Traduci

OMS:”PIU’ DI 500MLN DI CONTAGI NEL MONDO DAL 2019″

Oms: “Più di 500 milioni di contagi nel mondo da fine 2019”

Sono più di 500 milioni i contagi confermati di Covid-19 dalla fine del 2019, dall’inizio della pandemia. A livello globale, secondo l’Oms, sono stati circa 500,19 milioni i casi confermati, con oltre 6,19 milioni di decessi segnalati all’Organizzazione. Dalla fine del 2019 la maggior parte delle infezioni si sono registrate in Europa (209,5 milioni). L’Africa, invece, ha confermato solo circa il 2% del numero totale di casi, ma si ritiene che un gran numero non sia stato segnalato.

In Italia ulteriori 61.555 contagi e altri 133 morti

Sono 61.555 i contagi da coronavirus in Italia, secondo numeri e dati covid – regione per regione – nel bollettino di Protezione Civile e ministero della Salute.

Registrati altri 133 morti.

Il totale delle vittime dall’inizio della pandemia sale a 161.469 mentre, complessivamente, i casi di Covid sono 15.594.567.

Eseguiti 397.482 tamponi, tra molecolari e antigenici, che fanno rilevare un tasso di positività pari al 15,5%. Sono 419 (-1) i pazienti ricoverati in terapia intensiva, mentre i ricoverati con sintomi sono 9.980 (- 95).

I dati delle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 – 15 Aprile 2022)

LOMBARDIA – Sono 8.098 (13,9% dei 57.994 tamponi) i contagi da coronavirus in Lombardia oggi, 15 aprile 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati 23 morti che portano il totale complessivo a 39.563. I dati diffusi dalla Regione mostrano 37 ricoverati in terapia intensiva (-1) e 1.118 ricoverati non in terapia intensiva (-7).

I nuovi casi per provincia: Milano: 2.635 di cui 1.180 a Milano città; Bergamo: 506; Brescia: 1.018; Como: 565; Cremona: 260; Lecco: 321; Lodi: 132; Mantova: 369; Monza e Brianza: 782; Pavia: 439; Sondrio: 132; Varese: 699.

CAMPANIA – Sono 6.679 i nuovi contagi da coronavirus emersi in Campania oggi, 15 aprile, dall’analisi di 35.621 test. Il bollettino con i dati Covid, registra inoltre 6 i nuovi decessi (5 registrati nelle ultime 48 ore, uno avvenuto in precedenza ma registrato ieri). In Campania sono 33 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva e 699 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

EMILIA ROMAGNA – Sono 4.748 i nuovi contagi da coronavirus registrati oggi, 15 aprile, in Emilia-Romagna, su un totale di 22.355 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 11.183 molecolari e 11.172 test antigenici rapidi. Lo riferisce il bollettino con i dati Covid della Regione. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 21,2%. Si registrano 7 decessi, mentre i pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive sono 31 (-3 rispetto a ieri, pari al -8,8%), l’età media è di 66,4 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.310 (-11 rispetto a ieri, -0,8%), età media 75,5 anni.

LAZIO – Sono 6.947 i contagi oggi, 15 aprile,nel Lazio, secondo il bollettino con i dati Covid della Regione. I casi a Roma città sono a quota 3.541. Nello specifico “su 9.383 tamponi molecolari e 37.099 tamponi antigenici per un totale di 46.482 tamponi, si registrano 6.947 nuovi casi positivi (-253); sono 13 i decessi (+5), 1.167 i ricoverati (-37), 70 le terapie intensive (-1) e +7.004 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 14,8%”.

VENETO – Sono 6.325 i nuovi contagi da coronavirus oggi 15 aprile in Veneto (ieri erano 6.861), secondo i dati dell’ultimo bollettino Covid-19 di Azienda Zero. Si registrano altri 8 morti. Il totale dei casi da inizio pandemia è arrivato a 1.585.282, mentre gli attualmente positivi sono 78.010. Il totale dei decessi da inizio pandemia è 14.309. Negli ospedali veneti sono ricoverate 614 persone in area medica (ieri erano 617) e 21 in terapia intensiva (ieri erano 23). Negli ospedali di comunità i ricoverati positivi sono 131 (ieri erano 128). Le vaccinazioni anti-Covid effettuate nella giornata di ieri sono 2.480.

