Traduci

L’orrore Is in un video: decapitata ’spia’ russa

cms_6227/Is_video_russo_twitter.jpgIl sedicente Stato islamico (Is) ha diffuso un nuovo video dell’orrore che mostrerebbe la decapitazione di un presunto ufficiale dell’intelligence russa, catturato in Siria e identificato come il capitano Evgeny Petrenko. Il video, intitolato ’Bancarotta Completa’, dura circa 12 minuti ed è in lingua russa come ha riferito ’Site’, organizzazione che monitora le pubblicazioni dei gruppi jihadisti sul web.Apparentemente registrato nei giorni scorsi, nel video – la cui autenticità non può essere accertata – l’uomo identificato come Petrenko indossa abiti neri ed è in ginocchio davanti al suo carnefice armato di coltello. La scena è girata in un ambiente desertico.La presunta ’spia’, accusata dall’Is di essersi infiltrata tra le sue fila, non spiega come o quando sia stata catturata, ma lancia un appello ad arrendersi a tutti gli altri “agenti” russi presenti in Siria. “Questo idiota ha creduto alle promesse del suo Paese che non lo avrebbe abbandonato se fosse stato catturato”, ha dichiarato l’uomo in ginocchio prima di essere decapitato. La ’spia’ identificata come Petrenko era già comparsa in un altro video diffuso dall’Is a settembre.Il ministero della Difesa russo ha però smentito che un militare russo sia stato catturato e ucciso dall’Is in Siria. Tutti i militari dispiegati in Siria “sono al sicuro, stanno bene, impegnati in missioni per combattere il terrorismo internazionale”, ha assicurato Mosca.Le forze russe stanno sostenendo il regime del presidente siriano, Bashar al-Assad, nella sua guerra contro i ribelli che vogliono deporlo. Nel video vengono mostrate anche immagini degli effetti di presunti raid aerei russi sulla Siria.

Francia, Marion Le Pen lascia la politica

cms_6227/Marion_Marechal_Le_Pen_1_afp-kh7D--1280x960@Web.jpgMarion Maréchal-Le Pen, nipote della leader del Front National Marine Le Pen e deputata del FN eletta a Vaucluse, si ritira dalla vita politica, annunciando già domani la sua decisione di non presentare la propria candidatura alle legislative di giugno, e di lasciare anche la presidenza del gruppo Fn al consiglio regionale Paca. E’ quanto scrive ’Le Figaro’, mentre ’Le Parisien’ riferisce che la decisione è stata comunicata oggi pomeriggio anche alla zia Marine.Si tratta di una “scelta personale”, per la deputata frontista che desidera “cambiare vita” e ritirarsi a vita privata. Marine Le Pen le avrebbe risposto: “Rispetto la tua scelta. Sono consapevole dei sacrifici che la vita politica richiede”.Una decisione quella di Marion che non arriva a sorpresa all’interno del partito – fa notare ’Le Figaro’ – perché già da molti mesi la giovane esponente frontista aveva mostrato una certa stanchezza. La deputata del Fn, 27 anni, madre di una bambina, non ha mai nascosto l’intenzione di non dedicarsi solo alla politica, e di voler dedicare più tempo alla famiglia, ma alla base della sua decisione ci sarebbero anche le difficoltà a mediare tra le posizioni della zia Marine e del nonno Jean Marie.

Sudcorea, eletto Moon Jae-in: “Sarò il presidente di tutti”

cms_6227/moon_jae_in_sudocorea_Afp.jpg“Sarò il presidente di tutti i sudcoreani”. Lo ha detto Moon Jae-in, il candidato progressista che ha vinto le elezioni presidenziali oggi in Corea del Sud esultando, di fronte ai suoi sostenitori riuniti nella piazza Gwanghwamun di Seul, per “la grande vittoria di un grande popolo”. Anche se i risultati definitivi non sono stati annunciati, il 64enne avvocato dei diritti umani è salito sul palco per annunciare la vittoria dopo che tutte le proiezioni l’hanno dato in testa con vantaggio a due cifre e i suoi avversari hanno riconosciuto la sconfitta.”Io costruirò una nuova nazione, una grande Corea, una Corea orgogliosa e sarò il presidente orgoglioso di una nazione così orgogliosa”, ha aggiunto nel suo discorso a Seul. Con lo scrutinio non ancora completato, i dati diffusi dalla commissione elettorale alle 23.50, ora di Seul, Moon aveva ottenuto il 39,4% contro il 26,6% di Hong Jun Pyo, l’ex procuratore candidato del Partito conservatore della Libertà, che è arrivato secondo.Dati che vanno nella direzione della vittoria a valanga indicata dagli exit poll pubblicati subito dopo la chiusura delle urne, alle 8 di sera ora locale, che hanno dato a Moon il 41,4%, con 18 punti di vantaggio su Hong.

Autore:

Data:

10 Maggio 2017