Traduci

Renzi: “Io candidato premier se ci sono condizioni”

cms_7250/renzi_Matteo_fg.jpg“Se ci sono le condizioni uno fa il premier, se non ci sono le condizioni uno dà una mano”. Lo dice Matteo Renzi a Carta Bianca quando gli viene chiesto se potrebbe farsi da parte se, dopo le elezioni, fosse necessario un suo passo indietro per dar vita a un governo di larghe intese. “Io sono il candidato premier, lo hanno deciso le primarie ma chi farà il premier non lo decide il Pd se non arriva il 40%” ma “io sono convinto che il Pd possa farcela ad arrivare al 40%”.

LEGGE ELETTORALE – “Il Pd ci ha provato, ci prova e ci proverà” a cambiare la legge elettorale. Ma il Pd “da solo non ha i numeri” e fare la legge “dipende dagli altri. E non sono molto ottimista. Melina dal Pd? No assolutamente. Dei tanti limiti che possono essere attribuiti al Pd… E’ l’esattamente l’opposto. Noi abbiamo fatto di tutto per cambiare” la legge elettorale. “Dare colpa di tutto al Pd, mi pare ingeneroso”, ha aggiunto il segretario dem.

“Quando si vota, lo decide Mattarella. Per me la campagna elettorale inizia il 1° gennaio ma più che dei posti in Parlamento, ora ci si occupi dei posti di lavoro”, ha affermato ancora. “Non credo che la campagna elettorale sia partita. Ora è importante che il governo faccia le ultime cose di questa legislatura. Gentiloni ha posto giustamente l’attenzione sulla legge di bilancio, poi nel primo semestre 2018 si andrà a votare”. “Io penso che il Pd deve cercare di arrivare al 40 per cento non da solo, ma con le associazioni, i movimenti civici, i sindaci che in questo momento non si riconoscono in nessuna forza politica”, ha evidenziato.

Legge elettorale, pronto ’Rosatellum bis’

cms_7250/elezioni_spoglio_fg_12.jpgDopo la bocciatura da parte degli uffici della presidente della Camera Laura Boldrini del ’lodo Brunetta’, il relatore Emanuele Fiano ha annunciato, durante l’ufficio di presidenza della commissione affari costituzionali, che non presenterà il testo uscito dall’aula a giugno con le modifiche derivanti dall’emendamento Fraccaro/Biancofiore (per problemi politici legati alle proteste di Svp) e presenterà un testo base entro giovedì, il cosiddetto ’Rosatellum bis’, conforme al voto d’aula (231 collegi).

Fiano, inoltre, specifica che il nuovo testo base che verrà presentato non sarà il tedesco e terrà conto dei 231 collegi, ovviamente cercando il coinvolgimento di tutti i gruppi. “Chiederò la possibilità di incontrare e ascoltare tutti i gruppi prima di giovedì”, ha detto Fiano al termine dell’ufficio di presidenza della commissione Affari costituzionali.

L’ipotesi della nuova versione con il 64% di proporzionale e il 36 di maggioritario non sarebbe però condivisa dalla Svp. Lo dice Daniel Alfreider del gruppo Autonomiei. “La quota di maggioritario”, ha aggiunto, così “non va bene, sarebbe troppo bassa”.

Italia, ci siamo: piomba l’autunno

cms_7250/autunno_foglie_.jpgAutunno astronomico alle porte – arriverà il 22 settembre – ma l’autunno del meteo è già qui. Il maltempo che sta interessando l’Italia, infatti, “ha portato un graduale calo termico su molti settori del Nord: dove sta piovendo le temperature massime non superano i 15°, dove c’è il sole non vanno oltre i 23°”, fanno sapere gli esperti del sito ’ilMeteo.it’. Che avvertono: “Questa diminuzione termica avverrà per tutte le Regioni“.

Dopo il passaggio della perturbazione, viene ricordato, “si attiveranno venti di Maestrale più freschi che faranno calare le temperature ovunque, soprattutto nei valori notturni”.

NORD – Il clima è già autunnale e le temperature per i prossimi giorni a stento supereranno i 22° mentre i valori notturni diminuiranno in maniera più sensibile, “andando a raggiungere in pianura misure ad una cifra”.

CENTRO – Anche su questo settore i valori saranno più o meno simili a quelli del Nord: non più di 22° di giorno e valori notturni, sempre nelle zone di pianura, attorno ai 9-12° (valori che saranno leggermente più alti sulle zone adriatiche).

SUD – Sarà infine sulle regioni meridionali che il calo termico si farà sentire maggiormente: “Possiamo scordarci i 30° e oltre – avvertono gli esperti – le temperature massime non supereranno i 23/24° mentre i valori notturni scenderanno fino a 14°”.

WEEKEND – Bel tempo sabato, salvo isolati piovaschi sulle Alpi del Triveneto. Domenica invece qualche pioggia su Marche, Umbria, Appennino centrale e prealpi venete. Sole altrove.

TEMPERATURE – In generale diminuzione su tutte le Regioni con valori sotto la media del periodo, soprattutto al Sud. Insomma, decretano gli esperti: “Clima autunnale sull’Italia”.

Autore:

Data:

20 Settembre 2017