Traduci

SAN NICOLA: ROSSETTI GELA, DE LUCA RISCALDA

Davanti a circa 25.000 instancabili sostenitori, il Bari fa un piccolo passo avanti, così come sperava Nicola. Il tecnico biancorosso, infatti, aveva chiesto in settimana, la continuità dei risultati… e così è stato. Si allunga, pertanto, la piccola striscia di risultati utili consecutivi, conquistando 7 punti nelle ultime 3 gare. Una partita che il Bari, avrebbe meritato di vincere, sia perché ha giocato un calcio propositivo, sia per le limpide occasioni da gol create. Ma il pareggio, ottenuto contro una buona squadra e avvenuto in rimonta, nei minuti finali, fa ben sperare. Un mese fa, probabilmente, una partita così, il Bari l’avrebbe persa.

cms_1903/2_Gillet.jpg

Ma è stata anche la serata degli ex di lusso: Gillet e Sciaudone. Il primo, fischiatissimo ogni volta che entrava in possesso palla, il secondo applaudito al termine della gara. Un coro su tutti: “Un capitano un solo capitano…” con il chiaro riferimento a Giovanni Loseto.

cms_1903/4_Striscione.jpg

Un primo tempo ben giocato dalle due formazioni, (dove si è visto più Bari che Catania) con la squadra di casa che ha fatto la partita, giocando costantemente nell’area avversaria. Il Catania, invece, largamente rimaneggiato, ha provato a chiudere gli spazi e a ripartire in contropiede con Castro e Rosina, due autentiche mine vaganti. Proprio in una di queste ripartenze, Rosina, tutto solo in area barese, scarta Guarna e si decentra sul fondo, mandando sull’esterno della rete. La risposta del Bari non si fa attendere. Ebagua raccoglie un cross di Galano e, con un grande gesto tecnico, riesce a colpire verso la porta, ma Gillet risponde da par suo. Poi, ancora Bari al tiro con Donati e Bellomo, ma il risultato non cambia. Sono sempre i biancorossi in avanti, sospinti da un pubblico generoso che non ha mai smesso di incitare la squadra per tutti i novanta minuti, a rendersi pericolosi. Ebagua (ancora lui), dopo essersi liberato del suo diretto avversario lascia partire un diagonale che attraversa la linea di porta e accarezza il palo più lontano della porta difesa da Gillet. Sul finire della prima frazione di gioco, Castro crea qualche apprensione a Guarna effettuando un delizioso pallonetto che, fortunatamente per la squadra biancorossa, viene deviato in angolo. Nella ripresa, il Bari, riparte a testa bassa e guadagna subito campo. Proprio nei minuti iniziali i biancorossi vanno vicini al gol del vantaggio con una splendida rovesciata (terminata fuori) del solito Ebagua, pronto a raccogliere un cross del neo entrato De Luca. Il Bari continua ad attaccare per tutta la partita, ma è il Catania ad andare in vantaggio, all’82’, con Rossetti, sull’unico tiro in porta del secondo tempo degli ospiti. Sembra finita, ma non è così. I biancorossi raddoppiano gli sforzi, e provano in tutti i modi a pareggiare la partita, mentre Nicola inserisce anche la quarta punta: Ciccio Caputo.

cms_1903/5_De_Luca.jpg

Fortunatamente, la caparbietà dei galletti viene ripagata dalla rete del meritato pareggio, allo scadere, di De Luca abile nel destreggiarsi in area di rigore e pronto a colpire freddamente Gillet. Termina così il match dei rimpianti. Il Bari, pur allontanandosi dalla zona play-out (-4), perde una ghiotta occasione per restare nella scia dei play-off (-5); il Catania, invece, in vantaggio a pochi minuti dalla fine, l’occasione di conquistare tre punti importanti in chiave salvezza. Il Bari, quindi, termina questa partita con il rammarico (nonostante la evidente supremazia territoriale) di non aver conquistato l’intera posta in palio e confermando, ancora una volta, la difficoltà nell’ottenere, in questo campionato, tre vittorie consecutive.

cms_1903/6_Nicola.jpg

Stasera – dichiara Nicola al termine di un sofferto match – ho tratto indicazioni positive. Sapevo delle difficoltà di questa partita. Noi volevamo vincere questa gara. Nel primo tempo si è visto un buon gioco. Nella ripresa abbiamo perso gli equilibri perché volevamo vincere. Recuperare la partita con questa squadra in questo momento è un buon segnale”.

Autore:

Data:

4 Marzo 2015