SARDEGNA – Sono 1.803 i contagi da coronavirus in Sardegna oggi, 15 aprile 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Nell’Isola si registrano anche 4 morti: una donna di 80 anni del Sud Sardegna, un 71enne del Cagliaritano e due uomini di 80 e 88 anni del Nuorese. I 1.803 positivi sono stati confermati da 241 tamponi molecolari e 1.562 antigenici su un totale di 9.440 test processati. Scende a 21 (-2) il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva e cala a 336 (-2) quello dei posti letto occupati nell’area medica. Con 561 casi in più arriva a 29.858 il numero di persone sottoposte all’isolamento domiciliare.

PUGLIA – Sono 4.434 i contagi da coronavirus in Puglia oggi, 15 aprile 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Registrati altri 15 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 22.336 tamponi. I nuovi casi per provincia – Provincia di Bari: 1.584; Provincia di Bat: 334; Provincia di Brindisi: 441; Provincia di Foggia: 584; Provincia di Lecce: 808; Provincia di Taranto: 634; Residenti fuori regione: 41; Provincia in definizione: 8. Le persone attualmente positive in Puglia sono 630. I pazienti covid ricoverati in ospedale in area non critica sono 630. In terapia intensiva, invece, 30 malati.

TOSCANA – Sono 4.083 i nuovi contagi da coronavirus oggi 15 aprile in Toscana, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19 anticipati del presidente della regione Rugenio Giani via social. “I nuovi casi di Covid registrati in Toscana sono 4.083 su 24.964 test di cui 4.917 tamponi molecolari e 20.047 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 16,36% (73,0% sulle prime diagnosi)”, si legge nel post pubblicato su Telegram.

CALABRIA – Sono 1.858 i nuovi contagi registrati oggi, 15 aprile, in Calabria, su 9.033 tamponi effettuati. Lo segnala il bollettino sull’emergenza Covid-19 diffusi dal dipartimento Tutela della salute della Regione che registra anche +1.328 guariti e 5 morti (per un totale di 2.417 decessi). Il bollettino, inoltre, registra +525 attualmente positivi, -13 ricoveri (per un totale di 317) e, infine, terapie intensive stabili (per un totale di 13)

BASILICATA – In Basilicata sono 626 i nuovi casi di contagio da Sars Cov-2, su un totale di 3.035 tamponi (molecolari e antigenici), e si registra 1 decesso per Covid-19. Sono i dati del bollettino regionale della task force coronavirus riferito alle ultime 24 ore. La persona deceduta è una donna di 84 anni di Potenza. Sono state registrate 574 guarigioni. I ricoverati per Covid-19 sono 95 (+2) di cui 2 in terapia intensiva: 69 (di cui 2 in TI) nell’ospedale di Potenza; 26 in quello di Matera. Nel complesso gli attuali positivi residenti in Basilicata sono 26.496. Per la vaccinazione, ieri sono state effettuate 265 somministrazioni. Finora 468.021 lucani hanno ricevuto la prima dose del vaccino (84,6 per cento della popolazione che ammonta a 553.254 residenti), 441.494 hanno ricevuto la seconda (79,8 per cento) e 354.065 sono le terze dosi (64 per cento), per un totale di 1.264.068 somministrazioni effettuate.

