Headlines

Traduci

QUALE DISCIPLINA SI APPLICA AI CONTRATTI DI LOCAZIONE?

Marzo 2014. La Corte Costituzionale dichiara l’illegittimità costituzionale della disciplina sanzionatoria che veniva applicata ai contratti di locazione degli immobili ad uso abitativo non registrati entro il termine legale, introducendo una sostituzione ex lege, quanto alla durata del contratto ed alla determinazione del canone rispetto a quanto pattuito. Obiettivo della disciplina: reprimere l’evasione fiscale.

cms_2030/corte-costituzionale.jpg

Nella pratica si verificavano però con ampia diffusione veri e propri raggiri dei proprietari di immobili. Ciò anche per le diverse interpretazioni dell’Agenzia delle Entrate attraverso i propri uffici provinciali nei territori di loro competenza con la conseguente violazione del principio di uguaglianza di cui all’art. 3 della Costituzione.Maggio 2014. Viene approvata la legge n. 80 recante misure urgenti per l’emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015 che fa salvi fino alla data del 31 dicembre 2015 gli effetti dei contratti già imposti d’ufficio dall’Agenzia delle Entrate a seguito alle denunce presentate prima della dichiarazione di incostituzionalità. Giugno 2014.

cms_2030/tribunale-di-napoli.jpg

Il Tribunale di Napoli rinvia all’esame della Corte Costituzionale la disciplina “reintrodotta” dopo soli 2 mesi dalla dichiarazione di incostituzionalità. Considerato che l’Agenzia delle Entrate, per reprimere l’evasione fiscale, svolge attività di controllo, che non può violare una decisione della Corte Costituzionale, e che gli uffici provinciali forniscono diverse interpretazioni sulla disciplina applicabile, si rende necessario sapere qual’é l’interpretazione autentica di quest’ultima e provvedere ad emanare una circolare esplicativa all’Agenzia delle Entrate al fine di uniformare l’applicazione della disciplina civilistica da parte degli Uffici Provinciali Territoriali che procedono alla registrazione d’ufficio di contratti senza istruttoria e che stabiliscono i termini di durata.

cms_2030/interrogativo.jpgMa era davvero necessario e urgente rendere legittimo un comportamento che l’organo deputato a garantire il rispetto della Costituzione Italiana ha dichiarato invece illegittimo e che sarà nuovamente oggetto di decisione da parte dello stesso organo?”.

Data:

1 Aprile 2015