Traduci

Operazione governo

Operazione governo

cms_8775/palazzo_chigi_fg.jpgOra la palla passa al Quirinale. Dopo l’elezione dei presidenti di Camera e Senato, la partita per la formazione del governo è nelle mani del Colle. Una partita non facile, che probabilmente si aprirà dopo Pasqua, martedì 3 aprile, quando il presidente della Repubblica darà il via alle consultazioni. Ieri i neoeletti sugli scranni più alti di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Alberti Casellati, hanno incontrato il capo dello Stato, che in serata ha ricevuto anche il premier Paolo Gentiloni, salito al Colle per rassegnare le dimissioni.

“Voglio ringraziare ministre e ministri, tutto il governo – ha scritto Gentiloni su Twitter -. Sono orgoglioso di questa squadra, e onorato di aver servito l’Italia insieme”. Con l’elezione dei vertici dei due rami del Parlamento la road map per la formazione del nuovo governo comincia a delinearsi. Martedì verranno costituiti i Gruppi parlamentari ed entro giovedì i rispettivi uffici di Presidenza. Mercoledì la prima riunione della Conferenza dei Capigruppo e poi la seduta per eleggere il Consiglio di Presidenza, con la nomina di quattro vicepresidenti, tre questori e otto segretari d’Aula.

Nonostante le difficoltà e le polemiche, la tabella di marcia verrà rispettata con gli stessi tempi conosciuti in passato. Il presidente Mattarella osserverà le prerogative istituzionali senza per questo fare pressioni o esercitare interferenze nel dibattito tra le forze politiche prima di capire se e come sarà possibile dare vita a una maggioranza in grado di esprimere e sostenere un governo, quindi vagliare il profilo della personalità alla quale affidare l’incarico.

Tutte le procedure per l’insediamento delle Camere e dei Gruppi parlamentari dovrebbero concludersi intorno alla domenica di Pasqua, il primo aprile. Poi, dalla settimana successiva, Mattarella definirà l’agenda delle consultazioni. Al Quirinale saliranno i presidenti delle Camere, l’ex capo dello Stato Giorgio Napolitano e i rappresentati dei gruppi parlamentari.

Al termine delle consultazioni, dopo aver registrato le posizioni dei vari partiti, Mattarella deciderà il da farsi: se conferire l’incarico esplorativo o l’incarico pieno per formare il nuovo governo. Trovata la quadra sulle presidenze di Camera e Senato, ora il puzzle istituzionale è tutto da completare, a partire dalle trattative sull’Esecutivo. Nel frattempo, l’attuale presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, resterà in carica per il disbrigo degli affari correnti.

Quanto guadagnano i parlamentari

cms_8775/senato6_fg.jpgNon c’è solo l’indennità parlamentare nelle voci che costituiscono le retribuzioni di senatori e deputati. Per svolgere il loro incarico, gli inquilini di Palazzo Madama e Montecitorio ricevono anche vari rimborsi spesa e una diaria. Ora che con l’elezione dei presidenti di Senato e Camera, si è completato il primo tassello del puzzle istituzionale, in molti sono tornati a chiedersi quanto guadagna chi siede in Parlamento. La cifra esatta non è facile da stabilire, eppure dando un’occhiata ai siti di Camera e Senato è possibile fare un calcolo approssimativo sugli stipendi dei parlamentari.

SENATO – La componente principale da prendere in considerazione è l’indennità del parlamentare, prevista dalla Costituzione. L’indennità parlamentare viene calcolata prendendo come riferimento lo stipendio dei magistrati presidenti di Sezione della Corte di Cassazione pari a 10.385,31 euro (che si riducono a 10.064,77 euro per i Senatori che svolgano un’attività lavorativa). Il sito del Senato, al netto delle ritenute fiscali e dei contributi obbligatori per il trattamento previdenziale, per l’assegno di fine mandato e per l’assistenza sanitaria, calcola che l’indennità mensile risulta pari a 5.304,89 euro (che scende a 5.122,19 per chi svolge attività lavorative). Da tali importi vanno poi sottratte le addizionali all’Irpef: l’indennità netta mensile corrisposta ai senatori può dunque essere leggermente inferiore o superiore ai 5.000 euro, a seconda della regione e del comune di residenza.

