Traduci

OMS…VARIANTE COVID E VACCINO, L’EUROPA TRA DUBBI E SPERANZE

cms_20404/OMS.jpgOMS… variante Covid e vaccino,l’Europa tra dubbi e speranze

La variante Covid arrivata dall’Inghilterra e il vaccino Pfizer-Biontech. L’Europa si muove tra timori e speranze nell’emergenza Coronavirus. La variante Covid individuata nel Regno Unito, e approdata anche in Italia, appare più contagiosa ma non più ’cattiva’ del Coronavirus già noto. E con ogni probabilità, secondo le posizioni espresse da numerosi esperti, non ostacola il normale funzionamento dei vaccini. E’ il quadro che si va delineando, mentre gli scienziati prendono confidenza con la nuova veste del Covid.

cms_20404/1.jpg

“Il Regno Unito riferisce che questa variante del Coronavirus si trasmette più facilmente ma non ci sono elementi per ritenere che provochi conseguenze più gravi o sia più mortale”, è la posizione dell’Oms, attraverso le parole del direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus. Negli ultimi giorni ci sono stati report relativi ad una variante del coronavirus nel Regno Unito e in Sudafrica. Per l’Oms, la lista comprende anche l’Italia, l’Australia, l’Islanda, la Danimarca e l’Olanda. “I virus mutano nel corso del tempo, è naturale ed è una cosa prevista. Il Regno Unito riferisce che questa variante si trasmette più facilmente ma non ci sono elementi per ritenere che provochi conseguenze più gravi o più mortale. L’Oms collabora con gli scienziati per capire come questi mutamenti genetici possano condizionare il comportamento del virus”, aggiunge il dg.

cms_20404/ursula_von_der_leyen.jpg

Mentre l’Inghilterra discute sulla necessità di allargare il lockdown e una quarantina di Paesi bloccano i collegamenti aerei con il Regno Unito, l’Europa dà finalmente il semaforo verde al vaccino Pfizer-Biontech, denominato ’Comirnaty’. Arriva il via libera dell’Ema, l’agenzia continentale del farmaco, e a stretto giro anche l’ok della Commissione europea alla commercializzazione. “Aggiungiamo un capitolo importante alla nostra battaglia contro la Covid-19. Abbiamo deciso di rendere disponibile ai cittadini europei il primo vaccino contro la Covid-19: abbiamo dato l’autorizzazione condizionata alla commercializzazione al vaccino prodotto da BionTech e Pfizer”, annuncia la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. L’Ema “ha esaminato a fondo il vaccino e ha concluso che è sicuro ed efficace contro la Covid-19. Sulla base di questa valutazione scientifica abbiamo proceduto ad autorizzarlo per il mercato dell’Ue. Come promesso, sarà disponibile ai Paesi Ue nello stesso momento e alle stesse condizioni. I primi colli verranno spediti dallo stabilimento di Pfizer qui in Belgio nei prossimi giorni”. Le vaccinazioni, continua von der Leyen, “possono iniziare nello stesso momento, durante i giorni Ue per la vaccinazione, il 27, 28 e 29 dicembre. E’ un modo molto positivo per finire questo anno difficile e per iniziare a girare pagina sulla Covid-19. E’ il nostro primo vaccino: altri verranno approvati presto, se si riveleranno sicuri ed efficaci. L’Ema darà il suo parere sul vaccino di Moderna il 6 gennaio e mentre consegniamo vaccini agli europei, li assicuriamo anche al resto del mondo”.

cms_20404/LOCATELLI.jpg

Ma la domanda che si fa largo è se la nuova variante del Covid sia in grado di beffare il vaccino? Secondo Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), “è altamente improbabile” che la nuova variante di Sars-CoV-2 mostri “resistenza in termini di formazione di un’immunità” e quindi risulti ’invulnerabile’ ai vaccini.

cms_20404/Massimo_Clementi.jpg

“Perché la variante inglese del Coronavirus Sars-CoV-2 spaventa l’Europa? Vorrei capirlo anche io”, dice Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’ospedale San Raffaele di Milano e docente dell’università Vita-Salute, all’Adnkronos Salute. “C’è un allarmismo non giustificato dai dati. Un conto è rilevare una variante, un conto è dire ha caratteristiche biologiche diverse. Questo non lo possiamo affermare finché non mettiamo il virus su colture cellulari e vediamo che sfugge agli anticorpi. E al momento non c’è nessuna evidenza che ci possa far sospettare questo. Dunque al momento è un allarmismo ingiustificato”, ribadisce Clementi.

cms_20404/massimo-galli.jpg

Secondo Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, la notizia dell’alta contagiosità del virus “non deve farci cadere nella depressione, anche perché ci sono buone probabilità che la profilassi in arrivo proteggerà anche contro il ceppo inglese”. “Non sappiamo ancora se questa trasformazione sia davvero influente ai fini della efficacia dei vaccini scoperti finora, che, probabilmente, funzioneranno anche contro la variante britannica”, sottolinea Galli.

