Traduci

Parigi, attacco sugli Champs-Élysées: ucciso un poliziotto, due in gravi condizioni

cms_6072/parigi_sparatoria2afp.jpgSparatoria sugli Champs Elysées a Parigi. Un poliziotto è rimasto ucciso dopo essere stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco, sparati da un’arma automatica. Il portavoce del ministro dell’Interno francese smentisce la morte di un secondo poliziotto. Al momento, il bilancio della sparatoria è quindi di un poliziotto morto e due gravemente feriti.L’uomo che ha aperto il fuoco contro la polizia è stato “neutralizzato”: a comunicare l’uccisione è stata la prefettura di Parigi, riferisce il sito di ’Le Figaro’. La sparatoria sugli Champs Elysées è stato un attacco isolato. “Nessun altro evento di questo tipo si è svolto questa sera a Parigi”, ha detto il portavoce del ministero dell’Interno, Pierre-Henry Brandet.Ma non si può escludere al momento la presenza di complici dell’aggressore, ha detto Brandet, aggiungendo che “l’identificazione dell’aggressore non è stata ancora stabilita in maniera chiara e precisa”. E ancora: “Non possiamo escludere che vi siano uno o altri complici che abbiano potuto partecipare in un modo o nell’altro a questo attacco”, ha spiegato.La polizia sta infatti raccogliendo le dichiarazioni di diversi testimoni oculari della sparatoria per capire se vi è stata l’eventuale presenza di un secondo assalitore. Lo riferisce il sito di ’Le Figaro’.

La pista terroristica “è quella privilegiata”. E proprio per questo “è stata aperta un’inchiesta da parte della Procura anti terrorismo di Parigi”. La conferma della matrice dell’attacco di questa sera sugli Champs Elysees arriva dal presidente francese Francois Hollande. Confermato anche il bilancio della sparatoria, con un poliziotto morto e due gravemente feriti. E’ stata coinvolta anche una passante, rimasta ferita. Domani alle 8 si riunirà il Consiglio di Difesa.

L’aggressore è arrivato sul posto in automobile. Uscito dal mezzo ha aperto il fuoco e ucciso un poliziotto, poi ha ferito altri due agenti mentre correva, prima di essere a sua volta abbattuto. E’ quanto ha raccontato una fonte vicina all’inchiesta al sito ’20minutes’.Intanto sarebbe stata perquisita l’abitazione dell’uomo ucciso, che era conosciuto dai servizi francesi; la sua abitazione si troverebbe nella Seine-et-Marne, nella banlieue parigina.

Arrivano poi conferme sul fatto che l’obiettivo fossero effettivamente gli agenti: è un portavoce del ministero dell’interno francese a confermarlo. In azione le forze speciali e la procura anti-terrorismo ha aperto un’inchiesta. Numerosi agenti di polizia muniti di scudi sono arrivati sulla Avenue, con decine di camionette delle forze di sicurezza. Chiuse la stazione della metropolitana Franklin Roosevelt e George V.La sparatoria è avvenuta all’angolo con la nota brasserie Fouquet’s. La zona è stata chiusa dalla polizia e viene sorvolata da un elicottero. La sparatoria è avvenuta durante l’ultimo dibattito televisivo fra i candidati alle presidenziali di domenica.

Gentiloni alla Casa Bianca, al via bilaterale con Trump

cms_6072/gentiloni_trump_AFP.jpgIl presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è appena giunto alla Casa Bianca, per il bilaterale con il presidente Usa Donald Trump .I due leader si sono salutati con una stretta di mano, prima di accomodarsi sui divani di fronte a fotografi e giornalisti.

FRANCIA – “Voglio esprimere la mia vicinanza al popolo e al governo francese a tre giorni dalle elezioni, per quanto successo a Parigi” ha detto da Wasghington il premier Gentiloni, commentando la notizia dell’attacco contro i poliziotti nella capitale francese.

SIRIA – “L’Italia non è impegnata direttamente in operazioni militari in Siria e non è nei nostri programmi cambiare questo atteggiamento” ha aggiunto il presidente del Consiglio, parlando dello scenario siriano. Per Gentiloni “l’Italia contribuisce alla pace e alla stabilità nel Mediterraneo e in Siria” dove “più che mai è necessaria una soluzione negoziale”, ha detto il premier, ricordando come il nostro Paese ha definito “giusta la scelta degli Usa di reagire all’uso di armi chimiche”.

Nordcorea, sul sito nucleare spunta un campo da pallavolo

cms_6072/nordcorea_piazza_afp.jpgUn gruppo di persone impegnate in quelle che sembrano partite di pallavolo in un campo allestito in un sito nucleare della Corea del Nord. E’ quanto hanno scoperto gli esperti statunitensi che analizzano immagini satellitari provenienti dalle basi dove vengono realizzati i test nucleari, in questo caso quello di Punggye-ri.Diffuse da ’38 North’, istituto di studi della Johns Hopkins University, nel Maryland, le immagini sono state scattate domenica da un satellite commerciale in un momento di crescente tensione tra Pyongyang e gli Stati Uniti per le voci di un’’imminente’ sesta prova atomica.Gli analisti hanno fornito due possibili motivi per l’attività inaspettata nel sito. Secondo John Bermudez, uno dei ricercatori, una spiegazione potrebbe essere che “i preparativi per il test sono stati messi in stand-by con il personale che può concedersi un po’ di tempo libero”, oppure Pyongyang ha avviato una pausa tattica “per confondere gli avversari sull’imminenza del test, posticipandolo in momento più vantaggioso politicamente”.Le presunte partite si sono svolte in tre aree differenti dell’installazione, ossia i piazzali davanti agli uffici amministrativi, ai dormitori per i soldati e al comando. Secondo il ’New York Times’, la Corea del Nord è consapevole che i suoi siti per i test nucleari sono sotto intensa sorveglianza e le partite di pallavolo giocate nel mezzo di una crisi internazionale hanno forse l’obiettivo di mandare un messaggio, che tuttavia non è chiaro.”Indipendentemente”, si legge in una relazione, “il sito di test nucleare Punggye-ri sembra in grado di condurre un sesto test nucleare in qualsiasi momento una volta ricevuto l’ordine da Pyongyang”.

Autore:

Data:

21 Aprile 2017