Headlines

Traduci

L’ITALIA CI RIPROVA CON L’IRLANDA

Si va verso il tutto esaurito per la seconda partita casalinga allo Stadio Olimpico dell’Italia, in questo Torneo delle Sei Nazioni 2017. Sono stati già staccati oltre 50mila tagliandi per il match contro l’Irlanda, con la vendita che prosegue fino a al calcio d’inizio. Fermo restando la caccia ai primi punti in questo torneo da parte irlandese, la sfida si preannuncia al cardio palma sotto due punti di vista: la nazionalità del tecnico Conor O’Shea (da giocatore ha disputato 35 caps con la maglia verde NdR) e la voglia di riscatto del XV azzurro.

cms_5513/FOTO_1.jpg

Al debutto in questa edizione, entrambe le squadre non sono riuscite a mettere in mostra quanto di positivo emerso durante i test di ottobre. La vittoria dell’Italia sul Sud Africa e quella irlandese sui campioni del mondo neozelandesi, hanno “illuso” i tifosi nel credere in una partenza a razzo in questa competizione. Cosa che, a dire il vero, c’è stata da parte del XV italiano. Pertanto possiamo considerare il match, almeno per i padroni di casa, come una “seconda finale” da vincere a tutti i costi. Per quanto riguarda le statistiche: le due nazioni si sono incontrate ventisei volte con un bilancio di quattro vittorie italiane e ventidue irlandesi ed ultimo successo per l’Italia datato 2013, proprio all’Olimpico. Dopo la sconfitta col Galles, O’Shea cambia quattro giocatori. confermata la mediana Gori-Canna, la coppia di centri McLean-Benvenuti e Padovani ad estremo, l’unica novità nei trequarti vede il ritorno in campo dal primo minuto di Angelo Esposito all’ala, in coppia con Giovambattista Venditti che taglia il traguardo dei quaranta caps.

cms_5513/FOTO_2.jpg

In terza linea Simone Favaro, tenuto a riposo precauzionale contro il Galles, torna titolare della maglia numero 7, con Maxime Mbandà confermato dal primo minuto insieme a capitan Sergio Parisse, sabato capitano degli Azzurri per la settantacinquesima volta. Due cambi, infine, tra i primi cinque uomini con l’inserimento del recuperato Dries Van Schalkwyk in seconda linea in coppia con Marco Fuser e di Leonardo Ghiraldini che rientra dal primo minuto tra i due piloni Cittadini e Lovotti, entrambi confermati. In panchina vanno il tallonatore Gega, i piloni Panico e Chistolini, il seconda linea Biagi, il flanker Steyn, la mediana di riserva Bronzini-Allan e Michele Campagnaro come utility back.

cms_5513/FOTO_3.jpg

Fischio d’inizio alle 15:25. L’incontro sarà trasmesso in diretta da DMAX canale 52 ed in streaming su DPlay con collegamento con lo studio “Rugby Social Club” a partire dalle 14.45.

Questa la formazione dell’Italia:

15 Edoardo PADOVANI (Zebre Rugby, 7 caps)*
14 Angelo ESPOSITO (Benetton Treviso, 8 caps)*
13 Tommaso BENVENUTI (Benetton Treviso, 38 caps)*
12 Luke MCLEAN (Benetton Treviso, 85 caps)
11 Giovanbattista VENDITTI (Zebre Rugby, 39 caps)*
10 Carlo CANNA (Zebre Rugby, 16 caps)
9 Edoardo GORI (Benetton Treviso, 57 caps)*
8 Sergio PARISSE (Stade Francais, 122 caps) – capitano
7 Simone FAVARO (Glasgow Warriors, 33 caps)*
6 Maxime Mata MBANDA’ (Zebre Rugby, 4 caps)*
5 Andries VAN SCHALKWYK (Zebre Rugby, 8 caps)
4 Marco FUSER (Benetton Treviso, 17 caps)*
3 Lorenzo CITTADINI (Aviron Bayonnais, 54 caps)
2 Leonardo GHIRALDINI (Stade Toulousain, 83 caps)
1 Andrea LOVOTTI (Zebre Rugby, 10 caps)*

a disposizione
16 Ornel GEGA (Benetton Treviso, 9 caps)
17 Sami PANICO (Patarò Calvisano, 7 caps)*
18 Dario CHISTOLINI (Zebre Rugby, 15 caps)
19 George BIAGI (Zebre Rugby, 15 caps)
20 Abraham STEYN (Benetton Treviso, 7 caps)
21 Giorgio BRONZINI (Benetton Treviso, 4 caps)
22 Tommaso ALLAN (Benetton Treviso, 28 caps)
23 Michele CAMPAGNARO (Exeter Chiefs, 26 caps)*

*è/è stato membro dell’Accademia FIR “Ivan Francescato”

Data:

10 Febbraio 2017