Traduci

Russia schiera armi nucleari al confine tra Bielorussia e Polonia

Le armi nucleari tattiche che saranno dispiegate dalla Russia in Bielorussia saranno collocate al confine con la Polonia. Lo ha annunciato l’ambasciatore di Mosca a Minsk, Boris Gryzlov, aggiungendo che i bunker necessari per immagazzinare le armi dovrebbero essere pronti entro il 1 luglio e che “questo avverrà nonostante il clamore in Europa e negli Stati Uniti” che la decisione ha suscitato.

“Dovrebbe esserci una certa parità – ha detto Gryzlov – Se parliamo del dispiegamento di armi nucleari statunitensi in Europa, allora dobbiamo adottare misure che aumenteranno la sicurezza dei nostri stati alleati (Bielorussia e Russia)”, parte del territorio dello Stato dell’Unione, un territorio legalizzato, ha sottolineato l’ambasciatore, a differenza dei territori dei Paesi in cui gli Stati Uniti piazzano le loro armi nucleari e che “sono solo Paesi marionette”.

POLONIA – “Sono già stati consegnati diversi Mig-29 all’Ucraina”. Lo ha detto il consigliere per la politica internazionale della presidenza polacca, Marcin Przydacz, affermando che i caccia “stanno già contribuendo alla difesa del Paese”. “Secondo le mie informazioni – ha aggiunto ai microfoni di Rmf24 – si è conclusa la prima fase di questo processo di consegna”.

La Polonia, ha ripetuto, continuerà a inviare aiuti militari all’Ucraina. “E’ vero che i russi hanno tank più vecchi, ma non ne hanno pochi, bensì diverse migliaia – ha detto ancora – Questi equipaggiamenti devono essere consegnati in quantità maggiori e in modo molto più rapido affinché l’Ucraina possa respingere la Russia”.

Nei giorni scorsi le autorità ucraine hanno contestato l’efficacia dei Mig-29. “Abbiamo bisogno di velivoli da difesa multiruolo moderni”, ha detto il portavoce dell’Aeronautica di Kiev, Yuriy Ignat. Mercoledì, ha annunciato nelle scorse ore Varsavia, è atteso in visita in Polonia il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

AIEA – Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) Rafael Mariano Grossi si recherà mercoledì a Mosca. Lo ha annunciato il rappresentante permanente della Federazione russa presso le organizzazioni internazionali a Vienna, Mikhail Ulyanov, citato dall’agenzia di stampa Ria Novosti. Grossi, ha spiegato Ulyanov al canale televisivo Rossiya 24, “uno di questi giorni, dopodomani, avrà un incontro con la delegazione interdipartimentale russa sul territorio della Russia”.

MARIUPOL – Una persona è rimasta ferita a seguito dell’esplosione di un’auto nella città di Melitopol, nell’Ucraina sudorientale. Lo conferma il sindaco ucraino della città, Ivan Fedorov, come riporta la Cnn. Su Telegram precisa che la persona rimasta ferita è un funzionario filo-russo, Maksym Zubarev, che sarebbe responsabile della zona di Yakymivka, occupata dai russi a circa 30 chilometri a sudovest di Melitopol. Secondo le autorità ucraine, Zubarev è stato tra gli organizzatori dei “referendum” del settembre dello scorso anno nei territori dell’Ucraina occupati dalla Russia.

Data:

3 Aprile 2023