Traduci

Lind Rrjeti i biznesmeneve Shqiptare ne Milano

Pas krijimit te Rrjetit te biznesmeneve shqiptar te Diaspores ne 25 vende te ndryshe te botes, pas Trevizos dhe Firences ne Itali, tani i takon Milanos.

cms_3462/foto_2_.jpg

Rrjeti mendohet si nje mundesi e madhe per zhvillimin ekonomik jo vetem per diasporen shqiptare ne vendet ku jetojne por edhe per vendet e tyre te origjines ku shume shpesh ata investojne. Nese flasim per komunitetin shqiptar ne Itali, qe numeron tashme gjysem milion rezident, 30 mije prej tyre jane biznesmen dhe punotere autonom qe punojne mes Italise dhe Shqiperise, me nje tendence te forte importi te prodhimeve italiane drejt Shqiperise. Dihet tashme se Italia eshte partneri tregtar numer nje i Shqiperise. (Fonte. http://www.stranieriinitalia.it/statistiche/attualita/statistiche/economia-immigrati-uno-su-dieci-e-imprenditore.html)

Pikerisht per kete arsye, takohemi ne mbremjen e se premtes ne ambjentet e Hotel Sheraton ne Milano per nje takim jo shum te zakonshem per komunitetin shqiptar. Te themi te drejten, shume here jemi gjendur sebashku per te organizuar festa ku kujtojme traditat e kultures sone, per te folur per problemet dhe veshtiresite qe komuniteti yne has ne mergim. Kete here gjendemi sebashku per te gjetur nje zgjidhje shume te rendesishme dhe te nje interesi te madh per komunitetin tone.

Flitet per krijimin e Rrjetit te Biznesmeneve Shqiptar ne Diaspore, tashme prezent ne 25 vende te ndryshme te botes te ndare ne 4 Kontinente. Idea lindi pas pavaresise se Kosoves (17 febbraio 2008), ne nentor te vitit 2013 si pjese e nje grupi interesash te investimeve te diaspores ne Kosove, duke pasuar me 20 takime ne filiale te ndryshme neper bote te biznesmeneve qe hynin ne kete rrjet duke arritur deri ne Trevizo dhe Firenze dy qytete e para te Italise ku rrjeti eshte i pranishem, e sigurisht nuk mund te mungonte Milano, nje qytet me rendesi ekonomike te madhe per Italine e per shume imigrante shqiptare qe jetojne ketu.

cms_3462/foto_3_.jpg

Fale punes se Ministrise se Diaspores se Kosoves, qe ka dashur me cdo kusht te mbeshtese kete iniciative u arrit dhe ne Milano ku te ftuar jane biznesmene te te gjitha trevave shqiptare jo vetem nga Shqiperia dhe Kosova por edhe nga Maqedonia e Mali i Zi. Te pranishem ne salle edhe perfaqesues se Konsullates se Kosoves ne Milano dhe drejtuesit e degeve te Trevizos, Avokatja Ermira Zhuri dhe Doktot Vat Marashi perfaqesues i deges se Firences.

Keshtu Z. Naim Dedushaj, Drejtor per Investime dhe Hulumtime ne Ministrine e Diaspores ne Kosove, prezanton rrjetin si nje mundesi e madhe jo vetem per bizneset vet por edhe per gjith komunitetin shqiptar ne Diaspore. “Tre objektivat tane – thot Dedushaj- jane bashkepunimi me companite e vogla dhe te mesme , investimi ne grupe dhe mbrojtja e investimeve te tyre”. Rrjeti paraqitet si nje rast i vecante ne ndermjetesimin mes bizneseve te ndryshme shqiptare jo vetem ne Itali por ne gjithe boten te cilet do te jene gjithnje ne lidhje dhe ne mbeshtetjen e Insitucioneve shteterore te Kosoves dhe Shqiperise ne fushen e investimeve ne te dy vendet. Per kete shihet si nje rendesi e madhe krijimi i nje baze me data per kompanite qe do te marrin pjese ne diaspore, sensibilizimi i tyre, orientimi i kapitalit ekonomik dhe krijimi i nje fondi te perbashket .

