Traduci

Quokka, il primo geo social network del mondo made in Italy

Il Grande Fratello sarà presto globale. Sta per sbarcare sul web il primo geo social network che consente di conoscere in tempo reale tutto quello che accade ovunque nel mondo. Si chiama Quokka, e grazie alla geolocalizzazione offre la possibilità di sapere la posizione di tutti gli utenti iscritti a questo nuovo social. L’idea è di quattro giovanissimi, e già alcuni investitori italiani e americani hanno creduto nel progetto pronti a impiegare 150mila dollari nella start up. Come spesso accade in questi casi, il progetto del social è venuto in mente ai giovani studenti mentre decidevano come organizzare il loro sabato sera insieme ad altri amici.

cms_2942/foto_1.jpg

Ecco dunque l’idea: scegliere un posto qualsiasi nel mondo e si vedono in tempo reale le persone che vi si trovano, con i loro nomi, l’età, il sesso, in due parole, i loro profili completi. Ma non è tutto, perché con Quokka si possono guardare le foto e i video che sono stati condivisi in quell’area, e interagire con loro; è possibile cercare vie, piazze, parchi, luoghi d’intrattenimento, qualunque posto del mondo e scoprire chi lo sta visitando; non esclusi i locali, che si possono prenotare con anticipo. Si tratta di un’app del tutto innovativa che permette di scoprire non solo cosa le persone si devono aspettare dirigendosi in un determinato posto, ma anche di aggregare le notizie per luogo, una novità importante per il giornalismo.

cms_2942/foto_2_.jpg

La start up è stata selezionata come Alpha Startup al Web Summit di Dublino, il festival di startup più importante del mondo, e siamo certi che gli esperti del settore sapranno darne la giusta importanza. L’applicazione, già disponibile per gli smartphone, modificherà il modo di organizzare tante nottate per milioni di ragazzi come gli ideatori del progetto. Ma siamo certi modificherà anche le relazioni, le storie d’amore, l’amicizia e il modo di fare informazione giornalistica. La parola magica è geolocalizzazione, ovvero un continuo seguire chiunque in ogni luogo, seguendone gli spostamenti in una determinata area.

cms_2942/foto_3_.jpg

Per completezza d’informazione bisogna aggiungere che non sarà certamente questa innovativa app a far temere milioni di perone sulla loro privacy, in quanto già da molto tempo i dispositivi elettronici mobili permettono un continuo monitoraggio dei nostri spostamenti, presenti e passati. Lasciamo tracce indelebili del nostro passaggio nel mondo, sempre più piccolo e sempre più somigliante a quel villaggio globale di mcluhaniana memoria. Una curiosità: il nome quokka deriva dall’omonimo piccolo marsupiale australiano. Un animale a dir poco simpatico che non ha alcun timore di relazionarsi agli uomini, anzi tende ad avvicinarsi loro senza timore. Proprio come facciamo noi nei confronti del grande occhio che tutto sa e tutto monìtora.

Data:

7 Novembre 2015