Traduci

PIOGGIA DI GOL A FERRARA, MA ALLA FINE LA SPUNTA IL BARI 4-3

Si riscatta, dopo due sconfitte consecutive, il Bari che al ‘Paolo Mazza’ di Ferrara supera la Spal 4-3 in virtù delle reti di Folorunsho (20’), Esposito (26’), Cheddira (56’), Moncini (62’), Antenucci (67’), Nainggolan (81’) e Celia (83’).

Un successo prezioso che consente alla squadra biancorossa di conquistare la nona vittoria stagionale – la sesta in trasferta su dodici gare disputate – e di restare agganciata alle prime, in quinta posizione.

Ma nonostante il finale, a dir poco rocambolesco, che ha permesso alla Spal di rientrare pienamente in partita si è trattato di un risultato meritato e giunto al termine di una gara spigolosa e alquanto nervosa. Un finale di sofferenza, ma anche di cuore e determinazione. Certo, con un match in pieno controllo e con tre gol di vantaggio a pochi minuti dalla fine bisognava congelare sia la partita che il risultato, ma complice, probabilmente, un calo di tensione il Bari stava per compromettere quanto di buono aveva fatto fino a quel momento. Un eventuale pareggio raggiunto in questo modo, in effetti, avrebbe potuto portare conseguenze negative ai ragazzi di Mignani. Fortunatamente per i biancorossi, però, questa volta è finita bene.

cms_29271/2_Mignani_buona_ultima_sscbari_ok_1.jpg

“Sono tre punti di grandissima importanza – ha dichiarato il tecnico biancorosso ai microfoni di RadioBari – anche perché venivamo da un periodo dove avevamo raccolto poco. Una vittoria su un campo difficile e contro una forte squadra che gioca, palleggia bene ed è in grado di mettere in difficoltà chiunque. Ci siamo persi proprio nel momento in cui loro non credevano più. Su questo dobbiamo migliorare e dovevamo fare meglio. Ma siamo contenti per la vittoria e dobbiamo andare a casa felici. Non portare a casa una vittoria dopo ciò che avevamo fatto sarebbe stato un delitto e penso che ne saremmo usciti piuttosto malconci. Sono contento per Esposito perché al di là del gol ha fatto bene ed è dentro il progetto, ma anche per Antenucci che è entrato bene in campo”.

Sono stati, in effetti, tre punti d’oro (che mancavano in trasferta dalla gara di Cittadella dell’8 dicembre) sia sotto l’aspetto del morale che della classifica. Con questo successo, infatti, il Bari resta aggrappato al quinto posto, ad un punto dal Sudtirol, ma allo stesso tempo si tiene a distanza da Ternana, Cagliari e Pisa.

Tornando alla gara, invece, va detto che al netto degli errori in fase difensiva e di quei due minuti finali di pura follia sportiva si è visto, a tratti, un buon Bari. Merito di tutta la squadra, anche se una citazione a parte andrebbe fatta per Cheddira (tornato dopo la squalifica), punto di assoluto riferimento della squadra biancorossa e per la novità Esposito, in campo dal primo minuto. Entrambi, così come Antenucci entrato a partita in corso, hanno dato nuova linfa al Bari e regalato una vittoria che restituisce un po’ di serenità a tutto l’ambiente biancorosso, in vista soprattutto delle prossime due delicate sfide del San Nicola contro Cosenza e Cagliari.

(Foto Mignani di sscalciobari.it – Si ringrazia)

Autore:

Data:

4 Febbraio 2023