Traduci

MUSEO NAZIONALE D’ABRUZZO

Il Museo nazionale d’Abruzzo (abbreviato in MuNDA dal 2015) è un museo statale italiano con sede all’Aquila. Storicamente ospitato nelle 41 sale del Forte spagnolo sin dall’apertura nel 1951, in seguito ai danni subiti dalla struttura durante il terremoto dell’Aquila del 2009 la collezione principale è stata spostata e resa nuovamente accessibile nei locali dell’ex mattatoio.

Le origini del museo risalgono all’attività del professor Mario Chini, studioso del rinascimento aquilano. Nel capoluogo abruzzese, di concerto con il sindaco Vincenzo Camerini, egli fondò il Museo civico, presso un’ala restaurata di Palazzo Margherita, svolgendo inoltre un importante lavoro archivistico e bibliografico sull’arte locale

Un’altra sede successiva fu quella dell’ex monastero di Santa Maria dei Raccomandati, dell’ordine dei Celestini, lungo il corso Vittorio Emanuele, che dal 1861 aveva ospitato il Municipio, poi trasferito a palazzo Margherita.

Nel 1935 fu inoltre allestito in città il Museo diocesano d’arte sacra, smantellato nel 1942 e confluito nei depositi della Soprintendenza dei Beni Immateriali e Paesaggiatici per l’Abruzzo presso il Forte spagnolo nel 1966.

cms_26772/1.jpg

Nel 1951 dopo la guerra, il castello cinquecentesco aquilano fu scelto come nuova sede del Museo unitario, ospitando anche la collezione archeologica dell’ex museo civico Santa Maria dei Raccomandati, nonché lo scheletro del Mammut rinvenuto a Scoppito nel 1956.

Al piano terra, in due sale sono esposti reperti archeologici, tra cui molte steli funerarie, ma il più importante è l’Elephas meridionalis, i resti monumentali di un mammut, uno dei più grandi d’Italia (ritrovato nel 1954).

Sala 1

cms_26772/2_1657688959.jpg

Mammuthus meridionalis

La sala era un tempo riserva dell’acqua per i soldati che vi si rifugiavano; oggi vi è esposto un grande scheletro di Mammuthus meridionalis. Fu ritrovato nel 1948 a Scoppito e fu portato qui l’anno dopo, quando fu istituito il museo.

Sale 2-3-4

Donazione Emilio Greco

La donazione comprende sculture e dipinti dell’artista catanese Emilio Greco.

Sala 5

Saletta dell’Ottocento

Nella sala sono esposti alcune opere della fine del XIX e inizi XX secolo, di noti artisti abruzzesi, tra cui: i morticelli (1880) di Francesco Paolo Michetti e il noto quadro La lavandaia (1888) di Pasquale Celommi.

Sale 6-7-8-9

sezione archeologica

In queste sale sono esposte alcuni reperti (dall’età protostorica all’età romana) provenienti dall’antico territorio dei Vestini e, principalmente, da L’Aquila. Interessante la sala 8, la più grande, con reperti di età sannitica, e la sala 9, con reperti funerari di età romana.

Sala 10

Sala del Gonfalone

cms_26772/3.jpgNella sala è esposto, il gonfalone più grande del mondo, quello realizzato da Giovan Paolo Cardone verso il 1586 per la basilica di San Bernardino, da dove proviene. Al centro vi è il Cristo risorto (secondo lo schema di Michelangelo nella basilica di Santa Maria sopra Minerva a Roma) e ai lati un Angelo con la coppa del sangue e la Vergine Maria; sotto, la città dell’Aquila cinta da mura e retta dai suoi quattro santi protettori: san Massimo, san Bernardino da Siena, Celestino V e sant’Equizio. Nei pennacchi altri quattro santi, tra cui Giovanni da Capestrano; l’opera è firmata nella parte centrale del dipinto, in basso a sinistra: Jo Paulo Cardonus Aquilani (Giovanni Paolo Cardone aquilano). Nella sala vi è anche un modellino del castello del Settecento: ci si accorge che è cambiato poco o nulla dell’aspetto, anche se in questo modellino manca il portale d’ingresso, staccato dopo il terremoto del 1703 dalla chiesa delle Anime sante.

Sala 12

pittura e scultura del XIII secolo

Le opere della sala testimoniano i livelli artistici raggiunti dall’Abruzzo nel XIII secolo. L’unica opera pittorica presente è il Crocifisso da iconostasi, formato da due travi unite, mentre le pitture (eseguite alla metà del Duecento) sono opera di un artista locale, ma abbastanza aggiornato sulle correnti pittoriche del tempo. Le altre opere sono tutte sculture di Madonna con Bimbo, la cui produzione durò fino al XVI secolo con grandi esponenti come Saturnino Gatti e Silvestro dell’Aquila. Sono tutte datate alla fine del XIII secolo.

