Traduci

Navalny non potrà candidarsi contro Putin

Navalny non potrà candidarsi contro Putin

cms_8069/navalny_afp.jpgLa Corte suprema russa ha respinto il ricorso presentato da Aleksei Navalny contro la decisione della Commissione elettorale di non accettare la sua candidatura alle elezioni presidenziali del prossimo marzo, confermando che non potrà presentarsi alle elezioni.

La decisione della Commissione elettorale (che ha bloccato la candidatura di Navalny citando la sua condanna per frode a cinque anni di carcere con la condizionale) è pienamente conforme alla legge, ha sancito la Corte respingendo la tesi dell’oppositore, che ha denunciato la condanna come motivata politicamente, secondo cui tale norma vale solo per chi effettivamente sconta una pena in carcere.

L’avvocato dell’oppositore ha anticipato un ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo contro l’esclusione dalle elezioni. Navalny ha quindi chiesto ai suoi sostenitori di boicottare il voto del prossimo 18 marzo e organizzato una manifestazione di protesta in tutto il paese per il 28 gennaio.

Iran, spari contro i manifestanti: vittime

cms_8069/iran_proteste_afp.jpgAlmeno tre persone sono state uccise e altre ferite, durante le manifestazioni di protesta, da agenti della Guardia Rivoluzionaria che hanno sparato per disperdere una manifestazione a Doraud, nella provincia di Loerstan, nell’Iran centrale. Lo riferisce al Arabiya online.

Oggi è stato il terzo giorno di proteste in Iran, iniziate contro il rincaro dei prezzi, la disoccupazione e la corruzione del Paese e ben presto diventate una contestazione del governo guidato dal presidente Hassan Rohani. Centinaia di studenti si sono riuniti davanti all’Università di Teheran intonando lo slogan ’finito il gioco dei riformisti e dei fondamentalisti’ e si sono registrati scontri tra i manifestanti e la polizia in tenuta antisommossa.

’’A differenza delle proteste in corso in varie città contro la situazione economica e i prezzi alti, quella di fronte all’università di Teheran è politica’’, ha scritto l’agenzia di stampa Fars.

Il mondo sta guardando” quello che accade in Iran, ha detto il presidente americano Donald Trump. “Ci sono molte notizie di proteste pacifiche da parte degli iraniani stanchi della corruzione del regime e il suo dissipare la ricchezza della nazione per finanziare il terrorismo all’estero. Il governo iraniano deve rispettare i diritti degli iraniani, incluso il diritto di esprimersi. Il mondo sta guardando!”, ha scritto Trump.

Ieri il presidente iraniano Hassan Rohani ha cancellato un incontro con il presidente del Majlis a causa delle proteste.

Everest, stop alle scalate in solitaria

cms_8069/everest_1_afp.jpgStop alle scalate in solitaria, compresa quella dell’Everest. Lo hanno deciso le autorità nepalesi nel tentativo di ridurre gli incidenti. Le nuove regole impediscono anche alle persone con amputazioni e alle persone senza vista di tentare di raggiungere la vetta più alta del mondo.

Quest’anno si è registrato il record di tentativi di scalata dell’Everest, ma è cresciuto anche il numero degli incidenti mortali. In questa stagione il bilancio delle vittime è finora di sei morti, compreso l’85enne Min Bahadur Sherchan, morto nel tentativo di riconquistare il record di persona più vecchia a raggiungere la cima della vetta più alta del Pianeta.

In base alle nuove regole, riferisce la Bbc, gli stranieri dovranno essere accompagnati da una guida locale. L’auspicio delle autorità locali è quello di creare maggiori opportunità di lavoro per le guide nepalesi. A partire dal 1920 sono state oltre 200 le persone morte nel tentativo di scalata dell’Everest, con la maggior parte delle vittime rimaste uccise a partire dal 1980.

Autore:

Data:

30 Dicembre 2017