Traduci

Migranti, governo pone fiducia sul decreto al Senato

cms_5892/senato_fotogramma.jpgIl ministro dei Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro, a nome del governo, ha posto al Senato la questione di fiducia “sull’approvazione dell’emendamento che mi accingo a presentare interamente sostitutivo dell’’articolo unico” del ddl di conversione del decreto legge sul contrasto all’immigrazione clandestina. Finocchiaro ha precisato che l’emendamento recepisce le proposte emendative approvate dalle commissioni, ad eccezione di quelle ritenute improponibili dalla presidenza. La prima chiama per il voto avverrà domani attorno alle 11 e 30, come ha comunicato il presidente Pietro Grasso all’assemblea, ripresa dopo la conferenza dei capigruppo

Pensioni, a luglio la 14esima: tutte le info

cms_5892/inps_pensioni_ftg.jpgSarà pagata a luglio la quattordicesima ai pensionati che hanno un reddito fino a due volte il trattamento minimo. Gli importi variano da 336 a 655 euro in base all’assegno percepito e agli anni di contributi. La conferma arriva da un messaggio pubblicato sul sito dell’Inps, in cui si ricorda che l’ultima manovra “ha incrementato la misura della somma aggiuntiva prevista per i soggetti in possesso di un reddito individuale non superiore a 1,5 volte il trattamento minimo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e ha previsto che la predetta somma sia corrisposta, in misura diversa, anche in favore dei soggetti in possesso di un reddito compreso tra 1,5 e 2 volte il menzionato trattamento minimo”.Il pagamento verrà effettuato d’ufficio per i pensionati di tutte le gestioni unitamente al rateo di pensione di luglio 2017 ovvero di dicembre 2017 per coloro che perfezionano il requisito anagrafico nel secondo semestre dell’anno 2017. Si rammenta che il beneficio sarà erogato in via provvisoria sulla base dei redditi presunti e sarà verificato non appena saranno disponibili le informazioni consuntivate dei redditi dell’anno 2016 o, nel caso di prima concessione, dell’anno 2017.

Gasdotto Tap, tensione al cantiere: polizia carica manifestanti

cms_5892/gasdotto_NordStream_Fg_.jpgMattinata tesa a San Foca, a Melendugno, in provincia di Lecce, davanti al cantiere del gasdotto Tap. I manifestanti No Tap ed alcuni sindaci salentini sono in presidio permanente per impedire le attività di espianto di 211 ulivi che si trovano sul tracciato del gasdotto, operazioni che sono munite delle relative autorizzazioni e che hanno il via libera anche del Ministero dell’Ambiente. Alcuni No Tap hanno impedito fisicamente l’accesso al cantiere per non far accedere i mezzi e gli operai. La polizia, dopo gli inviti a non ostacolare le operazioni, ha forzato il presidio, spostando di peso le persone una per una ed avanzando con scudi protettivi, liberando così la via di accesso.Sono state fasi concitate, con urla e tanta agitazione. Poi è stata ripristinata la calma anche se il presidio rimane e non c’è intenzione da parte dei manifestanti di rimuovere il blocco.

Autore:

Data:

29 Marzo 2017