Traduci

MERANO WINE FESTIVAL

In questi giorni si sta svolgendo un evento unico nel suo genere; il Merano Wine Festival che, nella splendida cittadina da cui prende il nome, apre le porte all’eccellenza viticola italiana.

cms_28202/1_2.jpg

Tutto è iniziato 31 anni fa quando un signore di nome Helmut Köcher incontra Johann Innerhofer, entrambi meranesi, ed entrambi uniti dalla passione per il mondo dei vini. Aiutati anche da un altro signore, un certo Othmar Kiem, nel 1992 danno vita, nelle sale dell’Hotel Palace di Merano, alla prima edizione del Merano Wine Festival. Ovviamente la prima edizione è molto diversa dall’attuale, parte un po’ per gioco e un po’ per sfida. Forse non avevano pensato alle conseguenze di questa scelta… quello che sarebbe diventato un appuntamento annuale di cui si sarebbe sentito il bisogno per molto tempo.

L’idea era quella di poter fare di questa piccola città di circa 40.000 anime un punto di riferimento per l’enologia italiana di eccellenza. A distanza di numerose edizioni possiamo dire che l’obiettivo è stato decisamente centrato. In 5 giorni di evento, gli appuntamenti non sono mancati. Dalle masterclass dedicate ad alcuni produttori selezionati, alle tavole rotonde che hanno affrontato temi legati al green, allo sviluppo del settore e alla sostenibilità ambientale, tema molto attuale in questo periodo.

cms_28202/3.jpg

Ma all’interno dell’evento abbiamo assistito ad un altro importante momento tutto italiano. Per la prima volta era presente una delegazione della regione Abruzzo che ha scelto proprio il Merano Wine Festival per confermare la volontà dell’attuale Vicepresidente regionale, nonché Assessore all’agricoltura, Emanuele Imprudente, di promuovere il brand “Abruzzo sostenibile”. Forse per la prima volta da diversi anni, si sono ritrovati sullo stesso palco a parlare, appunto, di “Abruzzo sostenibile”, oltre alla Regione, le Camere di Commercio di Chieti-Pescara e Gran Sasso d’Italia, i referenti dei GAL (Gruppi di azione locale), gli Istituti alberghieri di l’Aquila, Teramo, Pescara e Villa Santa Maria (CH), e l’unione regionali cuochi abruzzesi. Tutti uniti e concordi nel presentare questo progetto che fa veramente dell’Abruzzo una regione all’avanguardia ed in prima linea, sia in termini di coesione territoriale, sia in termini di sviluppo sostenibile. Nello stesso momento è stata avviata una partnership tra la regione Abruzzo e la Nuova Zelanda, che ha visto la presenza del Console Generale dr. Austin Brick ed in collegamento da remoto il dr. Edwin Massey, General Manager of Sustainability at New Zealand Winegrowers”, in quanto trattasi di un paese ad alta sostenibilità da cui l’Abruzzo potrà apprendere suggerimenti innovativi per lo sviluppo del proprio territorio.

cms_28202/4.jpg

Non per ultimo è stata presentato il gemellaggio tra gli Istituti Alberghieri abruzzesi e quello di Merano, per condividere esperienze e procedere celermente ad uno scambio di “allievi” che porteranno i rispettivi Istituti ai vertici della professionalità scolastica. A corollario degli impegni assunti, una cena di gala svoltasi presso il Circolo Ufficiali dell’Esercito di Merano, condotta dallo chef stellato abruzzese William Zonfa, ha unito i palati deliziandoli con la propria cucina tipicamente abruzzese, in un contesto in cui allo stesso tavolo si sono riuniti i vertici del Merano Wine Festival, i rappresentanti della Nuova Zelanda, i vertici della regione Abruzzo e tutti coloro che hanno contribuito a questa emozionante edizione.

cms_28202/5.jpg

Il messaggio è arrivato forte e chiaro. “l’Abruzzo sostenibile” è una realtà alla quale dovremo abituarci e farà da apri pista ad una concreta unione di intenti in ambito nazionale. Che dire, l’Italia è vasta ed ha al suo interno mille sfaccettature diverse. L’idea stessa che un territorio come l’Abruzzo, che vanta ambienti molto diversi tra loro, possa unirsi sotto un’unica regia per portare valore al territorio fa estremamente piacere ed il sincero auspicio è che altre regioni possano prendere spunto per copiarne le intenzioni e, chissà che non si sia attivato un percorso innovativo che consenta al paese Italia di proporsi al mondo in una veste nuova, rispettosa delle proprie differenze ma altrettanto vogliosa di trasmettere l’Italian Style che tanto fa gola al mondo.

Per ora ringraziamo il Merano Wine Festival, nella persona di Helmut Köcher ed il Vice Presidente della regione Abruzzo Emanuele Imprudente per aver creduto nella possibilità di sviluppare una sinergia forte che sia di buon auspicio per il sistema Italia.

Buona degustazione con i vini abruzzesi ma non solo…

Autore:

Data:

8 Novembre 2022