Traduci

NIBALI GIU’, ROSSI SU

CICLISMO – La 14ma tappa del Giro, da Castellania a Oropa, è entrata nel vivo negli ultimi 9 kilometri. Fino ad allora tre uomini in fuga ripresi e abbandonati dal gruppone di inseguitori, da cui si staccano una decina di corridori: tutti uomini di alta classifica. Si può dire che la corsa a tappe italiane, è iniziata veramente oggi. Il traguardo di Oropa, in vetta a una salita conosciuta come cima Pantani (N.d.R. Nel 1999 il campione romagnolo fu protagonista di una splendida vittoria in rimonta in seguito a un guasto meccanico della sua bicicletta), ha messo uno dietro l’altro i corridori che, sulla carta, hanno più chance degli altri per superare le fatiche dei prossimi tapponi montani.

FOTO 1

La corsa si accende a due kilometri dall’arrivo: Quintana prima stacca il gruppetto di cui fanno parte Nibali e Doumolin, poi si fa raggiungere dalla maglia rosa che si aggiudica la tappa. Per lo “Squalo” niente da fare: crolla e cede altri 43 secondi. Oggi si corre per 199 Km da Valdengo a Bergamo; due i Gran Premi della montagna, di seconda e terza categoria.

ARRIVO — 1. Tom DUMOULIN (Ola, Sunweb) 131 km in 3h02’34″, media 43,052 km/h; 2. Zakarin (Rus, Katusha) a 3″; 3. Landa (Spa, Sky) a 9″; 4. Quintana (Col) a 14″; 5. Pinot (Fra) a 35″ 6. Yates (Gb) a 41″; 7. Nibali a 43″; 8. Pellizotti; 9. Kruijswijk (Ola) a 46″; 10. Kangert (Est).

CLASSIFICA — 1. Tom DUMOULIN (Ola/Sunweb) 59h31’17″; 2. Quintana (Col) a 2’47″; 3. Pinot (Fra) a 3’25″; 4. Nibali a 3’40″; 5. Zakarin (Rus) a 4’24″; 6. Mollema (Ola) a 4’32″; 7. Kangert (Est) a 4’56″; 8. Pozzovivo a 4’59″; 9. Jungels (Lus) a 5’28″; 10. Amador (C. Rica) a 5’38″.

FOTO 2

MOTORI – “Con questo grip la Yamaha è a posto, peccato aver perso la pole forse rallentato da Miller. Non credo però che Marquez si darà per vinto“, così Valentino Rossi dopo aver perso la pole per un soffio. Le Yamaha sono andate meglio delle Honda durante le qualificazioni del Gran Premio di Le Mans. Vinales conquista la prima posizione con il Pesarese di poco alle sue spalle, forse per il rallentamento causato da Miller che gli cade, successivamente, davanti. A separare i due piloti della Yamaha, solo 109 millesimi di secondo. Comunque, piena soddisfazione di Maverick Vinales per la prestazione di ieri: “È stato fatto un bel lavoro e mi sento bene: il feeling è legato alla gomma che portano in pista e con questa mi trovo bene. La gara? Speriamo sia lotta in casa Yamaha”. Diretta Sky e semaforo verde alle 14.

GRIGLIA DI PARTENZA:

  • 1a fila
  • 1. Maverick Viñales (Spa) Yamaha 1’31″994 2. Valentino Rossi (Ita) Yamaha +0:106 3. Johann Zarco (Fra) Yamaha +0:235
  • 2a fila
  • 4. Cal Crutchlow (Gb) Honda +0:306 5. Marc Marquez (Spa) Honda +0:499 6. Andrea Dovizioso (Ita) Ducati +0:732
  • 3a fila
  • 7. Scott Redding (Gbr) Ducati +1:125 8. Pol Espargaro (Spa) Ktm +1:405 9. Karel Abraham (Cze) Ducati +1:523
  • 4a fila
  • 10. Bradley Smith (Gb) Ktm +1:635 11. Jack Miller (Aus) Honda +1:762 12. Loris Baz (Fra) Ducati +1:961
  • 5/a fila
  • 13. D.Pedrosa (Spa) Honda 14. A.Bautista (Spa) Ducati 15. J.Folger (Ger) Yamaha
  • 6/a fila
  • 16. J.Lorenzo (Spa) Ducati 17. A.Iannone (Ita) Suzuki 18. A.Espargarò (Spa) Aprilia
  • 7/a fila
  • 19. D.Petrucci (Ita) Ducati 20. H.Barbera (Spa) Ducati 21. S.Lowes (Gb) Aprilia
  • 8/a fila
  • 22. T.Rabat (Spa) Honda 23. S.Giuntoli (Fra) Suzuki (

Classifica del Mondiale:

1. Valentino Rossi (Ita/Yamaha) 62 punti
2. Maverick Vinales (Spa/Yamaha) 60
3. Marc Marquez (Spa/Honda) 58
4. Dani Pedrosa (Spa/Honda) 52
5. Andrea Dovizioso (Ita/Ducati) 41

Data:

20 Maggio 2017