Sala 13

Gli stili bizantino e gotico-romanico in Abruzzo

Madonna del RosarioSaturnino

cms_26772/4.jpgNella seconda metà del XIII secolo, l’arte abruzzese presenta varie differenze. La pittura resta fedelmente ancorata alla cosiddetta maniera greca (come la chiamava Giorgio Vasari): ne sono testimonianze le tre tavole dipinte, tutte raffiguranti la Madonna con Bambino, che provengono dalle chiese di Santa Maria a Graiano di San Pio (frazione di Fontecchio), Santa Maria in Pantanis a Montereale e San Pietro a Sivignano (frazione di Capitignano); esse hanno tutte la stessa impostazione frontale, con la Madonna seduta e il Bambino in braccio.

Di assoluto interesse è la Madonna con Bambino proveniente da Montereale, che viene chiamata Madonna del Latte perché sta allattando il piccolo Gesù: l’opera è sicuramente la più bella delle tre Madonne dipinte e colpisce soprattutto la ricchezza dei colori e la loro lucentezza; viene riconsegnata ogni 15 agosto al comune di Montereale per la processione.

Sala 14

Pittura e scultura della prima metà del XIV secolo in Abruzzo

A partire dalla fine del XIII secolo, in Abruzzo si può cominciare a parlare di gotico “puro”: il romanico è ormai scomparso, e il gotico viene largamente diffuso grazie sia alla presenza di tre artisti provenienti dall’Umbria e dall’Emilia, sia alla corte angioina nel Regno di Napoli. Nella scultura si hanno le manifestazioni più importanti: tra le 9 opere esposte, ben 6 si riferiscono alla scultura. L’ultimo esempio di gotico-romanico in Abruzzo è il Cristo deposto, datato intorno al 1290, unica parte superstite di un’antica Deposizione dalla Croce: proviene dal Duomo di Penne. L’opera, che però ha poco di gotico, è di legno policromo e si riallaccia al filone dei cosiddetti “Cristi deposti” che tra il 1220 fino agli inizi del Trecento saranno diffusi nella penisola e realizzati secondo uno schema figurativo molto simile. Il primo esemplare è quello del Duomo di Tivoli, datato al 1220-1230, opera appunto del Maestro di Tivoli, artista a cui (senza fondamento) la scultura presente nel Museo aquilano è stata attribuita. Nel XIV secolo sono presenti in regione tre artisti di provenienza diversa: due provenienti dall’Umbria e uno dall’area bolognese.

Di area emiliana è invece il Maestro del Crocifisso d’argento, pittore e scultore, attivo tra il 1310 e il 1330 e proveniente molto probabilmente da Bologna; egli realizzò tra il 1325 e il 1330 uno tabernacolo da collocare nell’altare maggiore della chiesa di Santa Caterina all’Aquila. Al centro c’era la statua di Santa Caterina d’Alessandria, di legno dipinto, mentre ai lati due tavole bislunghe dipinte, collocate in modo verticale, raffiguravano la vita della santa: si partiva da destra e precisamente dall’alto, con Santa Caterina che rifiuta di adorare gli idoli, il rogo dei 5 sapienti e l’eviscerazione della santa. A sinistra invece, partendo sempre dall’alto, erano raffigurati La visita dell’imperatrice a Santa Caterina, l’angelo che distrugge la ruota dentata e la decapitazione della santa. Con le soppressioni post-unitarie, i beni del convento furono alienati: la statua della santa e le due tavole andarono a finire nel municipio. La statua finì poi nel palazzo aquilano dei Rivera. Con l’istituzione del Museo Nazionale d’Abruzzo, la statue e le due tavole sono state donate all’istituzione museale e oggi figurano in questa sala, andando a formare nuovamente l’antico tabernacolo.

cms_26772/5.jpg

Tornando nuovamente alla scultura, gli artisti abruzzesi impararono presto le nuove novità artistiche gotiche, e ne sono testimonianza le due statue lignee di Santa Balbina (1310 circa) e San Leonardo (1350 circa), provenienti rispettivamente dalle chiese di San Michele a San Vittorino (frazione di Pizzoli) e da quella diruta di San Leonardo all’Aquila: entrambe sono dipinte, ma la Santa Balbina ha conservato pochissime tracce della policromia, mentre il San Leonardo è perfettamente conservato

Ex mattatoio, sede del nuovo MuNDA

cms_26772/6.jpg

Il complesso è situato a Borgo Rivera, in uno dei quartieri più antichi della città, adiacente alle mura dell’Aquila, precisamente tra le porte Rivera e della Stazione. L’area, a forte connotazione turistico-monumentale, è caratterizzata dalla presenza della fontana delle 99 cannelle e della chiesa di San Vito alla Rivera[4].