cms_20404/Walter_Ricciardi.jpg

Secondo Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro Roberto Speranza, la nuova variante rischia di avere un impatto sull’aumento dei casi: “Questa variante inglese è già arrivata, probabilmente da tempo. E questo potrebbe spiegare perché in alcune parti del Paese la circolazione sia stata più sostenuta”.

cms_20404/4.jpg

cms_20404/2_Min_Sanita.jpgIn Italia 10.872 casi e 415 morti

Sono 10.872 i nuovi contagi da coronavirus in Italia resi noti secondo i dati contenuti nell’ultimo bollettino del ministero della Salute. Sono stati registrati altri 415 morti che portano il totale a 69.214 dall’inizio dell’emergenza covid 19. Nelle ultime ore sono stati eseguiti 87.889 tamponi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.731, con un calo di 12 unità. I guariti sono 19.632 in più, incremento che porta il totale delle persone che hanno superato il virus dall’inizio dell’emergenza a 1.281.258. Gli attualmente positivi rispetto al giorno precedente sono 9.178 in meno. In totale le persone positive al coronavirus in Italia sono 613.582.

cms_20404/0.jpg

I dati in alcune Regioni:

LOMBARDIA – Sono 950 i nuovi contagi da coronavirus in Lombardia e sono stati registrati altri 41 morti che portano il totale a 24.420 dall’inizio dell’emergenza covid 19.

PIEMONTE – Sono 611 i nuovi contagi da Coronavirus in Piemonte e sono stati registrati altri 43 morti.

VENETO – Sono 2.583 i nuovi contagi di Coronavirus in Venetoe si registrano altri 47 morti.

EMILIA ROMAGNA – Sono 1.594 i nuovi contagi da Coronavirus in Emilia Romagna e sono stati registrati altri 37 morti.

FRIULI VENEZIA GIULIA – Sono 244 i nuovi casi di coronavirus in Friuli Venezia Giulia e si registrano altri 14 morti, ai quali si aggiunge un decesso avvenuto il 28/11 e registrato successivamente.

TOSCANA – Sono 452 i nuovi contagi da coronavirus in Toscanae si registrano altri 34 morti.

ABRUZZO – Sono 64 i nuovi casi di coronavirus in Abruzzo e sono stati registrati altri 5 morti.

CAMPANIA – Sono 691 i nuovi casi di coronavirus emersi in Campania e sono 28 i nuovi decessi inseriti dall’Unità di crisi.

LAZIO – Sono 1.205 i nuovi contagi di Coronavirus nel Lazio e si registrano altri 42 decessi.

PUGLIA – Sono 788 i nuovi contagi da Coronavirus in Puglia e si registrano altri 31 morti.

SICILIA – Sono 669 i nuovi casi di coronavirus in Siciliae si registrano altri 26 morti.

cms_20404/Pregliasco.jpg

Variante Covid, Pregliasco: “Ecco le 4 domande aperte”

I test per la diagnosi di Covid sono ugualmente efficaci anche nell’individuare la nuova variante inglese? La malattia che provoca è la stessa? I farmaci che vengono usati e i vaccini già sviluppati per il coronavirus Sars-CoV-2 combatteranno anche il nuovo mutante? E infine, l’alto numero di contagi che si registra in Italia in questa seconda ondata epidemica potrebbe essere legato alla variante Gb? Sono le 4 domande alle quali la scienza è chiamata a rispondere secondo Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milano, che auspica “uno studio immediato – spiega all’Adnkronos Salute – un confronto che ovviamente dovrà essere fatto a livello internazionale per avere casistiche ampie, e con la collaborazione dei colleghi britannici”.

Almeno su alcuni dei quesiti posti, “le prime risultanze sembrano essere rassicuranti. Dobbiamo guardare all’aspetto positivo – invita infatti l’esperto – Innanzitutto, siamo stati capaci di identificare questa nuova variante e quindi abbiamo la possibilità di monitorarla. Per il momento dunque i tamponi di cui disponiamo sembrano funzionare” anche per scovare il nuovo nemico, “ma servono verifiche mirate”. Secondo punto, “anche se il mutante appare più contagioso la malattia sembra la stessa”, però anche questo andrà confermato in ogni aspetto. Terzo, “i vaccini anti-Covid ottenuti finora dovrebbero funzionare perché quella del mutante Gb è una piccola variante inserita nella proteina Spike” che il virus utilizza per attaccare le cellule bersaglio. Quarto, “è da verificare” se gli alti numeri di questa ondata siano in qualche modo collegati alla variante inglese: “Può anche essere”, non esclude il virologo.

In questa fase, ammonisce Pregliasco, “diventa ancora più rilevante rafforzare le indicazioni che il Dpcm prevede e rispettare le restrizioni, così da riuscire a contenere la diffusione del virus. Anche perché sappiamo – avverte – che più si diffonde e più si modifica”.

Data:

22 Dicembre 2020