RIMBORSI SPESA – All’indennità va poi aggiunta la diaria, prevista dalla legge n.1261/1965 che spetta a tutti i parlamentari, a titolo di rimborso delle spese di soggiorno. Dal primo gennaio 2011 la diaria ammonta a 3.500 euro . Cifra ridotta in caso di assenza dai lavori parlamentari, soprattutto nelle sedute di commissioni e giunte in cui si svolgono le votazioni. Oltre alla diaria, a decorrere i senatori ricevono anche un rimborso forfetario mensile di 1.650 euro, che sostituisce e assorbe i preesistenti rimborsi per le spese accessorie di viaggio e per le spese telefoniche.

Al Senato, c’è poi il rimborso delle spese per l’esercizio del mandato. L’importo complessivo è diviso in una quota mensile di 2.090 euro – sottoposta a rendicontazione quadrimestrale – e in un’ulteriore quota di 2.090 euro mensili erogata a forfait. Poi ci sono le facilitazioni di trasporto: durante l’esercizio del mandato, i senatori usufruiscono di tessere strettamente personali per i trasferimenti sul territorio nazionale, mediante viaggi aerei, ferroviari e marittimi e la circolazione sulla rete autostradale.

CAMERA – Anche alla Camera dei deputati l’indennità parlamentare risulta pari a circa 5.000 euro. Ai deputati viene riconosciuta una diaria pari a 3.503,11 euro. Tale somma, si legge sul sito della Camera, viene decurtata di 206,58 euro per ogni giorno di assenza del deputato dalle sedute dell’Assemblea in cui si svolgono votazioni con il procedimento elettronico. Un’ulteriore decurtazione fino a 500 euro mensili viene inoltre applicata in relazione alla percentuale di assenze dalle sedute delle Giunte, delle Commissioni permanenti e speciali, del Comitato per la legislazione, delle Commissioni bicamerali e d’inchiesta, nonché delle delegazioni parlamentari presso le Assemblee internazionali.

Alla Camera c’è anche il “rimborso delle spese per l’esercizio del mandato”, che comprende anche le spese come quella per il collaboratore, le consulenze e le ricerche ed è pari a 3.690 euro. Le spese per l’esercizio del mandato devono essere per metà giustificate e per metà vengono corrisposte a forfait. Come i senatori, anche i deputati usufruiscono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale. Per i trasferimenti dal luogo di residenza all’aeroporto più vicino e tra l’aeroporto di Roma-Fiumicino e Montecitorio, è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3.323,70 euro, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l’aeroporto più vicino al luogo di residenza, e a 3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km.

SPESE TELEFONICHE – Per le spese telefoniche alla Camera è previsto un importo di 1.200 euro annui. Il deputato versa mensilmente, in un apposito fondo, una quota della propria indennità lorda, pari a 784,14 euro.

ASSEGNO DI FINE MANDATO – Oltre al trattamento previdenziale dei parlamentari, basato sul sistema di calcolo contributivo, al termine del mandato parlamentare, senatori e deputati ricevono l’assegno di fine mandato, che è pari all’80 per cento dell’importo mensile lordo dell’indennità, moltiplicato per il numero degli anni di mandato effettivo.

Allerta terrorismo a Roma: caccia a tunisino

cms_8775/carabiniere_profilo_ftg.jpgAllarme ieri sera a Roma dove è scattata la ricerca di un tunisino indicato come un possibile attentatore. Verifiche sono infatti in corso su una missiva anonima, segnalata dalla rappresentanza italiana a Tunisi, su una presunta minaccia terroristica contro l’Italia. Nella missiva si fa il nome di un tunisino che, secondo quanto indicato nella lettera anonima, sarebbe intenzionato a compiere attentati a Roma.

Indagini sono in corso come sempre avviene dopo segnalazioni di questo tipo. Sono stati allertati tutti i comandi dei carabinieri di Roma e i servizi esterni sul territorio, perché adottino tutte le misure volte a garantire la sicurezza dei cittadini e intervengano, rispettando scrupolosamente le procedure operative, in caso di rintraccio.

Al momento, a quanto si apprende da fonti qualificate, non risulta un pericolo concreto, ma come avviene quando si ricevono segnalazioni di questo tipo, le indagini proseguono e vengono fatte tutte le verifiche necessarie. Tra l’altro in questi giorni, in vista di Pasqua, l’afflusso di turisti nella Capitale sarà maggiore. Controlli vengono effettuati in particolare nei siti ritenuti più sensibili, tra i quali anche luoghi di culto, aeroporti e stazioni.

Autore:

Data:

26 Marzo 2018