Headlines

Traduci

SEGNALI DI RIPRESA PER IL BARI CHE VINCE IN CASA CONTRO LA PAGANESE

Questa volta il Bari non sbaglia. Dopo quattro giornate, infatti, la squadra biancorossa ritrova la giusta determinazione e torna al successo aggiudicandosi il match casalingo contro la Paganese per 2-0 in virtù delle reti, una per tempo, di Bianco (20’) e D’Ursi (58’). Si tratta della sedicesima vittoria stagionale (la quarta con Carrera), la settima vinta in casa.

Una vittoria meritata – e da non sottovalutare – per i biancorossi anche se ottenuta contro la terzultima in classifica, una squadra che nelle ultime otto partite ha conquistato appena 5 punti (con una vittoria, due pareggi e ben cinque sconfitte).

Il Bari, in effetti, sfodera una prestazione non eccezionale, ma complessivamente convincente. Buono l’approccio alla partita e l’attenzione mostrata dai biancorossi nell’arco dei novanta minuti soprattutto nella fase offensiva, un po’ meno in quella difensiva. Ha creato altre occasioni da gol con D’Ursi – entrato molto bene nella ripresa – e Mercurio, il diciottenne messo in campo con coraggio da Carrera sin dal primo minuto e autore di una gara più che dignitosa.

cms_21398/2_Carrera_ok.jpg

“Oggi abbiamo fatto una buona partita – ha dichiaratoil tecnico biancorosso, Carrera, intervistato ai microfoni di RadioBari – e concesso poco. Abbiamo sbagliato tanto in fase offensiva e rischiato solo su due nostre disattenzioni. I ragazzi hanno corso per novanta minuti e hanno giocato con serenità e tranquillità e quindi sono fiducioso. Mi sono arrabbiato perché le ammonizioni alla lunga possono creare problemi. I giocatori devono capire i momenti. Mercurio? Ha fatto una grande partita. Complimenti a lui”.

In effetti vanno fatti i complimenti a Mercurio, ma anche al Bari per aver conquistato tre punti importanti per la classifica e il morale. Era importante tornare a vincere e il Bari lo ha fatto. Ma va elogiato anche Carrera per aver indovinato in particolare un paio di mosse: l’inserimento dal primo minuto del giovanissimo Mercurio e dell’attaccante D’Ursi (dal 46’), autore del raddoppio e della tranquillità biancorossa.

Premesso ciò, il Bari ha corso comunque qualche pericolo che avrebbe potuto compromettere l’esito finale del match. Fortunatamente questa volta è andata bene. Ma la Paganese, evidentemente, non può rappresentare un test attendibile. Tanta, infatti, la differenza di qualità nella rosa e soprattutto in classifica tra le due squadre, una differenza che non sempre si è vista in questo campionato.

(Foto di sscalciobari.it – si ringrazia)

Autore:

Data:

27 Marzo 2021