Traduci

Macron doppia Le Pen. Prima uscita con Hollande

cms_6218/macron_hollande_a_afp.jpgA Emmanuel Macron è andato il doppio dei voti di Marine Le Pen. E’ quanto emerge dai risultati ufficiali del ballottaggio per le presidenziali annunciati dal ministero degli Interni. Per il leader di ’En Marche’ hanno votato 20.257.167 francesi, mentre per la candidata del Front national 10.584.646, una cifra comunque record per la leader di estrema destra.Secondo le cifre fornite dal ministero degli Interni, le schede bianche e nulle sono state 4.045.395, un numero senza precedenti, come il numero degli astenuti, 11.416.454.Macron è infatti diventato presidente con il 66,10% dei voti contro il 33,90% della sfidante. Questi i risultati definitivi del secondo turno delle elezioni, pubblicati dal ministero dell’Interno. L’affluenza al voto è stata del 74,56%, con un tasso di astensione dunque del 25,44%. Le schede bianche sono state l’8,51% del totale degli aventi diritto mentre i voti nulli sono stati il 2,96%.”Questa sera si apre un nuovo capitolo nella nostra lunga storia, ha detto ieri sera durante il suo discorso della vittoria, sottolineando “il grande onore e la grande responsabilità” della sua elezione, per la quale “ringrazia dal profondo del cuore” tutti quelli che lo hanno votato, “non li dimenticherò”.Intanto è stato confermato che Macron “si recherà a Berlino per la sua prima visita all’estero”. L’eurodeputata Sylvie Goulard, che viene indicata come uno dei possibili membri del futuro governo francese, ha detto parlando con CNews che “è possibile che vada a salutare le truppe francesi”. Ieri, poco dopo la chiusura delle urne, con la notizia del trionfo di Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel era stata la prima a congratularsi con il nuovo presidente, al quale aveva telefonato, sottolineando come la sua elezione sia “una vittoria per l’amicizia franco-tedesca”.

cms_6218/infograficamacron_priorita.jpg

Il neoeletto presidente francese d’altra parte è invitato a partecipare a tutti gli eventi ufficiali che il presidente uscente François Hollande ha in agenda per la settimana. A cominciare dalle cerimonie che commemorano l’armistizio dell’8 maggio 1945 in programma per oggi all’Arc de Triomphe. Macron e Hollande devono deporre assieme una corona e accendere la fiamma sulla tomba del milite ignoto. Una compresenza alla cerimonia non scontata, sottolinea Le Figaro, ricordando che François Hollande aveva accettato l’invito analogo fattogli da Nicolas Sarkozy, ma quest’ultimo aveva respinto la proposta di Jacques Chirac nel 2007. Prima di loro bisogna risalire al 1995 per ritrovare la fotografia di due presidenti, François Mitterrand e Jacques Chirac, che celebrano insieme la vittoria degli Alleati sulla Germania nazista e la fine della Seconda guerra mondiale in Europa. Più avanti in settimana, Macron è invitato dall’Eliseo ad accompagnare François Hollande alla cerimonia di commemorazione dell’abolizione della schiavitù in programma per mercoledì al Jardin du Luxembourg.

cms_6218/infografico_macron-cerchio-magico-_Copia.jpg

Gli faccio tutti i miei auguri di successo. E sa che, se avrà bisogno di qualche informazione e consiglio e si rivolgerà a me, sarò sempre al suo fianco”, ha detto Hollande a margine della cerimonia.

Nigeria, Boko Haram rilascia 82 studentesse

cms_6218/Boko_Haram_Nigeria_Afp.jpgSono state rilasciate dal gruppo terroristico islamico Boko Haram 82 delle ragazze nigeriane rapite oltre tre anni fa a Chibok, mentre erano a scuola. A confermarlo è stato lo stesso ufficio del presidente.’’Dopo lunghe trattative – si sottolinea in una nota diffusa via Facebook – le ragazze sono state rilasciate in cambio di alcuni detenuti sospettati di essere legati al gruppo Boko Haram. Le ragazze, attese ad Abuja, saranno ricevute dal presidente Muhammadu Buhari’’Le studentesse, che vennero sequestrate nel nordest del Paese, a Chibok, davanti alla loro scuola, e che da allora – il 14 aprile di tre anni fa – sono state tenute in ostaggio da Boko Haram, hanno raggiunto Abuja a bordo di un aereo militare.La Nigeria ha ricordato il rapimento delle 276 giovani – molte delle quali cristiane – in occasione del terzo anniversario del loro sequestro, il 14 aprile scorso. Il loro rapimento sollevò un’ondata di reazioni in tutto il mondo e personalità di spicco della scena internazionale – tra loro Michelle Obama – si unirono alla campagna per ottenerne la liberazione nota come ’Bring Back Our Girls’.Oggi ha commentato la liberazione di una parte di loro il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: “Grande gioia per 82 studentesse liberate in Nigeria. Il terrore può essere sconfitto. Ora liberazione di tutte le altre!”, ha twittato il titolare della Farnesina, salutando l’avvenuto rilascio.”Che gioia apprendere qui in Nigeria la liberazione delle 82 studentesse rapite tre anni fa da Boko Haram! Queste ragazze sono state portate via dalla loro scuola, durante una lezione. Possiamo solo immaginare quello che avranno dovuto subire durante questi anni di prigionia. Il loro percorso di reinserimento sarà lungo e difficile ma mi auguro che potranno tornare a vivere una vita normale”, ha affermato la presidente della Camera, Laura Boldrini. “Il terrorismo islamista, in tutte le sue versioni, colpisce ovunque nel mondo, non solo in Europa. Dappertutto vuole imporre il suo dominio e le sue idee oscurantiste. Odia la libertà, la cultura e odia le donne. È una minaccia globale e c’è bisogno di una reazione globale. Solo così sarà sconfitto. Ora non dimentichiamoci delle altre ragazze nelle mani dei terroristi”, ha concluso Boldrini.

Nordcorea, arrestato un altro cittadino Usa

cms_6218/kim_jong_un4_xin-koYF--1280x960@Web.jpgLa Corea del Nord ha arrestato un altro cittadino americano, con “il sospetto di atti contro lo Stato”. Lo ha reso noto l’agenzia di stampa di Pyongyang Kcna, secondo cui Kim Hak-song, che lavora per la Pyongyang University of Science and Technology (Pust), è stato arrestato ieri. Kim è il quarto cittadino detenuto in Corea del Nord: nei giorni scorsi, sulla base delle stesse accuse, era stato arrestato un altro professore della Pust, Kim Sang-duck.Secondo la Kcna, “un’importante istituzione sta conducendo un’indagine dettagliata” sui presunti crimini di Kim Hak-song, ma non ha fornito ulteriori dettagli. Lo scorso anno, il ’regno eremita’ aveva condannato il cittadino statunitense Kim Dong-chul a dieci anni di lavori forzati con l’accusa di spionaggio, mentre a 15 anni di lavori forzati lo studente Otto Warmbier, con l’accusa di aver cercato di rubare un cartellone di propaganda da un albergo.

Autore:

Data:

9 Maggio 2017