Traduci

MORTI BUCHA E FOSSA COMUNE

cms_25484/1.jpgLa Russia ha commesso un “genocidio” in Ucraina.

Dopo la diffusione delle immagini del massacro di Bucha, con civili uccisi dai soldati russi e i morti ammassati in più di una fossa comune, il presidente Volodymyr Zelensky ha accusato Mosca, che punta all’obiettivo di eliminare “l’intera nazione” ucraina.

“Sì, questo è un genocidio. L’eliminazione dell’intera Nazione e del popolo.

Abbiamo più di 100 nazionalità. Si tratta della distruzione e dello sterminio di tutte queste nazionalità”, ha detto in un’intervista alla Cbs.

cms_25484/2_1649042857.jpgSecondo le ultime news, i corpi di altre 57 persone sono stati trovati in una nuova fossa comune.

“Qui, in questa fossa, sono sepolte 57 persone”, ha detto Serhii Kaplychny, responsabile delle operazioni per il recupero dei corpi.

“Si meritano soltanto la morte dopo quello che hanno fatto” i responsabili delle atrocità commesse in località come Bucha, Irpin e Gostomel e nelle “nostre città da cui abbiamo cacciato gli occupanti” ha detto Zelensky, in un nuovo video. Centinaia di civili sono morti “torturati e fucilati”, ha aggiunto. “Sulla nostra terra c’è stato il male assoluto: assassini, boia, stupratori e saccheggiatori che si definiscono un esercito”.

cms_25484/Volodymyr_Zelensky.jpgZelensky si è poi rivolto alle madri russe: “Vorrei che ogni madre russa vedesse i corpi delle persone uccise a Bucha, Irpin, Hostomel. Cosa hanno fatto quelle persone ai russi? Perché torturavano dei semplici civili in una città pacifica? Come si può stuprare e uccidere le donne davanti agli occhi dei loro figli”.

“Cosa ha fatto alla Russia la città ucraina Bucha? Come è diventato possibile tutto ciò? – ha proseguito Zelensky parlando in russo – Madri russe, anche se voi avete cresciuto dei saccheggiatori, come è che sono diventati anche dei boia? Voi non potevate non sapere che i vostri figli non hanno anima, non hanno cuore. Loro hanno ucciso consapevolmente”.

cms_25484/2_Dmytro_Kuleba.jpg“La Russia è peggio dell’Isis”, ha detto il ministro degli esteri ucraino Dmytro Kuleba intervistato dalla emittente radio Times Uk chiedendo una missione della Corte penale internazionale a Bucha per raccogliere evidenze sui crimini di guerra perpetrati dai russi.

“Urge che la Corte penale internazionale ed altre organizzazioni inviino missioni a Bucha e nelle altre città e villaggi liberati della regione di Kiev per lavorare con la polizia ucraina nella raccolta di ogni possibile evidenza dei crimini di guerra russi”. “Il massacro di Bucha è un atto deliberato, i russi vogliono eliminare più ucraini che possono”, ha scritto Kuleba, sollecitando nuove sanzioni devastanti subito” da parte del G7. “Dobbiamo fermarli e buttarli fuori”, si legge in un tweet in cui il ministro ha chiesto un embargo sul petrolio, il gas e il carbone, la chiusura di tutti i porti a navi e beni russi, la disconnessione di tutte le banche russe dal circuito Swift.

cms_25484/Olkesii_Arestovych.jpgDei “crimini contro l’umanità commessi dall’esercito russo a Bucha, Irpin, Hostomel”, ha parlato anche Olkesii Arestovych, consigliere dell’ufficio del presidente Zelensky, “affinché la comunità internazionale presti attenzione”.

“Tra le persone morte ci sono donne violentate che i russi hanno cercato di bruciare, rappresentanti del governo locale, bambini, anziani, uomini.

In molti casi i loro corpi sono stati trovati con mani legate, presentano inoltre segni di tortura e sono stati uccisi con un colpo alla tempia”, ha scritto sul canale ufficiale Telegram.

“Abbiamo già parlato abbastanza dei saccheggi di beni elettronici, dei gioielli e così via. Tutto questo verrà preso in considerazione sia dalla procura ucraina che dai tribunali internazionali. Non do altre notizie per oggi. Il mondo si deve rendere conto di ciò che è successo a Bucha, Irpin, Hostomel. E purtroppo credo anche nelle altre città ucraine, dove la situazione non è migliore. Ma noi -ha concluso- faremo di tutto per trovare e punire i criminali”.

(fonte AdnKronos – foto dal web)

Data:

4 Aprile 2022