Agim Kuleta Keshilltar i Ministrise se Diaspores dhe Perfaqesues i nje projekti te rendesishem per Ministrine thote se krijimi i ketij rrjeti do te ndihmoje biznesmenet te bashkojne kapitalet e tyre per investime te perbashketa dhe do te punojne ne menyre te pavarur nga Ministria e cila do te sherbeje vetem si nje mbeshtetje e tyre. Te jesh pjese e ketij rrjeti mund te ket vantazhe te medha per te kerkuar benefite te perbashketa nga kompani te tjera, nga banka dhe fondacione prezent ne territor.

Ylli Blakaj, ne krye te rrjetit te biznesmeneve shqiptar ne Austri , merr si shembull projektin “Lorystrasse”, nje projekt te realizuar ne Viene ku ne realizimin e nje pallati per banese moren pjese vetem kompani shqiptare nen kryesin e Inxhinjer Naim Rrugoves dhe ku punuan me shume se 100 punotere shqiptar. “Ky eshte nje shembull i nje bashkepunimi shum te madh qe tregon se kur punohet bashke sillen rezultate e benefite shume te medha te perbashketa”. Blakaj, thote se esht shum entuziast per punen e bere nga rrjeti i biznesmeneve shqiptar ne Austri dhe se nese do te vazhdohet keshtu , gjithmone te bashkuar mund te arrihet edhe te behet nje lobby ne qeverite ku diaspora jeton me qellim qe te permiresohen kushtet e jeteses se emigranteve shqiptare neper bote.

Mbremja u mbyll me krijimin e rrjetit te Milanos dhe me percaktimin e pergjegjesve, disa biznesmene shqiptar pqe do te merren me organizimin e ketij rrjeti.

Edhe ne 2010 , kur komuniteti shqiptar ne territorin italian arrinte 26.600 kompani biznesesh, lindi AssoAlbania, l’Associazione degli Imprenditori Albanesi in Italia, e menduar, e krijuar dhe promovuar nga grup biznesmenesh rezident ne Pistoja, Firence dhe ne Veriun e Italise. Sic shprehet edhe Massimo Canovi, ZV.President i MoneyGram International, per Europen e Jugut , nje grup prej 320 mije agjenci per te derguar dhe marre para ne gjithe boten, ne vitet e fundit, ndersa bizneset italiane mbyllin, te huajt gjithnje e me shume hapin biznese te reja. “Jane 379.584 biznesmene te huaj qe jetojne ne Itali: 16,5% me shume nga 2009 deri ne 2012, 4,4% vetem ne vitin e fundit (fonte Censis). Levizin para, paguajn taksa, u japin pune njerezve. Nuk kane kapacitete strategjike te vecanta por dine te zgjedhin mundesi qe ne italianet nuk shohim me” ( – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/m6dl4 )

cms_3462/italfahne.jpgNasce la Rete degli Imprenditori Albanesi a Milano

Dopo la creazione della rete dell’Imprenditoria della diaspora albanese in 25 paesi del mondo e dopo Treviso e Firenze in Italia ora tocca a Milano. La rete si pensa come una grande opportunità di sviluppo economico non solo per la diaspora nei paesi dove risiedono ma anche per i paesi di origine dove loro molto spesso vanno a investire.

Se parliamo della comunità albanese in italia, che conta ormai mezzo milioni di residenti, circa 30 mila sono imprenditori e lavoratori autonomi che per lo più lavorano tra l’Italia e Albania, con una forte tendenza a importare in Albania prodotti italiani. Del resto l’Italia è il partner commerciale numero uno dell’Albania. Fonte. http://www.stranieriinitalia.it/statistiche/attualita/statistiche/economia-immigrati-uno-su-dieci-e-imprenditore.html

Proprio a questo proposito nei giorni scorsi, nei saloni dell’ Hotel Sheraton a Milano, si è tenuta una riunione della comunità albanese.

Si è parlato della nascita di una “Rete degli Imprenditori Albanesi in Diaspora”, già presente in altri 25 paesi del mondo divisi in 4 continenti. L’idea nasce dopo l’indipendenza del Kosovo (17 febbraio 2008), a novembre del 2013 come parte del gruppo d’interesse degli investimenti della diaspora in Kosovo, proseguendo con 20 appuntamenti in diversi filiali di imprenditoria albanese, parte di questa rete, nel mondo e arrivando fino a Firenze e Treviso le due prime città dove la rete è già presente. Non si poteva quindi tralasciare Milano, una città di grande impatto economico per l’Italia e per i tanti immigrati albanesi che risiedono qui.

