Traduci

RUSSIA-UCRAINA, 2 ANNI DI GUERRA – L’analisi del conflitto e gli scenari

(AdnKronos-Silvia Mancinelli) Due anni di guerra tra Ucraina e Russia. Il 22 febbraio 2022 l’invasione ordinata da Vladimir Putin dava inizio al conflitto. Dopo 24 mesi, con oltre 10mila civili morti e un numero imprecisato di militari caduti, a che punto è il conflitto? Dopo la controffensiva ucraina nel 2023, si assiste ad un nuovo spostamento di equilibri: la Russia rivendica la recente conquista di Avdiivka, nell’est dell’Ucraina, e ammassa truppe a Sud. Kiev si riorganizza sotto la guida del generale Oleksandr Syrsky, scelto dal presidente Volodymyr Zelensky, e aspetta nuovi aiuti dagli Usa, con la speranza che Washington sblocchi il pacchetto da 61 miliardi.

L’Adnkronos ha chiesto a tre generali di delineare il quadro della guerra a 2 anni dall’inizio delle ostilità. “Siamo a due anni di guerra in Ucraina, sebbene le radici di questo conflitto risalgano al 2014, con migliaia di vittime civili”, dice il generale Marco Bertolini, ex comandante del Comando operativo di vertice interforze.

“Sul campo è stata dimostrata la prevalenza della Russia, che ha vinto le maggiori battaglie smentendo la propaganda ricorrente in ambito occidentale che la voleva soccombente da un punto di vista tecnologico. Si diceva che combattessero con le pale, che rubassero i microchip delle lavatrici per utilizzarli sui missili, tutto parte di una narrativa smentita. La controffensiva ucraina è invece fallita, la Russia ha iniziato a premere lungo tutto il confine, ha sfondato nel punto fortificato più importante di tutta la linea ucraina, a due passi da Donetsk e adesso siamo aperti a ulteriori sviluppi difficili da prevedere”, aggiunge.

“Da un punto di vista politico, questa situazione si ripercuote pesantemente in ambito ucraino – continua -: è stato fatto fuori il generale Valeri Zaluzhny, che era il comandante delle forze armate, perché di idee diverse rispetto a quelle di Zelensky. E’ stato sostituito dal generale Syrsky, di origine russa con i genitori in Russia e oltretutto a quanto pare non particolarmente amato dai suoi. E’ un momento critico per le forze armate”.

“Al contrario, in Russia la situazione pare arridere anche all’economia. Chiaramente la guerra è complicata anche da tutto ciò che accade intorno, dalla crisi del Medio Oriente, il successo tattico sul terreno è della Russia. Zelensky, per poter sperare in un miglioramento della situazione, ha bisogno di un coinvolgimento diretto della Nato, diversamente non ce la può fare”, afferma.

Per il generale Leonardo Tricarico, ex capo di Stato maggiore dell’Aeronautica e attuale presidente della fondazione Icsa, “dopo due anni di scontro, perdura la condizione di stallo concretizzatosi a poche settimane dall’inizio delle ostilità. Una condizione rivelatesi subito come l’impossibilità dall’una e dall’altra parte di prevalere con il solo uso delle armi. E che rimane tale seppure in questo momento l’andamento delle operazioni faccia registrare una fase favorevole a Putin”.

“Vale la pena richiamare alla memoria che gli unici tentativi negoziali – continua – goffi ma rispecchianti la volontà di Russia ed Ucraina di individuare una piattaforma comune di cessazione delle ostilità e di accordo, furono tentati quando già era chiaro che una soluzione militare della controversia pareva difficile”.

“Era allora che andava tentato un irrobustimento del tavolo negoziale da parte della comunità internazionale, Stati Uniti in primis. Tentativo purtroppo non messo a punto in maniera seria e strutturata lasciando a singoli paesi, anche di peso, l’iniziativa destinata, come di fatto è successo, a non avere un seguito concreto e risolutivo. L’unica strada – dice – rimane comunque quella del negoziato, in un momento certamente più complicato come quello odierno, ma da tentare sempre con le predisposizioni del caso ed il coinvolgimento più attivo della comunità internazionale la più estesa. In caso contrario l’alternativa è una guerra dal corso carsico, riemergente in superficie qua e là, cui associare ancora molte grandi e piccole stragi di civili e di soldati. Nel contempo è esiziale che il sostegno all’Ucraina non subisca indebolimenti, nel concreto e nella determinazione di tutti”.

“E nella speranza – conclude – che anche questa guerra, iniziata come le altre senza che venisse individuato e condiviso l’obiettivo finale, non termini appunto come le altre, con una soluzione simile a quando gli Stati Uniti, sulla testa e all’oscuro del legittimo governo afghano, negoziarono con i talebani di allora, (e lo stesso potrebbe accadere Putin oggi) , la sorte del conflitto in completa e deplorabile solitudine”.

Il generale Giorgio Battisti, ex comandante italiano in Afghanistan e componente del Comitato Atlantico Italiano, osserva che “due anni di guerra hanno sicuramente lasciato dei grossi segnali. C’è stato il ritorno della guerra convenzionale ad alta intensità in Europa, con l’invasione ucraina da parte russa; un conflitto che nessuno pensava potesse avvenire. Questo ha portato a una necessità di riarmo dei paesi sia dell’Alleanza Atlantica che di quelli che compongono l’Unione europea, vero è che si discute ancora oggi del raggiungimento del 2% del pil”.

Altro punto essenziale, delineato dal conflitto, è “il ritorno dell’espansionismo russo di cui forse avremmo dovuto avere già una sensazione quando la Russia entrò in Georgia per tutelare le russofone Ossezia del sud e la Abkhazia – continua – Le forze armate sono tornate ad essere uno strumento di politica estera, sia da parte dei paesi dell’Alleanza Atlantica che di quelli europei. E poi, l’attenzione sul Mediterraneo allargato che, soprattutto per il fronte sud dell’Alleanza Atlantica sta tornando importante: è tornata in modo massiccio la flotta russa nel Mediterraneo, come ai tempi della guerra fredda, e con lei, in questi ultimi mesi, si sono affacciate anche navi militari cinesi. C’è una nuova attenzione che spero venga acquisita bene del fronte sud del Mediterraneo”.

La guerra ha segnato “il rilancio del multilateralismo delle iniziative, diplomatiche, politiche e militari, ovvero l’esigenza di intervenire nell’ambito di coalizioni o alleanze anche temporanee per fronteggiare determinate esigenze. Importante la difficoltà dell’Unione europea di essere protagonista sullo scenario internazionale proprio per aver ridotto tutti gli strumenti militari dopo la guerra fredda”, sottolinea il generale Battisti.

“Abbiamo riscoperto ora l’esigenza di riarmarsi per fronteggiare delle minacce di avversari che fanno dell’impiego dell’uso della forza il loro principale strumento nell’ambito dei rapporti internazionali. Il conflitto in Ucraina ha infine evidenziato l’impiego di nuove tecnologie, come i droni e il mondo cyber, affiancandolo a modalità di condotta delle operazioni che erano tipiche della I e II guerra mondiale, ovvero la guerra di posizione e la guerra di trincea”, conclude.

Data:

22 Febbraio 2024