Traduci

Salute, diabete e occhio secco: campagna evidenzia bassa consapevolezza del problema

(Adnkronos) – L’esperienza raccolta durante la campagna ‘Se hai il diabete apri gli occhi sulla secchezza oculare’, ideata da Alcon in collaborazione con Fand, Associazione italiana diabetici Odv – che si è svolta tra febbraio e aprile 2024 nelle città di Milano, Roma e Bari – evidenzia non solo quanto registrato da altre ricerche sulla possibile relazione tra diabete e occhio secco, ma anche la bassa consapevolezza della complicanza.  Il diabete mellito – si legge in una nota – è una delle malattie croniche più diffuse al mondo, che porta a diverse complicazioni, inclusi problemi agli occhi. Tra questi, la malattia dell’occhio secco è una delle condizioni più comuni, caratterizzata da sintomi quali secchezza, irritazione, sensazione di corpo estraneo e disturbi visivi che possono influire significativamente sulla qualità della vita. Una recente metanalisi che ha raccolto dati da diverse pubblicazioni scientifiche tra il 2000 e il 2018 – 4 studi per un totale di 2.504.794 persone – suggerisce una possibile relazione tra il diabete e il rischio di sviluppare l’occhio secco, con un aumento del rischio del 30% nei pazienti diabetici rispetto a quelli non diabetici. Questo sarebbe dovuto a diversi fattori, tra cui la neuropatia corneale diabetica, un danno causato dal diabete a carico delle fibre nervose periferiche, che porta al rilascio di neuromediatori, cioè mediatori dell’infiammazione, e che produce un’infiammazione cronica della superficie oculare. Nel dettaglio, la campagna ha coinvolto l’oculista presso i centri Fand con l’obiettivo di sensibilizzare i pazienti sull’importanza della salute oculare e del rischio di sviluppare la malattia dell’occhio secco a causa del diabete. Sono stati coinvolti 46 pazienti nel corso di tre giornate a Milano, Roma e Bari. La maggior parte aveva diabete di tipo 1 e 2 e presentava sintomi di occhio secco. Inoltre, è emersa una scarsa conoscenza di questa patologia, nonostante le visite oculistiche periodiche. La campagna sottolinea quindi l’importanza di valutare in modo completo i pazienti diabetici, considerando la possibilità di patologie secondarie che possono influenzare la loro qualità di vita come ad esempio la salute oculare. “Parlando della salute degli occhi in senso più generale, la prevenzione per i pazienti diabetici è fondamentale – afferma Emilio Augusto Benini, presidente Fand – Purtroppo, nonostante sia accertato l’impatto che il diabete possa avere sulla vista, ad oggi c’è ancora poca consapevolezza nei pazienti. Solo il 30-40% dei diabetici si reca in uno dei 600 centri specializzati di diabetologia presenti sul nostro territorio nazionale, comportando che una quota importante di persone non sia seguita in modo specialistico. Si creano così dei vuoti informativi che, se opportunamente gestiti, potrebbero fare la differenza, come questa campagna ha messo in evidenza”. Un approccio multidisciplinare è fondamentale nella gestione dei pazienti affetti da diabete, prosegue la nota. L’oculista gioca un ruolo essenziale non solo nel trattare le patologie oculari associate al diabete, come l’occhio secco, ma anche nel monitoraggio e nella gestione efficace di tali condizioni. Tale strategia integrata migliora la qualità dell’assistenza e aiuta a prevenire complicanze più gravi, garantendo che ogni aspetto della salute del paziente venga trattato in maniera adeguata “Il discomfort oculare aumenta con l’aumentare dello scompenso glicemico e del numero di anni di malattia – sottolinea Antonio Di Zazzo, professore associato di Malattie dell’apparato visivo presso la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma – E’ importante non sottovalutare il discomfort oculare nei pazienti con diabete, poiché potrebbe rappresentare un indicatore di un danno neuropatico più significativo. Una volta rilevata la presenza dell’occhio secco, è fondamentale intervenire con colliri specifici a base di acido ialuronico o Hp-guar (idrossipropilguar) o di carbossimetilcellulosa per ripristinare la struttura del film lacrimale, oltre a monitorare costantemente e gestire efficacemente lo scompenso glicemico”. La campagna ‘Se hai il diabete apri gli occhi sulla secchezza oculare’ ha risposto a un bisogno di informazione, come dimostrato dal forte gradimento della popolazione, confermando che sostenere iniziative di sensibilizzazione è la strada giusta. E’ essenziale per i pazienti diabetici tenere sotto controllo la vista per intercettare per tempo eventuali segnali e intervenire tempestivamente, garantendo così una migliore gestione della patologia e una migliore qualità della vita. —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Autore:

Data:

1 Luglio 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *