Traduci

PAPA FRANCESCO CONTRO TEORIA GENDER:”E’ PERICOLOSO, CANCELLA DIFFERENZE”

cms_33071/papafrancesco_serio_afp_1-0-3663748673.jpegPapa Francesco contro teoria gender e maternità surrogata. Parlando con il Corpo diplomatico, Bergoglio ha messo di nuovo in guardia dalle colonizzazioni ideologiche: “Purtroppo, i tentativi compiuti negli ultimi decenni di introdurre nuovi diritti, non pienamente consistenti rispetto a quelli originalmente definiti e non sempre accettabili, hanno dato adito a colonizzazioni ideologiche, tra le quali ha un ruolo centrale la teoria del gender, che è pericolosissima perché cancella le differenze nella pretesa di rendere tutti uguali”.

“Tali colonizzazioni ideologiche provocano ferite e divisioni tra gli Stati, anziché favorire l’edificazione della pace. Il dialogo, invece, dev’essere l’anima della Comunità internazionale”, ha aggiunto il Pontefice.

Sulla maternità surrogata: “Pratica deprecabile”

Papa Francesco ha parlato anche della maternità surrogata definendola “deprecabile”. “La via della pace – ha scandito – esige il rispetto della vita, di ogni vita umana, a partire da quella del nascituro nel grembo della madre, che non può essere soppressa, né diventare oggetto di mercimonio. Al riguardo, ritengo deprecabile la pratica della cosiddetta maternità surrogata, che lede gravemente la dignità della donna e del figlio. Essa è fondata sullo sfruttamento di una situazione di necessità materiale della madre. Un bambino è sempre un dono e mai l’oggetto di un contratto”.

“Auspico – è stato l’appello di Francesco – pertanto, un impegno della Comunità internazionale per proibire a livello universale tale pratica. In ogni momento della sua esistenza, la vita umana dev’essere preservata e tutelata, mentre constato con rammarico, specialmente in Occidente, il persistente diffondersi di una cultura della morte, che, in nome di una finta pietà, scarta bambini, anziani e malati. La via della pace esige il rispetto dei diritti umani, secondo quella semplice ma chiara formulazione contenuta nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, di cui abbiamo da poco celebrato il 75° anniversario. Si tratta di principi razionalmente evidenti e comunemente accettati”.

Data:

9 Gennaio 2024