Traduci

SALE LA TENSIONE A TAIWAN

La minaccia militare cinese sta diventando “più seria che mai”, afferma il ministro degli Esteri taiwanese, Joseph Wu. Dopo un anno di minacce ed incursioni militari sembra proprio che la Cina non aspetti altro che un nuovo pretesto per “esercitarsi per il futuro attacco” all’isola.

Con il crescente numero di incursioni militari nella zona di difesa aerea di Taiwan – da 380 aerei da guerra cinesi nel 2020 a più di 1.500 quest’anno – è in aumento il rischio di incidenti che potrebbero portare ad un’escalation.

cms_28687/foto_1.jpg

Tali episodi in passato erano stati ridimensionati grazie alle comunicazioni attraverso lo stretto, ma dopo che l’attuale presidente taiwanese Tsai Ing-wen venne eletta nel 2016, Pechino limitò i legami ufficiali. Inoltre, secondo il governo di Taiwan le comunicazioni attraverso lo stretto potrebbero diminuire ulteriormente ora che Xi Jinping si è assicurato il suo terzo mandato al 20° Congresso del Partito, dopo le abrogazioni politiche dei membri del partito comunista rivale avvenute il mese scorso.

Il ministro Wu ha affermato che le esercitazioni condotte dopo la visita di Nancy Pelosi miravano anche a spaventare altri governi che potrebbero sostenere Taiwan, simbolicamente ora o militarmente in seguito. Di certo tale visita ha realmente intensificato le tensioni.

cms_28687/foto_2.jpg

Pechino ha ripetutamente risposto con rabbia a qualsiasi atto che sembri sostenere Taiwan, compresa l’arma del commercio bilaterale, come ha fatto con la Lituania quando aprì uffici di rappresentanza reciproca con Taipei. Il governo cinese fece pressione su alcuni paesi al fine di cambiare completamente il loro riconoscimento dalla capitale taiwanese.

Con la revoca delle restrizioni dovute alla pandemia, Taiwan ha registrato un netto aumento del numero di delegazioni straniere in visita. Una delegazione parlamentare britannica ha incontrato la presidente Tsai la scorsa settimana, prendendosi rimproveri da parte di Pechino.

La Cina rimane un partner importante per molte nazioni occidentali; tuttavia, il comportamento sempre più aggressivo ed espansionista di Pechino nella regione sembra finora averla soltanto isolata ulteriormente, incoraggiando un sostegno più esplicito a Taiwan.

Data:

13 Dicembre 2022