Traduci

PARIGINI: “LA MIA RETE? UN GRAN BEL GOAL”

Dopo un periodo non proprio positivo per Vittorio Parigini, è arrivata, contro il Brescia, la sua prima rete con il Bari. Arrivato in Puglia, via Torino, con la voglia di fare bene con la maglia biancorossa, l’ex giocatore di Perugia e Chievo racconta la sua prima rete in biancorosso: “Il goal contro il Brescia è stato davvero bello. Sinceramente non me lo aspettavo. Sono davvero tanto felice perché aspettavo da tanto questo momento. Quella contro il Brescia è stata una serata importante”.

Quella contro i lombardi è stata una rete speciale: “L’anno scorso, a Perugia, sempre contro il Brescia, ho realizzato una rete simile, ma non da così lontano. Un tiro come quello contro il Brescia non è da tutti i giorni”.

I dieci goal promessi? “Per me non sono importanti. L’importante è dare una mano a questa squadra e a questa società”.

Parigini si è soffermato sull’assist in occasione della seconda rete:” E’ stato bravo Cristian a farmi un movimento dietro e a realizzare la rete del vantaggio. Anche per questo sono molto contento”.

Per Parigini la rete realizzata in quel modo è una novità. “Il mister in allenamento mi dice sempre di rientrare e calciare in porta. All’inizio lo facevo poco perché sono uno che tende più a crossare e a prendere il fondo. Contro il Brescia ho avuto la possibilità di accentrarmi e di provare a calciare. Nell’occasione del goal c’è stata tanta, tanta fortuna. Il rimbalzo del pallone è stato buono ed ho tirato subito. Quando ho sentito il boato del “San Nicola” non ho capito più niente. Da quel momento la partita si è accesa”.

E sul boato dei ventiduemila, alla sua rete, ha detto. “E’ stato bellissimo, non ho capito più niente. E’ stata una emozione unica. Oltre alla rete realizzata ero molto felice per la nascita del mio primo nipote, Thomas, che è nato la notte prima della partita. Per me è stata una doppia gioia”.

I sei nuovi giocatori mandati in campo da Colantuono hanno dimostrato di essere un gruppo. “Siamo una rosa forte, per cui, chi ha giocato a Benevento ha fatto bene così come chi ha giocato contro il Brescia, dove sono stati cambiati sei giocatori. Possiamo dare fastidio a tante squadre”.

L’attaccante biancorosso si è espresso anche sulla prossima gara di Chiavari. “Contro l’Entella ci aspetta una partita difficile su un campo complicato. Sono convinto che chi giocherà darà il massimo, così com’è stato fatto a Benevento e contro la Ternana e il Brescia. Non so se farò parte dell’undici titolare. Non mi pongo questo problema. Se non dovessi partire dall’inizio entrerò in corso d’opera per dare il mio contributo. Se non dovessi entrare darò il mio contributo dalla panchina”.

E su Micai ha detto. “Mi ha molto sorpreso, ma mi ha sorpreso ancora di più lo speaker dello stadio che, dopo il rigore parato, lo ha osannato. Sono rimasto davvero stupito”.

Ha parlato anche del suo compagno di reparto, Floro Flores: “A Chievo già faceva la differenza. E’ un giocatore fortissimo che in serie B è un privilegio averlo”.

Autore:

Data:

1 Marzo 2017