Traduci

“SCICLI E IL VERDE”, LA BELLEZZA CHE PUO’ SALVARE IL MONDO

“Scatta e vinci: Scicli e il verde”: questo il titolo del concorso online che dal 17 agosto sta letteralmente spopolando in tutta Italia. La pagina Facebook registra infatti ben 104 mila partecipanti e 100 mila utenti interessati. Un successo insperato per il nuovo fenomeno social, inizialmente concepito come una semplice competizione fotografica locale, riservata a chiunque si trovasse nei pressi di Scicli, nel ragusano. Ma della ridente cittadina – già nota per essere stata una delle location della fiction “Il commissario Montalbano”, oltre che patrimonio dell’Unesco – sono giunte ben poche immagini. I partecipanti si sono sbizzarriti, postando scatti di paesaggi italiani ed esteri (dalla vista della costiera amalfitana al verde dell’Irlanda e dell’Australia), divertenti immagini nonsense e numerose foto commoventi e significative, soprattutto di coloro che hanno sconfitto gravi patologie.

cms_4452/foto_1.jpg

Gli ideatori del contest, date le proporzioni assunte dall’evento, hanno deciso di istituire un premio anche per le foto fuori tema e si sono visti costretti ad avvalersi di un software specifico per il conteggio dei “mi piace”. In palio solo un poster 50×70 dello scatto “vincitore”, ma poco importa: si partecipa per mostrare al mondo della rete uno scorcio di quella bellezza quotidiana che stentiamo a riconoscere, per dare risalto a storie di vita vissuta semplici ma piene di coraggio e d’amore. I partecipanti hanno l’urgenza di condividere un tramonto, una vista mozzafiato, la felicità davanti a un piatto di pasta al sugo, il colore vivido e splendente di due occhi verdi, la solarità di un sorriso di bambino. E’un bel traguardo, in una società frenetica e devota al vile denaro. Quegli scatti, che saranno apparsi almeno una volta nella bacheca Facebook di ciascuno di noi, sembrano volerci dire: “Fermati un attimo, anonimo utente. Sospendi ciò che stai facendo e ammira questa foto. Non mi interessano i quattrini o la visibilità, volevo solo condividere con te ciò che mi ha fatto battere il cuore. Ciao.”

cms_4452/foto_2.jpgUn messaggio innovativo, da cogliere senza dar peso alle polemiche che, si sa, nel mondo dei social non possono mai mancare. Un messaggio che ci può far ancora sperare che, citando Dostoevskij, la bellezza possa cambiare il mondo, a dispetto di tutta quella negatività che spesso la rete ci riversa addosso. Il bene non fa notizia e non fa rumore, ma non per questo deve essere trascurato. La capacità di emozionarsi e stupirsi davanti al “bello” in tutte le sue forme va costantemente allenata, per non rischiare di anestetizzare il cuore dalla felicità, di chiuderlo in un cassetto e lasciarlo lì, tra le bollette da pagare e le chiavi di casa. Abituati a notizie che vanno dal catastrofico della cronaca al frivolo del gossip, tralasciamo quasi sempre ciò che, nella sua semplicità, può far vibrare le corde dell’anima. E’ forse questo il motivo per cui il contest ha riscosso un tale successo: ogni tanto si ha bisogno di una boccata d’aria, di una ricarica di positività che neutralizzi il male a cui siamo sottoposti quotidianamente, di immagini che possano farci brillare gli occhi come quando, da bambini, ci trovavamo davanti al nostro gioco preferito. Lasciarsi salvare dal potere della bellezza, che sia quella di un paesaggio, di un’opera d’arte, di un individuo, di una storia, è un atto di coraggio che ciascuno di noi dovrebbe compiere ogni singolo giorno della sua vita, cogliendo tutto il bene che il mondo è capace di donarci, imparando a volare anche quando il cielo della nostra esistenza si fa plumbeo.

Data:

27 Agosto 2016