Traduci

“NESSUN MORTO NEL TEATRO BOMBARDATO DI MARIUPOL”

cms_25261/0.jpgNon ha causato morti ma un ferito grave il bombardamento di un teatro di Mariupol condotto mercoledì dalla Russia in Ucraina. Lo ha riferito l’amministrazione comunale della stessa città ucraina sul suo canale Telegram, riportando il primo bilancio sul raid.

La città è assediata da giorni, ma al momento è impossibile liberala, ha affermato Oleksiy Arestovych, il consigliere presidenziale ucraino, Volodymyr Zelensky in un post su Facebook. “Le unità più vicine delle forze armate ucraine – rileva Arestovych – sono impegnati in pesanti combattimenti a nord di Volnovakha. Sono attaccate da forze superiori del nemico e in questo momento non possono occuparsi della liberazione di Mariupol”. Altre forze ucraine, rileva il Consigliere di Zelensky, “si trovano a 100, 120, 150 chilometri da Mariupol e anche loro stanno combattendo. Se anche ora riuscissero a sconfiggere il nemico e muoversi nella direzione di Mariupol sarebbe impossibile muoversi in steppa aperta a causa dell’aviasione russa in Crimea e a Rostov. Per ora ci sono solo soluzione politico-diplomatiche per risolvere la catastrofe umanitarie a Mariupol”.

cms_25261/1.jpgGuerra Ucraina-Russia, dopo l’invasione i russi “non sono avanzati in fretta come avrebbero voluto”.

A dirlo alla Cnn, sottolineando i numerosi errori e “passi falsi” di Mosca, è il capo del Pentagono, Lloyd Austin.

I russi “hanno avuto problemi con la logistica” e non hanno dimostrato “di usare bene l’intelligence tattica” o di saper integrare “la capacità aerea con le manovre terrestri”, ha rilevato il ministro della Difesa degli Stati Uniti.

“Ci sono molte cose che ci aspettavamo di vedere, ma che poi non abbiamo visto… molti dei loro assunti non si sono rivelati veri”, ha proseguito Austin. Penso che i russi “pensavano di muoversi molto rapidamente e poter conquistare presto la capitale, ma non sono stati capaci di farlo”, ha aggiunto il capo del Pentagono, rimarcando come le truppe del Cremlino abbiano bombardato e distrutto vaste porzioni di città, come Mariupol e Kharkiv, ma gli ucraini siano riusciti a impedire che prendessero il controllo di ampie parti del Paese, fra cui Kiev.

cms_25261/2_1647671386.jpg

Da quando è iniziata l’invasione dell’Ucraina, le forze russe hanno lanciato “oltre 1.080 missili”, ha detto un alto funzionario del Pentagono, citato dalla Cnn. Lo spazio aereo dell’Ucraina è ancora “conteso”, ha aggiunto il funzionario, spiegando così che le forze russe non ne hanno preso il controllo.

(fonte AdnKronnoos – foto dal web)

Data:

19 Marzo 2022