2005, me deshiren e ish Presidentit Ibrahim Rrugova dhe u mundesua me ndihmen e shume besimtareve shqiptare, dashamiresit e Shqiperise neper bote, kongresmeneve te Shteteve te Bashkuara te Amerikes dhe ndihmen e pareshtur qe sjell diaspora shqitare neper bote, e cila me nje deshire te madhe per liri dhe besimin ne tolerancen fetare qe ka shquar gjithmone popullin shqiptar ushtron me pune dhe vullnet ate qe edhe politika nuk arrin te realizoje, njohjen dhe ngritjen e vlerave kulturore dhe atdhetare qe ata si diplomate te palodhshem perfaqesojne neper bote. nje shembull i mire i kesaj ndihme dhe diplomacie eshte edhe Rrjeti i Bizneseve Shqiptare ne Diaspore, por kjo eshte nje teme tjeter qe meriton shpjegim ne nje artikull me te plote. Shembulli konkret i ketyre veprimtarive eshte sot edhe kjo Katerdale qe do te mbaje emrin e nje tjetre humaniste dhe mergimtare te Shqiperise sone, Anjeze Gonxhe Bojaxhi e njohur si Nene Tereza e Kalkutes ne bote sot ne 100 vjetorin e saj dhe nje vit pas shenjterimit te saj ne Vatikan.

Autore:

Data:

11 Settembre 2017