Traduci

Rotondi: ”Il voto non ci spaventa, pronti a batterci per i nostri valori”

Seconda e ultima tornata di lavoro a Roma, presso l’Hotel Rouge et Noir, per i componenti di Rivoluzione Cristiana, il partito di ispirazione cattolica che si propone di innovare la politica sulle orme di Papa Francesco. Come previsto sono stati i Responsabili delle Commissioni e quelli dei Dipartimenti ad animare il dibattito in merito al Programma, al Regolamento e allo Statuto.

cms_2860/1798123_1078435505514203_7646831928105229435_n.jpg

Un passaggio fondamentale in vista della convention del 21 novembre e degli altri appuntamenti che segneranno l’approssimarsi delle amministrative alle quali il nuovo soggetto politico, presieduto da Gianfranco Rotondi, intende partecipare da protagonista. In apertura di giornata il coordinatore politico nazionale, Giampiero Catone, ha invitato i presenti a profondere il massimo impegno in questa fase di elaborazione delle regole interne al partito e delle proposte da sottoporre al vaglio degli elettori. La stesura del programma potrà avere anche l’appoggio fattivo di cittadini segnalati dai vari Responsabili, a prescindere alla loro adesione formale al progetto.

cms_2860/d7514fe7d31b193a2376205376140ab2_XL.jpg

I vertici del partito guardano con fiducia alle Amministrative 2016, senza disdegnare la eventualità di elezioni politiche anticipate. Rivoluzione Cristiana potrebbe presentarsi in entrambe le competizioni, raccogliendo le firme necessarie. Ne occorrerebbero 180mila; un traguardo non difficile da raggiungere, come ha fatto notare, sulla scorta di un semplice calcolo algebrico, il coordinatore nazionale. Non bisogna avere paura delle urne. Che, anzi, sono il momento più alto della democrazia. “Oggi – ha affermato l’ex sottosegretario all’Ambiente – Rivoluzione cristiana è chiamata a confrontarsi con le altre realtà del mondo politico senza timori di sorta. Le consultazioni alle porte costituiranno un banco di prova decisivo, in quanto senza sostengo elettorale non si può incidere su nulla”.

cms_2860/12144650_1506367996352771_1273628201796772201_n.jpg

Rivoluzione Cristiana ha un’arma in più rispetto alle altre formazioni del variegato mondo dell’impegno politico cattolico: può contare su una struttura forte ed è “l’unico partito organizzato in grado di diventare il catalizzatore di altri movimenti” che hanno voglia di scendere in campo per risollevare le sorti dell’Italia. Per una maggiore incisività dal punto di vista della comunicazione sarà ricostituito l’Ufficio Stampa, le cui attività sono state temporaneamente sospese a causa della prematura scomparsa del responsabile, Alfredo Tarullo.

cms_2860/12144650_1506368239686080_6212216795581385017_n.jpg

Un ulteriore passaggio di rilievo nella vita interna della nuova forza politica sarà la convocazione del Congresso Nazionale, da fissare, necessariamente entro la fine dell’anno. Quindi sarà la volta della formazione delle liste per le amministrative, in largo anticipo rispetto ai competitor. Il coordinatore Catone ha concluso il proprio invitando tutti a non vergognarsi di definire Rivoluzione cristiana un partito, piuttosto che non Movimento. Subito dopo, in due sale, si sono riuniti i componenti delle commissioni e dei dipartimenti.

( dal Quotidiano “la Discussione “)

Autore:

Data:

19 Ottobre 2015