Traduci

Nucleare: siglato l’accordo USA-IRAN

L’accordo USA-IRAN, siglato nei giorni scorsi a Vienna, prevede il ritiro delle sanzioni economiche inflitte all’Iran in cambio della promessa di non produrre la bomba atomica. Ciò nonostante, appare legittima la preoccupazione di buona parte del popolo americano sull’accordo raggiunto.

cms_2541/aperturabomba.jpg

L’Iran da sempre dichiara di avere il diritto alla costruzione di centrali nucleari ed alla produzione della bomba atomica. Secondo alcuni, inoltre, in territorio iraniano si procederebbe alla sperimentazione di nuove tecnologie esplosive e studi in campo nucleare.

cms_2541/obama.jpg

Obama, dichiara di essere assolutamente convinto che l’accordo raggiunto è attualmente un buon accordo di cui si dovrebbe essere orgogliosi di realizzare per la sicurezza non solo degli Usa ma anche delle potenze alleate e il mondo, incluso Israele. Il Congresso degli Stati Uniti d’America ed il Consiglio di Sicurezza dell’ONU hanno il compito di verificare il mantenimento della promessa dell’Iran. Non è sufficiente la dichiarazione di Obama “porrò il veto ad ogni legge che ne impedirà l’applicazione” riferendosi all’accordo. Il Congresso infatti dichiara “guerra” al Presidente accusandolo di essere incapace di gestire le attuali relazioni internazionali e soprattutto di sottovalutare la volontà degli iraniani di possedere la bomba atomica che, con molta probabilità, userebbero contro gli Stati Uniti.

cms_2541/congresso.jpg

Il Congresso ritiene che la decisione di Obama di ritirare le sanzioni economiche possa alimentare il terrorismo. In effetti, è evidente la crescente imprevedibilità e pericolosità dell’Isis dovuta anche ad un aumento dei “simpatizzanti” occidentali.

cms_2541/Israele-Iran-no-accordo-nucleare.jpg

A pochi giorni dall’accordo, anche Israele, comincia ad avere perplessità sulla buona fede dell’Iran e qualcuno dubita delle pacifiche intenzioni di Obama. Le sue recenti decisioni prese con Turchia, Iran e da ultimo Africa che ha scatenato l’ira cinese, sono messe in discussione da diversi geopolitici che criticano sempre più l’operato del Presidente ritenendolo incosciente.

Data:

1 Agosto 2015