Traduci

MA DIAMOCI DEL TU!

Dopo il grande successo del tour estivo in tutta Italia e dell’annuncio della speciale data di Capodanno, Enrico Brignano è in tour per tutta Italia con il suo spettacolo dal titolo “Ma diamoci del tu!”, prodotto e organizzato da Vivo Concerti.

Ho avuto occasione di assistere a questo show e quello che mi ha colpito immediatamente è la leggerezza e la naturalezza con cui il comico romano riesce ad intrattenere e far ridere il suo pubblico. I temi trattati sono assolutamente attuali: la pandemia,l’amore, il rapporto con i social e la tv fino a veri e propri aneddoti sulla sua carriera e la sua vita privata.

cms_29084/1.jpg

Il comico romano lo racconta così: «Darsi del tu oggi è ormai la prassi, mentre il “lei” sembra qualcosa di arcaico e formale. Per dire, quando ti chiamano dal call center per discutere che so, la tariffa telefonica, oppure per proporti di investire l’eredità di pora nonna in criptovalute , usano il lei, probabilmente per renderti più difficile il mandarli a quel paese. Il “Lei” è burocratico, lo si usa con le forze dell’ordine o al comune, ma del resto il “tu” che lo sta sostituendo è vuoto, non porta con sé quella confidenza vera, quella familiarità che intendo io.

Ultimamente poi, dopo la pandemia che ha acuito le distanze, il tu è diventato ancora più un fatto di forma, ma non di sostanza. E siccome io sono un uomo di sostanza – si dovrebbe capire già solo guardandomi – vorrei recuperare quel TU che ci siamo persi per strada. E ci aggiungo pure quel MA che resetta tutto, che azzera le distanze, che siano sociali, economiche o d’età. L’età… ultimamente ho notato che per colpa della mia età sempre più persone tendono a darmi del lei, un lei che è doloroso come una fitta della sciatica, che è più fastidioso e irritante di quando mi scopro a tirarmi su dal divano esclamando: “hoplà”. Mi sa che all’espressione “giovane comico romano” devo cominciare a togliere il “giovane”. Non che rinneghi la mia età, quella ci sta e bisogna tenersela; anzi, mi rende più autorevole. Sembra quasi che le cose che dico siano attendibili! Però, quando parlo alla gente, io voglio darle del tu, mi voglio prendere una certa confidenza per raccontare in modo intimo le insidie del mondo, dalla tecnologia, utile ma infida, alle varie crisi economiche, ecologiche e sanitarie. Avrei pure un paio di notazioni da fare sull’amore e sul sesso, sui rapporti personali e sociali, su certe stranezze di questi tempi… ebbene sì, c’ho tanto da parla’. E qualche volta anche da lamentarmi. “Ma lei Brignano non sa che lamentarsi è tipico delle persone anziane?”; “Certo che lo so. Ma lei, coso… mi dia del tu!».

Quello che colpisce di più in un comico come Enrico Brignano è una sua consueta e trascinante naturalezza di stare sul palco. Non personaggio costruito a tavolino, ma dotato dunque di un suo personale tratteggio d’autore, piaccia o no, che lo porta con semplicità a essere apprezzato dal grande pubblico, un percorso professionale che lo ha visto in pochi anni crescere e affermarsi sia in cinema che, a teatro e in televisione.

Brignano dimostra di sapere agire sul palcoscenico con verve ed esperienza, affrontando anche con giochi di parole e gag varie anche i momenti più profondi. Ma si tratta pur sempre di uno spettacolo leggero, e così dev’essere, quindi in un contesto molto ben costruito si alternano il comico protagonista.

Data:

18 Gennaio 2023