Traduci

Nel mondo quasi 21 milioni i contagi e più di 755.000 le persone decedute.

cms_18676/johns-hopkins-university-1580683593.jpg

Nel mondo sonopiù di 755.000 le persone decedute per complicanze legate al coronavirus. Gli ultimi dati della Johns Hopkins University parlano di 755.612 morti a causa della pandemia. A livello globale i contagi confermati sono quasi 21 milioni, precisamente 20.907.410.

Messico e Perù – Sono ormai più di mezzo milione i casi di coronavirus in Messico e in Perù. Le autorità sanitarie del Messico hanno confermato nelle ultime ore 7.371 nuovi casi di Covid-19 e altri 627 decessi. Il nuovo bollettino ufficiale parla di 505.751 contagi e 55.293 morti. I dati ufficiali del Perù, riportano i media locali, parlano invece di 507.996 casi confermati con 25.648 morti a causa della pandemia.

cms_18676/4.jpg

Crescono ancora i contagiati dal Coronavirus, secondo i dati del Ministero della Salute, nelle ultime 24 ore: sono 574 rispetto ai 523 di giovedì. Per avere un aumento più alto di nuovi positivi bisogna risalire al 24 giugno, quando furono 577. In Veneto (127) e Lombardia (97) gli incrementi più consistenti. Complessivamente sono 252.809 le persone che hanno contratto il Covid. In calo, invece, i morti: sono 3, contro i 6 di ieri. Solo in Valle d’Aosta e Molise non si sono registrati nuovi casi.

Sono 14.249 le persone attualmente positive al Covid, 168 in più di giovedì. In aumento anche i pazienti in isolamento domiciliare (13.422, con una crescita di 182 rispetto a ieri) ed in terapia intensiva (56, uno in più di ieri), mentre calano i ricoverati con sintomi (771, 15 in meno). E’ quanto emerge dai dati diffusi dal ministero della Salute. Complessivamente, le persone dimesse o guarite dal virus sono 203.326, 403 in più rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 46.723 tamponi, 4.465 in meno rispetto al giorno precedente.

cms_18676/tabella_14agosto_covid.jpg

cms_18676/Lepidemiologo-Lopalco.jpg

In Puglia 5 giovani ricoverati in condizioni severe – Cinque giovani, tra i 20 e i 30 anni, sono ricoverati negli ospedali pugliesi in “condizioni severe” nei reparti di Malattie infettive dopo aver contratto il Coronavirus. Lo conferma all’ANSA il professore Pierluigi Lopalco, capo della task force per l’emergenza Coronavirus in Puglia. “I pazienti – spiega – hanno delle polmoniti provocate dal Covid-19 e per questo è stato necessario il ricovero”. Il dato conferma che anche la giovane età non mette al sicuro da sintomi importanti”. Per quanto riguarda, invece, le discoteche, Lopalco conferma che, al momento, in Puglia “non ci saranno ulteriori provvedimenti” rispetto all’obbligo di mascherina adottato con ordinanza del presidente della Regione Puglia già ieri.

cms_18676/Pregliasco.jpg

“I dati di oggi” sulla situazione coronavirus Sars-Cov-2 in Italia “mostrano che siamo in un trend non positivo. C’è un continuo aumento” dei casi “anche in termini percentuali rispetto al numero dei tamponi eseguiti. E’ una situazione non piacevole che necessita di una presa di coscienza da parte dei cittadini: collaborino al meglio”. Il virologo dell’università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco, commenta così all’Adnkronos Salute l’andamento dei contagi rilevati nel Paese. “Il virus non va in vacanza” e gli italiani devono continuare nel rispetto delle misure, sottolinea. “Rispetto alla capacità del sistema sanitario nazionale di controllare i focolai, che ci si aspettava essere continui è fondamentale il mantenimento di una situazione che ci vede messi meglio rispetto alle nazioni intorno a noi. Manteniamola, anche in vista della riapertura delle scuole”, esorta.

“Credo che il Cts abbia dato delle indicazioni giuste per far partire l’anno scolastico immaginando le difficoltà di una serie di prescrizioni. E’ sperabile però che queste misure possano poi essere attuate progressivamente e in maniera sistematica” dice, commentando le nuove raccomandazioni su cui si sono sollevate diverse polemiche, a cominciare da quelle espresse dai presidi. Indicazioni secondo cui il distanziamento di un metro a scuola, al rientro a settembre, può anche non essere mantenuto per qualche mese, in attesa dei nuovi banchi, purché si faccia uso della mascherina chirurgica. “Quello che serve è che anche le scuole si muovano con buonsenso, lo stesso che dobbiamo avere anche noi”, conclude.

Data:

15 Agosto 2020