Traduci

SCONTRO META-SIAE: TORNA LA MUSICA GRAZIE A SOUNDREEF

cms_29901/0.jpgLa recente vicenda legale riguardante la gestione dei diritti musicali sui social network di Meta, in particolare per Facebook e Instagram, che ha scosso il mondo della musica e dell’industria discografica, continua a far parlare di sé. Più di una settimana fa, Meta aveva annunciato pubblicamente che era saltato l’accordo di licenza con SIAE, per i diritti delle canzoni italiane. Di conseguenza, la musica tutelata dalla SIAE non poteva più essere utilizzata sui social di Mark Zuckerberg e tutti i reel, le stories e i feed di Instagram e Facebook che attualmente utilizzavano brani del repertorio SIAE sono stati bloccati o silenziati. Dal suo canto SIAE ha spiegato il mancato accordo con Meta evidenziando come si sia trattata di una “decisione unilaterale di Meta”, e che escludere il loro repertorio dalla propria library fosse “in contrasto con i principi sanciti dalla Direttiva Copyright per la quale gli autori e gli editori di tutta Europa si sono fortemente battuti”. Inoltre, a differenza di quanto è successo con YouTube, il mancato scambio di dati precisi da parte di Meta sulle entrate generate dalle creazioni musicali, ha reso ancor più difficile trovare un accordo.

cms_29901/foto_1.jpg

La vicenda ha suscitato un forte dibattito sulla gestione dei diritti d’autore in era digitale e sul ruolo delle società che li gestiscono. Molti artisti hanno espresso la loro solidarietà alla SIAE, sostenendo che la società italiana svolge un ruolo importante nella tutela dei loro diritti e nella promozione della cultura musicale italiana. Altri, invece, hanno criticato l’ente per la sua gestione poco trasparente e per il suo monopolio nel settore dei diritti d’autore in Italia. A farne maggiormente le spese però sono stati i creatori di contenuti, in quanto c’era un problema tecnico che non rende particolarmente agevole separare la traccia audio della voce del creator da quella del brano per cui è scaduta la licenza. L’immediata conseguenza è stata che centinaia di migliaia di contenuti sono divenuti inutilizzabili, anche quelli frutto di collaborazioni pubblicitarie. Attualmente, però, grazie a una proposta della società Soundreef, la musica potrebbe tornare.

cms_29901/foto_2.jpeg

Soundreef è una società italiana che gestisce i diritti d’autore per la musica, ma a differenza della SIAE, è specializzata nella gestione dei diritti musicali in ambito digitale. La società è riuscita ad arrivare a un accordo con Meta per la gestione dei diritti musicali sui social network, incluso Instagram. L’accordo che entrambe le parti hanno stretto prevedrebbe che Soundreef fornirà a Meta una vasta libreria di brani musicali che gli utenti potranno utilizzare nelle loro storie e nei loro post, pagando un piccolo contributo per i diritti d’autore. Infine, grazie a questo accordo, gli utenti di Instagram e Facebook potranno utilizzare la musica in maniera legale e trasparente, garantendo allo stesso tempo ai titolari dei diritti una giusta remunerazione per l’utilizzo dei loro brani. Si tratta di un passo avanti verso una gestione più efficiente e sostenibile dei diritti d’autore in ambito digitale, che potrebbe aprire la strada a nuovi modelli di business per la musica digitale.

Data:

28 Marzo 2023