Traduci

MILLENIALS E TEMATICHE AMBIENTALI…TRA APPRENSIONI E VIRTUOSISMO

Un sondaggio condotto dalla piattaforma Skuola.net in collaborazione con Sorgenia svela gli atteggiamenti dei giovani italiani nei confronti dei cambiamenti climatici e, più in generale, delle problematiche di natura ambientale. Su un campione di 3.500 ragazzi di età compresa tra i 10 e i 25 anni, ben il 96% degli intervistati dichiara di nutrire una certa apprensione in merito alla condizione attuale e futura del nostro Pianeta. E soltanto il 6% si dice fiducioso che non sia già troppo tardi per intervenire.

cms_19950/Foto_1.jpg

Passando al piano dell’autovalutazione, oltre 9 giovani su 10 assegnano la sufficienza ai propri comportamenti ecologisti (con una netta prevalenza di stime in positivo, al 48%), con ampia diffusione dei comportamenti funzionali: raccolta differenziata, ridotto consumo di prodotti contenenti plastica, gestione attenta di elettricità e acqua, preferenza verso prodotti a basso impatto ambientale.

Molto più diffuso rispetto a quanto non fosse in passato è anche l’uso di mezzi pubblici per gli spostamenti e l’acquisto di veicoli elettrici (come elettrico e fotovoltaico), ma anche la spesa “a filiera corta”, rivolgendosi direttamente ad agricoltori e produttori.

cms_19950/Foto_2.jpeg

Qual è la fonte da cui i giovani traggono informazioni e suggerimenti per uno stile di vita più sostenibile? Com’è facile intuire, ben 8 di loro su 10 attingono da motori di ricerca web e social network, oppure da documentari e serie tv in streaming. Solo il 14% sceglie di informarsi sfogliando anche riviste e giornali specializzati, mentre meno di 1 su 10 dichiara di affidarsi a insegnanti e familiari; dato, quest’ultimo, che getta un’ombra sul ruolo della scuola e sul rapporto, ancora molto difficile, tra generazioni differenti, sempre più lontane nelle convinzioni e nei modi di leggere le notizie. Gli idoli dei più giovani in campo ambientale sono Greta Thunberg (in cima alla classifica per il 42% degli intervistati) e Leonardo Di Caprio (con una preferenza del 16%), molto attivo sui social nella sensibilizzazione verso tali tematiche.

Autore:

Data:

12 Novembre 2020