Grazie al lavoro del Ministero della Diaspora del Kosovo, che ha voluto fortemente appoggiare l’iniziativa, si è arrivati anche a Milano, dove si riuniscono imprenditori di tutte le comunità albanesi non solo dell’Albania e Kosovo ma anche della Macedonia e il Montenegro. Presenti in sala anche rappresentanti del Consolato del Kosovo a Milano e rappresentanti della rete di Treviso, l’Avvocato Ermira Zhuri e il rappresentante della rete di Firenze Dott. Vat Marashi.

Cosi il Sig. Naim Dedushaj, Direttore per gli investimenti e le ricerche nel Ministero della Diaspora, presenta la rete come una grande opportunità non solo per gli imprenditori stessi ma anche per tutta la comunità albanese nella diaspora. “I nostri tre obbiettivi – dice Dedushaj- , sono la collaborazione con le SME, l’investimento nei gruppi e la protezione dei loro investimenti”. La rete si propone come una grande occasione nella mediazione tra i vari imprenditori albanesi non solo in Italia ma anche nel mondo per i quali si avrà sempre un legame e appoggio con le istituzioni governativi del Kosovo e dell’Albania nel campo degli investimenti nei due paesi. Per questo è di rilevante importanza la creazione della base con dati per le aziende partecipanti nella diaspora, la loro sensibilizzazione e l’orientamento del capitale economico e la creazione di un fondo comune.

Agim Kuleta Consigliere del ministero della Diaspora e rappresentante di un progetto importante per il Ministero, dice che la creazione di questa rete aiuterà gli imprenditori a unire i loro capitali per comuni investimenti e sarà sempre appoggiato dal Ministero agendo senza nessuna condizione posta da essa. Fare parte di questa rete si potrà avere un grande vantaggio per richiedere benefici comuni da altre compagnie, banche e fondazioni presenti nel territorio.

Ylli Blakaj, a capo della rete degli imprenditori albanesi in Austria prendendo in esempio il progetto “Lorystrasse”, un progetto realizzato a Vienna dove nella realizzazione di un palazzo abitativo hanno partecipato solo aziende albanesi e sotto la guida dell’Ingegniere Naim Rrugova hanno lavorato più di 100 operai albanesi. “Questo è un’esempio di grande collaborazione, che mostra come lavorare insieme porta grandi risultati e benefici.”. Blakaj si dice cosi entusiasta del lavoro fatto dalla rete degli imprenditori albanesi in Austria e che continuando in questo modo, uniti in tutto il mondo si potrà arrivare anche a fare lobbying sui governi dove la diaspora risiede con lo scopo di migliorare le condizioni e la vita degli immigrati albanesi nel mondo.

La serata si è conclusa cn la creazione della rete a Milano e con la nomina di alcuni imprenditori albanesi come responsabili dell’organizzazione di questa nuova rete.

Già nel 2010, quando la comunità albanese aveva raggiunto 26.600 piccole-medie e grandi imprese nel territorio italiano, è nata l’Associazione degli Imprenditori Albanesi in Italia, Asso-Albania, pensata, fondata e promossa da un gruppo d’imprenditori residenti a Pistoia, Firenze e nel Nord Italia.

E come spiega Massimo Canovi, Vice Presidente per il Sud Europa di MoneyGram International, un gruppo di 320 mila agenzie per inviare e ricevere denaro in tutto il mondo, negli ultimi anni, mentre le aziende italiane chiudono , gli stranieri aprono imprese. Sono 379.584 gli imprenditori stranieri che lavorano in Italia: +16,5% tra il 2009 e il 2012, +4,4% solo nell’ultimo anno (fonte Censis). Muovono denaro, pagano le tasse, assumono. Non hanno capacità strategiche particolari, ma sanno individuare opportunità che noi non vediamo più», ( – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/m6dl4 )

Autore:

Data:

20 Febbraio 2016