Traduci

NATO:”DA RUSSIA RETORICA NUCLEARE PERICOLOSA E IRRESPONSABILE” – Drone ucraino attacca Russia a 240 Km da Mosca – Bakhmut fulcro della guerra

Nato: “Da Russia retorica nucleare pericolosa e irresponsabile”

cms_29880/NATODA_RUSSIA_RETORICA_NUCLEARE_PERICOLOSA_E_IRRESPONSABILE.jpg

La Nato denuncia la retorica nucleare russa, definendola “pericolosa e irresponsabile”, all’indomani dell’annuncio del presidente Vladimir Putin del dispiegamento di armi tattiche in Bielorussia. “La Nato continua a vigilare e a monitorare la situazione da vicino”, ha detto un portavoce dell’Alleanza atlantica, assicurando tuttavia di “non aver visto alcun cambiamento nella postura nucleare russa che ci porti ad aggiustare la nostra”. Il portavoce poi definisce “totalmente fuorviante” il riferimento alla presenza di armi nucleari nei Paesi alleati, che “agiscono nel pieno rispetto dei loro obblighi internazionali”, mentre la Russia ha a più riprese “violato i suoi impegni sul controllo delle armi, sospendendo la sua partecipazione al Trattato nuovo Start”.

***** ***** ***** ***** *****

Drone ucraino attacca Russia a 240 Km da Mosca

cms_29880/Drone_ucraino_attacca_Russia_a_240_Km_da_Mosca.jpg

La Russia denuncia un attacco dell’Ucraina che con un drone sarebbe arrivata a colpire a circa 240 km da Mosca. Un’esplosione avrebbe provocato il ferimento di 3 persone nella regione russa di Tula, a sud della capitale, come riferisce l’agenzia Tass. “L’esplosione nella città di Kireyevsk, nella regione di Tula, è stata provocata da un drone ucraino Tu-141 Strizh. Il drone era dotato di esplosivo”, le parole di un portavoce delle agenzie di sicurezza locali alla Tass.

“Frammenti del drone sono stati recuperati”, aggiunge. Secondo la Tass, “due giovani sono stati feriti dai detriti e una terza persona ha riportato lievi danni”.

***** ***** ***** ***** *****

Bakhmut

cms_29880/BAKHMUT.jpg

In Ucraina, il fulcro della guerra rimane la città di Bakhmut. La Russia non allenta la pressione e continua a condurre attacchi. Le forze armate ucraine, però, riescono a “controllare le azioni del nemico” e hanno “abbastanza risorse per difendere la linea del fronte”, secondo Serhii Cherevatyi, portavoce del Comando orientale delle forze armate ucraine. “Stabilizzare la situazione significa che vediamo e controlliamo le azioni del nemico”, aggiunge chiarendo il significato di altre comunicazioni provenienti da ambienti militari di Kiev.

“Decifriamo le direzioni dell’operazioni nemiche, comprendiamo i piani. Siamo consapevoli delle risorse e dei mezzi su cui possiamo contare: sappiamo di averne abbastanza per reggere. E sappiamo dove sono le nostre riserve e cosa possiamo utilizzare”, dice prima di aggiungere: “Sappiamo anche dove possiamo colpire per infliggere danni pesanti al nemico, indebolirlo e ridurne il potenziale offensivo”.

Data:

27 Marzo 2023