Occupa una superficie di oltre 4.000 , di cui circa la metà recuperati e accessibili al pubblico, ed è formato da un edificio principale (sede della collezione del museo nazionale d’Abruzzo) e da un nuovo fabbricato, ulteriormente suddiviso in due blocchi a livelli sfalsati, al cui interno trovano posto le strutture accessorie al museo, una sezione uffici ed una sala congressi da 96 posti[5]. Il padiglione principale si articola su 6 sale all’interno di 5 aree espositive.

Sala 1

Archeologia d’Abruzzo

cms_26772/7.jpg

La prima delle sale della mostra è dedicata all’archeologia, con reperti di testimonianze delle civiltà italiche, e in particolare dei Vestini e dei Sabini. Ci sono molti pezzi provenienti da Amiternum, l’antica città sabina presso contrada San Vittorino. Alcune opere derivano dalle collezioni del Castello (provenienti dagli scavi di Aveia (Fossa) e Peltuinum (Prata d’Ansidonia), importanti reperti sono il “Calendario Amiternino” che riporta le feste liturgiche annuali della città del 20 d.C., e rilievi in pietra raffiguranti un combattimento di gladiatori (I secolo a.C.) e una cerimonia funebre di un patrizio amiternino, del I secolo d.C.; di interesse anche un coperchio di un vaso in pietra, con l’impugnatura a forma di serpente attorcigliato a spirale.

Sala 2

le Madonne

È il tema della seconda sala, che contiene al suo interno una delle maggiori novità dell’esposizione: una scultura di Madonna con Bambino, attribuita al maestro della Santa Caterina Gualino, scultura “sorella” di una già conservata al Castello che, a differenza di quella appena acquisita dalla Soprintendenza, aveva perso completamente la policromia. I visitatori dunque potranno vedere a confronto le due Madonne. Alcune rare preziose icone dipinte duecentesche (Madonna de Ambro, Madonna di Sivignano, Madonna di Montereale), e numerose sculture in legno vi si trovano; maestose e sacrali quelle di cultura romanico-bizantina, risalenti al 1100-1200 come la Madonna di Lettopalena, la Madonna di Concanelle; slanciate e flessuose sono quelle trecentesche, che rivelano nella dolcezza del volto e nella raffinatezza delle linee la spiritualità e la grazia della nuova arte gotica, come la Madonna di Fossa e la Madonna di San Silvestro.

Sala 3 – 4

Età Angioina – Età tardo Gotica e Rinascimento

La sezione comprende rappresentazioni più naturalistiche della Madonna, con finezza ed eleganza eccezionali. Tra queste quella della chiesa di San Silvestro. Nella sala successiva sono mostrate le opere di esordio di Andrea De Litio, ma anche è presente l’importanza del famoso Trittico di Beffi, il San Sebastiano di Silvestro dell’Aquila, opere di Giovanni di Biasuccio, diversi polittici, tra cui quello di Pianella della chiesa di Santa Maria Maggiore.

cms_26772/8.jpg

Giovanni di Bartolomeo, Vita di San Giovanni da Capestrano, 1480-85

La sala 3 si apre con le pitture su fondo d’oro zecchino, tra esse il Trittico di Beffi del 1410-15, attribuiti al teramano Leonardo di Sabino; testimonianze del primo Rinascimento abruzzese sono i dipinti del De Litio e le sculture lignee di Giovanni di Biasuccio e Silvestro di Giacomo da Sulmona (il San Sebastiano) del 1478 tra i più famosi). Tra i dipinti di soggetto e committenza francescana nella sala, spicca il polittico della Vita di San Giovanni da Capestrano (1480) di Giovanni di Bartolomeo, cui si attribuisce anche il dipinto delle Stimmate di San Francesco.

Sala 5 – 6

i Francescani – Opere del Barocco aquilano

Una delle sale è completamente dedicata al messaggio di San Francesco, con i ritratti di San Bernardino da Siena, San Giovanni da Capestrano, il polittico- Di grande importanza è un gruppo di terracotta al centro della stanza composto dalla Madonna col Bambino della basilica di Collemaggio e dal presepe proveniente dalla chiesa di Santa Maria del Ponte a Tione.

Nella prima emerge la personalità aquilana di Saturnino Gatti, recentemente riconosciuto tra le figure di primo piano del Rinascimento centro-meridionale italiano. Il museo espone la Madonna degli Angeli (1505), la Madonna del Rosario (1511) e diverse sculture in terracotta (il Presepe di Tione degli Abruzzi, il Sant’Antonio Abate del 1512), salvate dal terremoto del 2009 e restaurate.

cms_26772/9.jpg

San Massimo d’Aveia con la città di Penne, opera del Bedeschini

L’ultima sala è dedicata alle tele di Giacinto Brandi e ai capolavori della collezione Cappelli.

Data:

13 Luglio 2022