Traduci

PER TARANTO BUONE NOTIZIE DA BABBO NATALE !!!

Con qualche giorno di ritardo, comunque un gran regalo Natalizio per Taranto è stato l’essersi potuto trarre un punto più che positivo dalla Conferenza Stampa presso il Palazzo di Città; dove, all’unisono con una splendida giornata solare di cui Taranto ha una generosità più unica che rara, il clima di generale soddisfazione fra il il Sindaco Ippazio Stefàno e i due parlamentari Donatella Durante e Ludovico Vico ha caratterizzato la comunicazione sui principali risultati cui si è pervenuti allo spirare di questo 2015; mentre si delineano le conseguenti prospettive di consolidamento e ampliamento per il 2016 ormai alle porte.

cms_3200/foto_2___.jpg

Partendo dalla premessa che quanto già conseguito è frutto della cooperazione fra le Istituzioni che, a detta dell’on. Vico, come non avveniva da tempo, hanno costruito un sistema di relazioni e interlocuzioni confrontando gli interessi della Città con quelli della Difesa; non essendosi posta alcuna primogenitura, si è proceduto in sintonia con il sistema Difesa come unico soggetto con le Organizzazioni Sindacali che, in unità, hanno mostrato come i corpi intermedi servano al nostro Paese per la sua democrazia e per il suo corpo produttivo-industriale; cosicchè, le istanze pressanti provenienti dal di fuori del Palazzo sono state ascoltate e tradotte in atti politici importanti.

cms_3200/foto_3_.jpg

Da qui, la valenza primaria della conferma che il CIPE ha rifinanziato quello che era stato un impegno di spesa ancora privo di risorse; per cui, entro un mese dalla revisione CIPE dei progetti in ordine apriori, l’approvazione della Corte dei Conti renderà disponibili Euro 37 milioni alla firma degli appalti per la continuità del piano BRIN che, grazie ai 70 milioni già investiti, è in fase avanzata di completamento della rigenerazione dell’Arsenale di Taranto. Al riguardo è stato evidenziato che, tenendo in conto la previsione di un ragionevole lasso di tempo in prossimità della stagione estiva perchè si possa avere la concreta disponibilità del nuovo investimento, lo stesso non potrà intendersi come destinazione a contenitori vuoti perchè il rilancio delle infrastrutture, con assunzione di responsabilità da parte di chi nel “libro bianco” traccia linee di spostamento dal pubblico al privato, assumerà senso con il riavvio del Turnover e con la Scuola di Formazione Operai più che mai urgente; presupponendosi una deroga al blocco delle assunzioni e che ci si affretti per la formazione in vista del cambio generazionale, servendo forze nuove nell’approssimarsi della conclusione del periodo lavorativo per i tanti lavoratori che sono già sulla soglia della pensione.

cms_3200/foto_4__.jpg

In questo verso la stessa prospettiva che l’incremento dell’Arsenale di Taranto contempli: non solo le manutenzioni di navi militari e le dismissioni delle stesse, non più appannaggio di Piombino e La Spezia; altresì, prevedendosi il rilancio della cantieristica per la costruzione di moduli di nuove unità navali e fusoliere, in una ritrovata sintonia con l’Area Portuale e il relativo interesse alla manutenzione delle navi mercantili. Tutto ciò, con un possibile coinvolgimento a largo raggio di imprenditori privati nonchè di banche e cittadini comunque cointeressati.

cms_3200/foto_5__.jpg

Oltre questa importante conferma dei fondi reperiti per il prosieguo del piano BRIN; è stata comunicata anche la ripresa del lavoro della Commissione Attività Produttive che il 7 Gennaio 2016 si riunirà in merito alla questione ILVA essendosi reperiti fondi di garanzia per le imprese; per cui, anche ai lavoratori di servizi dell’indotto potranno essere corrisposti gli emolumenti arretrati.Infine, un risultato da annoverare fra i più positivi e depositari di ulteriore ben sperare è stato quello riguardante il conseguimento per la città di Taranto del decimo posto nella classifica delle aree di prioritario interesse di riqualificazione; quindi, secondo quanto riferito dal Sindaco Stefàno, in data 14 Gennaio 2016 si attendono notizie positive riguardanti Palazzo degli Uffici e i relativi progetti verso i quali l’apertura del Governo è stata sempre nel verso della salvaguardia dei posti lavorativi.

cms_3200/foto_6_.jpg

Che dire? Se queste buone notizie sembrano uscite dal provvido sacco di Babbo Natale 2015; chissà che, come dono della Befana 2016, non si cominci a delineare qualche altra primizia nel verso di un concreto sviluppo culturale per la vivibilità del territorio oltre che per il suo rilancio turistico.

Autore:

Data:

31 Dicembre 2015