Traduci

Orlando:”In centrosinistra c’è chi vuol far saltare questo governo” (Altre News)

Referendum, Orlando: “In centrosinistra c’è chi vuol far saltare questo governo”

“Non demonizzo il No ma vedere oggi giornali che si fanno paladini dell’antipolitica mi insospettisce e mi infastidisce”. Lo dice Andrea Orlando alla festa di Modena. “Zingaretti -aggiunge- ha detto che dentro gli argomenti del No c’è anche chi cerca, per questa strada, di dare un colpo al governo. Ma il governo è una cosa e il governo è un’altra ma il modo in cui si commenta il No in aree del centrosinistra è quello di dare un colpo al governo”.

“Credo che ci si trovi di fronte ad apprendisti stregoni perché si sa quello che si lascia, ma non quello che si trova”, ha aggiunto Orlando su chi nel centrosinistra sostiene il No con l’obiettivo di far saltare il governo. “C’è lo scopo di cercare di far saltare questo governo ma prima di buttare all’aria un’operazione politica che ci ha salvati da un arriva asiatica, io ci penserei due volte”.

“Nel fatto di passare da 630 parlamentari a 500 questo cedimento al populismo non lo vedo”, ha sottolineato.

De Magistris: “Non credo a elezioni anticipate, la poltrona è collante”

“Sono convinto che non ci saranno le elezioni anticipate perché c’è un collante politico molto forte che è la poltrona”. Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, intervenuto a “L’aria che tira” su La7. “I Cinque Stelle – ha aggiunto de Magistris – sanno perfettamente che questi numeri non li avranno più. A luglio poi comincia il semestre bianco, si dovrà eleggere il Presidente della Repubblica e credo che Pd e M5S in particolare non vorranno rinunciare a indicarlo. Probabilmente ci sarà un Governo un po’ diverso dopo le regionali e il referendum, ma io non credo a elezioni anticipate”.

Meloni: “Azzolina? Passante messo a fare il ministro”

“Il nostro ministro dell’Istruzione ha avuto l’intuizione di comprare i banchi a rotelle per fargli fare l’autoscontro in classe. Questo è ciò che accade quando prendi un passante e lo metti a fare il ministro”. Così la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni in un comizio a Sanremo.

“Il test sul governo non è il referendum ma le regionali e diranno che gli italiani vogliono liberarsi del governo nazionale”, dice soffermandosi sul prossimo voro regionale. “In un momento nel quale l’Italia rischia che quasi il 40% delle sue aziende non sopravviva, la priorità della maggioranza è riscrivere la legge elettorale. Abbattere quella fatta dal Pd che adesso il Pd considera indegna, per fare un’altra legge indegna fatta sempre dal Pd. Io credo che sia scandaloso e credo che sia scandaloso che la sinistra e i 5 stelle ci vogliano riportare nel proporzionale, cioè una legge salva inciucio”, aggiunge.

“Hanno chiesto la proroga dello stato di emergenza fino a ottobre, l’unica nazione di Europa. Se volessi investire in Italia investirei? Anche lì un’altra botta pesantissima all’economia…ma se siamo in emergenza perchè in Parlamento si stanno occupando della legge elettorale? E’ tutto utilizzato a loro uso e consumo”, dice ancora.

Autore:

Data:

5 Settembre 2020