Traduci

NEL MONDO OLTRE 1,7 MLN DI MORTI. VACCINO COVID,DA PFIZER E MODERNA TEST SULLA VARIANTE INGLESE

cms_20413/johns-hopkins-university-1580683593.jpg

Nel mondo oltre 1,7 milioni di morti

Sono 1.706.513 i decessi da coronavirus accertati a livello globale, con 77.556.703 casi registrati dall’inizio della pandemia. E’ quanto indicano i dati della Johns Hopkins University, che monitora costantemente l’andamento dei contagi e il numero delle vittime a livello globale. Il Paese più colpito rimangono gli Usa, con 18.057.172 casi accertati e 319.827 decessi. L’Italia è il Paese europeo più colpito (e il quinto al mondo) con 69.214 morti e 1.964.054 contagi accertati.

cms_20413/Pfizer_e_Moderna_loghi.jpg

Vaccino Covid, da Pfizer e Moderna test sulla variante inglese

Pfizer e Moderna testeranno i loro vaccini contro il Covid-19 sulla nuova variante di coronavirus trovata in Gran Bretagna. Lo hanno reso noto le due aziende farmaceutiche citate dalla Cnn. Moderna, in particolare, ha detto di aspettarsi che il suo vaccino protegga dalle varianti ed eseguirà più test nelle prossime settimane per confermare la tesi.

Secondo l’amminstratore delegato della BioNTech, Ugur Sahin, per avere la certezza che il vaccino sviluppato insieme alla Pfizer sia efficace contro la variante inglese saranno necessari altri studi. ’’Non sappiamo al momento se il nostro vaccino è anche in grado di fornire protezione contro questa nuova variante”, ma poiché le proteine ​​sulla variante sono al 99% le stesse dei ceppi prevalenti, BioNTech ha “fiducia’’ nel vaccino, ha proseguito Sahin. La BioNTech sta attualmente conducendo ulteriori studi e spera di avere certezza dell’efficacia nelle prossime settimane. “La probabilità che il nostro vaccino funzioni è relativamente alta”, ha detto, assicurando che l’azienda farmaceutica è in grado di sviluppare un nuovo vaccino in grado di combattere la variante inglese in sei settimane.

cms_20413/4.jpg

cms_20413/LOGO-PROTEZIONE-CIVILE-NAZIONALE.jpgIn Italia 13.318 contagi e 628 morti

Sono 13.318 i nuovi contagi da coronavirus in Italia resi noti secondo i dati del bollettino della Protezione Civile pubblicato dal ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 628 morti che portano il totale a 69.842 dall’inizio dell’emergenza legata all’epidemia. Nelle ultime ore sono stati eseguiti 166.205 tamponi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.687, con un calo di 44 unità.

cms_20413/0.jpg

I dati:

LOMBARDIA – Sono 2.278 i nuovi contagi da Coronavirus in Lombardia e sono stati registrati altri 92 morti.

PIEMONTE – Sono 674 i nuovi contagi da Coronavirus in Piemonte e sono stati registrati altri 50 morti, di cui 5 oggi.

EMILIA – Sono 1.162 i nuovi contagi di Coronavirus in Emilia Romagna e si registrano altri 68 morti.

PUGLIA – Sono 876 i nuovi contagi da Coronavirus in Puglia e sono stati registrati altri 35 morti.

BASILICATA – Sono 76 i nuovi contagi da coronavirus registrati in Basilica e sono segnalati altri 4 morti.

VENETO – In Veneto da ieri si sono registrati 3.082 nuovi contagi e 150 morti che però sommano anche quelli non registrati lunedì.

LAZIO – Sono 1.288 i nuovi casi da coronavirus nel Lazio e vengono segnalati altri 56 morti.

CAMPANIA – Sono 791 i nuovi casi di Coronavirus in Campania e vengono segnalati ulteriori 25 morti: in una nota si specifica che si tratta di 8 decessi avvenuti nelle ultime 24 ore e 17 avvenuti in precedenza, ma registrati ieri.

ABRUZZO – Sono 86 i nuovi contagi da Coronavirus in Abruzzo e sono stati registrati altri 8 morti.

FRIULI – Sono 549 i nuovi casi da Coronavirus in Friuli Venezia Giulia e vengono segnalati inoltre altri 20 morti.

TOSCANA – Sono 309 i nuovi contagi da Coronavirus in Toscana e sono stati registrati altri 22 morti.

CALABRIA – Sono 232 i nuovi casi da coronavirus in Calabria e vengono segnalati altri 5 morti.

SICILIA – Sono 894 i nuovi contagi da Coronavirus in Sicilia e sono stati registrati altri 22 morti.

cms_20413/Matteo_Bassetti,Infettirologo.jpg

Variante Covid, Bassetti: “Troppo rumore per nulla, vaccino funzionerà”

Sulla variante inglese del nuovo coronavirus “c’è stato troppo rumore per un qualcosa peraltro senza fondamento scientifico; l’annuncio è del ministero inglese, ma senza una pubblicazione scientifica su una rivista ’peer-review’”. Lo sottolinea all’Adnkronos Salute l’infettivologo Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria, commentando la pericolosità della variante di Sars-CoV-2 scoperta nel Regno Unito.

“In un laboratorio di genomica inglese è stato trovato che il coronavirus pare aver avuto una mutazione che però non inficia sulla mortalità e sull’aggressività del virus, ma aumenta la contagiosità del 70%. Non è una dato però approvato scientificamente – prosegue Bassetti -. I virus normalmente mutano, ci sono state già altre segnalazione sul coronavirus e il virus dell’influenza, ad esempio, ha mutazioni velocissime mentre questo un po’ meno. Quindi era già successo e ci sono pubblicazioni su ’Nature’, è dunque probabile che questa mutazione sarà trovata anche in Italia, ma non dobbiamo temere nulla”.

Il vaccino anti-Covid “funzionerà anche contro la variante inglese. La mutazione, anche se presente, riguarda una piccola parte del codone virale, quindi – spiega ancora Bassetti – una piccola parte del genoma, una piccola parte della proteina ’Spike’, mentre il vaccino è indirizzato verso una grande proteina Spike: per cui, anche se cambia una minima parte, non cambia la struttura portante. Il vaccino funziona e funzionerà. E anche se ci saranno mutazioni in futuro, si possono modificare i vaccini”.

“Il freddo che arriverà – avverte quindi lo scienziato – non aiuterà nella lotta al coronavirus perché a gennaio-febbraio, quando avremo probabilmente una terza ondata di casi Covid, si mischieranno tanti virus diversi: influenza, para-influenzali e coronavirus. Sarà una situazione complicata e bisognerà fare molta attenzione. Mi auguro che il più possibile delle persone si siano vaccinate per l’influenza e per lo pneumococco, questo dovrebbe aiutare molto i più fragili. Poi usare sempre la mascherina e lavarsi le mani”.

Data:

23 Dicembre 2020