Traduci

PNRR, SCUOLA E DIGITALIZZAZIONE: LA DIREZIONE GIUSTA?

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza vede la digitalizzazione tra gli obiettivi principali nel campo della formazione, soprattutto per quanto riguarda l’ambito scuola e a seguito dell’introduzione di DAD e DDI, che ci siamo ritrovati a gestire durante la pandemia. Dopo questa esperienza scolastica e a fronte di tutte le risoluzioni, anche a livello professionale, che hanno permesso la continuità sia della didattica sia delle attività della maggior parte delle aziende, ci siamo resi sempre più conto di quanto la digitalizzazione sia ormai entrata a far parte della quotidianità, assumendo un ruolo rilevante e strategico da più punti di vista.

cms_29315/foto_1.jpg
Nonostante ciò, i dati statistici dimostrano che – per quanto riguarda la cittadinanza digitale attiva – l’Italia è ancora tra le nazioni meno formate d’Europa. Questi dati sono stati rilevati dalle performance scolastiche ottenute dagli studenti durante la didattica online e i motivi di questi risultati essere molteplici.

Durante la pandemia, infatti, la durata delle lezioni è stata ridotta per evitare che gli studenti trascorressero troppo tempo davanti ai dispositivi; i gruppi classe, così come docenti e personale, hanno perso connessioni e realtà sociali; i corsi a distanza possono essere svolti correttamente e continuamente, e sorgono problemi per quanto riguarda la capacità e le competenze degli studenti e degli stessi insegnanti di adattarsi all’insegnamento digitale. È su quest’ultimo punto che può essere necessario approfondire, soprattutto per quanto riguarda la formazione degli insegnanti.

cms_29315/foto_2.jpeg

Se è vero che nel PNRR ci sono oltre 12 miliardi di risorse per la scuola e l’istruzione, 10 dei quali sono investiti principalmente nell’edilizia e il resto per l’iniziativa ’Scuola 4.0’, che intende fornire a tutte le nostre scuole la possibilità di utilizzare appieno l’intera risorsa, è anche vero che la classe dirigente potrebbe trovarsi di fronte una serie di strumenti tecnologici che non necessariamente diventeranno competenze. Gli insegnanti hanno bisogno di una formazione continua per arricchire le proprie competenze in modo da poter affrontare rapidamente il mondo digitale con gli strumenti e le conoscenze adeguate, ma non è delegando ai Dirigenti Scolastici questo compito che potremo dire di aver “Digitalizzato la Scuola”! Infatti molti Dirigenti “digitali” hanno già elaborato attività e completato vari iter per ottenere i fondi del PNRR, ma se non arrivano nelle casse delle scuole, e/o non si possono rendicontare, si andrà in una fase di stallo in cui i fornitori potrebbero accusare le scuole di essere cattivi pagatori.

Autore:

Data:

8 Febbraio 2023