Traduci

LO SPEZIA ADDORMENTA IL BARI

Davanti a 13 mila spettatori (N.d.R. non male per una partita di serie B infrasettimanale) il Bari, si fa sfuggire l’occasione di portarsi al 5° posto in classifica e con una partita ancora da recuperare. Contro uno Spezia non proprio irresistibile, al San Nicola gli uomini di Grosso non vanno oltre il pareggio. Parte bene nel primo tempo il Bari, ma sono gli ospiti a trovare la rete del vantaggio con Forte (10’). Alla rete spezzina i biancorossi non riescono a trovare il bandolo della matassa, complice anche la maggiore pressione sui galletti a centrocampo. Basha è spesso impreciso nell’impostare le ripartenze nella trequarti avversaria. Sono poche le occasioni da gol create da Improta e Galano; mentre Nenè vaga per il campo in cerca di avventura. Nella prima frazione di gara, da segnalare per la squadra di casa la bella parata di Di Gennaro sul forte tiro di Improta e la punizione dal limite del numero 10 del Bari che finisce di poco alto sulla traversa. Nella ripresa l’allenatore del Bari rimanda in campo la stessa formazione del primo tempo. Il registro di gara non cambia ed è sempre lo Spezia a controllare e ripartire. Il cronometro corre veloce.

cms_8675/Foto_1.jpeg

Dopo 20 minuti dalla ripresa il Bari non alza il ritmo di gioco e gli avversari tirano il fiato controllandoli nella loro trequarti. Bisogna attendere l’ingresso di Brienza (57’), al posto di uno spento Galano, per vedere qualche raggio di sole nell’aia dei galletti. Il fantasista barese, al 71’, pareggia i conti con bel tiro sotto la traversa dopo gli sviluppi di un calcio d’angolo. A questo punto Fabio Gallo rinforza la difesa mettendo in campo Terzi per il trequartista Mastinu. Al 77’ è ancora Brienza a far brillare la miccia barese: inventa una giocata per Improta che non si fa trovare sveglio davanti al portiere Di Gennaro. Kozak nel frattempo sembra trovare maggior spazio, ma per ben due volte, al 83’ e al 88’, la sua testa non ha la forza per centrare lo specchio della porta. Lo Spezia, intanto, non sta a guardare e con Marilungo sfiora il gol al 42’. I 5 minuti di recupero sono tutti di marca spezzina, tranne la bellissima pennellata di Brienza, al 94’, per il piede di Nenè che, a un metro dal portiere, si fa togliere di un soffio il pallone. L’arbitro Francesco Fourneau manda tutti negli spogliatoi con il risultato di 1-1. Migliori in campo Anderson e Brienza.

cms_8675/Fot_2.jpg

Queste le parole di Fabio Grosso nel dopo gara: “Non era una partita facile. Una gara che non si era messa bene, abbiamo fatto un grande sforzo per riprenderla e, nel finale, avremmo potuto ottenere qualcosa in più. Anche se, abbiamo rischiato tanto. È un peccato. Quando però non si riesce a vincere, non si deve perdere. Mi piace vedere il bicchiere mezzo pieno; abbiamo due punti in più in classifica dopo queste due gare. Ne avremmo voluto tutti quanti sei, ma guardiamo avanti dopo questi due passi fatti. Fischi? La gente ora non è orgogliosa di noi. Proveremo a farla tornare orgogliosa fin dalla prossima partita”. Nel prossimo turno di sabato 16 marzo, alle ore 15:00, il Bari andrà a Cittadellacercando di mantenere positivo un ruolino di marcia che dura da cinque gare e di portare a casa una necessaria e tranquilla vittoria in chiave promozione.

(foto dal sito web de FC Bari 1908: si ringrazia)

Data:

13 Marzo 2018