Traduci

RUGBY GUINNESS SIX NATIONI – L’Italia dura solo venti minuti contro l’Irlanda

cms_33494/Irlanda-Italia.jpgL’Italia esce dall’Aviva Stadium di Dublino con un pesante 36-0 dopo quasi ottanta minuti in apnea. Quanto visto contro l’Inghilterra all’esordio, è stato vanificato dalla prestazione contro gli irlandesi che, nonostante tutto, non sono riusciti a straripare nel risultato. Fatti salvi i primi venti minuti di gioco, con due sole mete subite, il XV azzurro non è riuscito a conquistare metri a causa di ripetuti errori in rimessa, con il gioco al piede e in mischia chiusa. Le rassicurazioni alla stampa del capo allenatore dell’Italia, Gonzalo Quesada, alla fine, sono state smentite da quanto non fatto in campo da Lamaro e compagni. È vero che di fronte avevi una squadra tra le prime tre più forti al mondo, ma è anche vero che non puoi disputare un match sbagliando tutti i fondamentali di gioco e difendendoti soltanto. Ancora una volta, non è solo una questione di giocatori fondamentali mancanti, ma anche di mentalità e concentrazione. Con quella di oggi, l’Irlanda porta a 33 i match vinti con un punteggio aggregato, nelle ultime sei partite, di 256 a 70. Prossimo appuntamento domenica 25 febbraio in Francia, uscita vittoriosa da Murrayfiled grazie a una meta regalata dall’arbitro ai transalpini, con il benestare del TMO.

cms_33494/1.jpg

Primo tempo

L’Italia parte bene e trova i pali dopo tre minuti dal fischio di inizio, ma Garbisi da posizione quasi centrale non segna. Trascorrono pochi minuti e l’Irlanda va facilmente in meta trovando spazi con un avanzamento di una dozzina di fasi. Risultato di 5-0 dopo 10 minuti di gioco. È un match con repentini capovolgimenti di fronte. Dopo 22 minuti l’Italia ha maggior possesso di palla. Italia subisce in mischia e risente dei cambi di velocità dell’Irlanda che va di nuovo in meta senza trovare molta opposizione. A 15’ dal termine il risultato è di 12-0 dopo la trasformazione. L’Italia gioca male in mischia chiusa e rimessa, regalando calci e metri agli irlandesi, implacabili nelle azioni multifase. Un’altra meta e trasformazione porta le squadre negli spogliatoi con il risultato di 19-0. Una nota di demerito è per Varney, molto in difficolta nel gioco al piede; si fa stoppare tre volte l’ovale durante le esecuzioni.

cms_33494/foto_2_copia.jpg

Secondo Tempo

L’Irlanda riprende con il gioco avanzante, trovando poca difesa nei punti di incontro. Ancora male in rimessa e mischia chiusa. Dopo 10’ dalla ripresa, vanno addirittura in meta con una mall nei 22 metri, guadagnando anche il punto bonus offensivo; 24-0 per i padroni di casa. L’Irlanda alza il ritmo mandando in confusione la difesa azzurra che subisce un’altra meta; ma il TMO annulla. L’Italia gioca male anche la fase offensiva e prende anche un giallo con Pani. Gli Azzurri subiscono troppo e non riescono a giocare nella tre quarti irlandese. Altra meta al 62’; 29-0. Il XV azzurro non trova spazi per l’avanzamento, creando fasi di gioco molto lente e prevedibili. Così come nel primo tempo, si continua a sbagliare la rimessa. Finisce il match con la sesta meta per i padroni di casa e la disfatta dell’Italia: 36-0.

Data:

11 Febbraio 2024