FRIULI VENEZIA GIULIA – Oggi in Friuli Venezia Giulia su 4.076 tamponi molecolari sono stati rilevati 296 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 7,26%. Sono inoltre 5.948 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 764 casi (12,84%). Tre persone sono ricoverate in terapia intensiva, mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti scendono a 144. Lo ha comunicato oggi il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute. Per quanto riguarda l’andamento della diffusione del virus tra la popolazione, le fasce più colpite sono la 40-49 (18,3%) e la 50-59 (18,21%) e a seguire la 60-69 (11,79%). Si registrano 4 decessi: un uomo di 92 anni di Gorizia (deceduto in ospedale), un uomo di 91 anni di Trieste (deceduto in ospedale), un uomo di 89 anni di Osoppo (deceduto in Rsa), una donna di 87 anni di Mossa (deceduta in casa). Il numero complessivo dei decessi ammonta a 4.963, con la seguente suddivisione territoriale: 1.225 a Trieste, 2.351 a Udine, 940 a Pordenone e 447 a Gorizia. I totalmente guariti sono 319.856, i clinicamente guariti 291, mentre le persone in isolamento sono 24.655.

Bassetti: “Quinta ondata finita, sarà Pasqua come prima di pandemia”

“Ci prepariamo per il lungo weekend pasquale con un solo paziente ricoverato con Covid, senza alcun segno di malattia. Questa quinta ondata di ricoveri ospedalieri iniziati nello scorso autunno è ormai giunta al termine. Finita l’ultima ondata, non la presenza del virus che è ormai endemico. Dopo due Pasque molto tristi e con libertà limitata e vigilata, ci apprestiamo a viverne una finalmente come le altre 2019. Una Pasqua serena e cristiana”. Così Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, sui social.

Questa mattina Bassetti aveva definito le misure che la Cina sta adottando a Shanghai per arginare la diffusione del covid una “vera dittatura sanitaria”. Sui social rimbalzano le immagini dei centri in cui migliaia di persone vengono isolate. La città è alle prese con un rigido lockdown. “Credo che i cinesi stiano prendendo una grandissima cantonata a livello medico e scientifico. Tendere a zero covid con la variante Omicron è impossibile. E’ evidente che c’è di mezzo anche qualcosa di diverso rispetto alla gestione sanitaria. Questa è una vera dittatura sanitaria e si sta commettendo l’errore gravissimo commesso 35 anni fa con l’Hiv. Si sta creando lo stigma del virus, se sei positivo devi essere rinchiuso in una struttura che non ha nulla di civile”, aggiunge a Mattino 5. “Si vedono scene che mi auguro vengano condannate dai nostri politici. Non c’è nulla di scientifico, è solo un’esibizione di forza”.

Monitoraggio Iss: “Con Omicron reinfezioni sopra al 4%”

“Per quanto riguarda le reinfezioni, si nota che la quota supera il 4% e questa forse è una delle caratteristiche legata al periodo Omicron”. Lo ha precisato Anna Teresa Palamara, direttore Malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità, nel video di commento al monitoraggio settimanale Covid-19 Iss-ministero della Salute.

“L’incidenza settimanale dei casi Covid-19 è in lenta ma costante diminuzione, con un’incidenza a 7 giorni pari a 717 casi per 100mila abitanti. Anche l’Rt è in miglioramento, sotto l’1, sia per le ospedalizzazioni che per i sintomi”.

“C’è una tendenza alla diminuzione dei casi in tutte le regioni italiane, tranne in alcune dove c’è una stabilizzazione o un lieve aumento dei casi. Soprattutto nelle fasce giovanili, c’è una netta diminuzione del numero dei casi anche rispetto all’alta circolazione che si era registrata nel periodo Omicron. C’è sempre una diminuzione anche nelle fasce d’età avanzata, ma più contenuta”.

Per “il tasso di occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensia – ha sottolineato il direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza – siamo rispettivamente al 15,6% e al 4,2%. Notiamo una tendenza leggera alla flessione della congestione dei posti in terapia intensiva, che è una buona notizia. Data la elevata circolazione del virus in questo periodo, è bene mantenere comportamenti ispirati alla precauzione e allo stesso tempo completare la vaccinazione secondo la fascia d’eta”.

Data:

15 Aprile 2022