Traduci

“Senza vaccino difficile ritorno a contatti stretti” (Altre News)

Brusaferro: “Senza vaccino difficile ritorno a contatti stretti”

“Finché non riusciremo a raggiungere l’immunità di gregge attraverso un vaccino sarà difficile immaginare di tornare ad avere contatti stretti, questo è un dato obiettivo e una prospettiva a cui ci stiamo adattando”. A evidenziarlo il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, durante la conferenza stampa alla Protezione civile. “Il virus continua a essere se stesso e ad agire negli stessi modi. E’ chiaro che l’auspicio è la politica dei piccoli passi, monitorizzare quanto avviene, per tornare ad avere man mano spazi di libertà”.

VISITE AI PARENTI – “Abbiamo sempre detto che le persone anziane sono le più fragili, serve grande cautela nelle visite”. Brusaferro, intervenuto alla conferenza stampa della Protezione Civile, spiega che la cautela è d’obbligo soprattutto per chi in questo periodo di lockdown è stato più esposto ai rischi di contagio. “Nel momento in cui non si ha certezza, bisogna stare molto cauti nel fare queste visite -afferma-. Oggi faccio fatica a pensare al tampone prima di una visita (ai familiari, ndr.), non credo che sia la soluzione più immediata. Ma se una persona per motivi professionali è esposta ad avere contatti stretti, tanto più se asintomatica, mi sento in dovere di raccomandare fortemente grande cautela”.

BLOCCO DELLE REGIONI – “Non è consentita la mobilità tra regioni”, nel nuovo decreto “c’è una maggiore flessibilità ma in ambito regionale. Il blocco viene mantenuto a eccezione dei casi che erano già previsti”.

SCUOLE – “Rispetto al prossimo anno scolastico immaginiamo modelli organizzativi per un’attività scolastica tale da evitare la possibilità che si possa favorire la ricrescita dell’epidemia”. “Modelli sviluppati nel nostro Paese mostrano che la scuola” per una serie di motivi “può diventare uno di quei luoghi che favoriscono la diffusione della circolazione del virus”, ha confermato Brusaferro. Dunque si sta pensando ad un’organizzazione nuova, “anche tenendo conto delle diverse fasce d’eta”, che riduca questo rischio. “Il ministero dell’Istruzione ha attivato un gruppo di esperti che sta lavorando su questi scenari” in vista di settembre.

LA FASE EPIDEMICA – Analizzando gli ultimi dati del contagio in Italia, Brusaferro evidenzia che “continua il calo di R0” ma “comunque c’è circolazione del virus nel nostro territorio”. Questi numeri indicano “un successo delle misure adottate”, ma “man mano che avvieremo nei prossimi giorni caute aperture, dovremo monitorizzare attentamente” i dati, “fra cui quelli dei ricoveri nelle terapie intensive”. Questo per poter intervenire in “funzione dell’evoluzione dell’epidemia”. “Oggi siamo ancora in fase epidemica, anche se per fortuna con numeri molto ridotti”, precisa Brusaferro.

I TAMPONI – Il presidente Iss annuncia poi che è in arrivo un “documento che verrà reso pubblico proprio per ridurre la disomogeneità fra regioni e spingere verso” un’effettuazione “tempestiva dei tamponi”. Si incontrano ancora problemi, infatti, per effettuare i tamponi, anche se si è contatti di soggetti positivi. Ebbene, “una delle indicazioni che stiamo condividendo è proprio quella di avere una crescente tempestività nell’eseguire i tamponi, anche fuori dal contesto ospedaliero e nelle persone paucisintomatiche”. Oggi si viaggia a un ritmo di “oltre 60mila tamponi al giorno”. L’obiettivo è “spingere verso l’obiettivo di ridurre il più possibile le disomogeneità” sui tamponi a livello regionale.

“Congiunti’ anche fidanzati e affetti stabili”

Da una prima interpretazione del Dpcm firmato ieri sera dal premier Giuseppe Conte, a quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi per ’congiunti’ -uno dei punto più discussi del testo- si intendono parenti, affini, coniugi, conviventi, ma anche fidanzati e affetti stabili. Nei prossimi giorni, spiegano le stesse fonti, usciranno le Faq volte a chiarire tutti i dubbi sul Dpcm.

Fase 2, De Micheli: “Non si possono raggiungere seconde case”

“Non si possono raggiungere le seconde case nell’ambito di questo Dpcm, bisogna rimanere nella casa di residenza”. Lo chiarisce il ministro dei Trasporti Paola De Micheli a ’La vita in diretta’ su Raiuno. De Micheli rimarca inoltre l’obbligo di mascherina o di qualunque dispositivo protegga bocca e naso, o anche di “una sciarpa” per usare i mezzi pubblici o in caso contrario “ci sarebbe da restare a terra”.

Dopo verrà incentivata anche la mobilità alternativa, con le bici elettriche o i monopattini. “Stiamo studiando una misura ad hoc” per consentire a tutti di andare a lavorare anche in orari differenziati “perché gli studi dei flussi ci dicono che il massimo della frequentazione soprattutto del tpl è tra le 7.10 e le 7.40 della mattina”, aggiunge il ministro.

“Nessun sistema dei trasporti né italiano né europeo è nelle condizioni di reggere con il metro di distanziamento la stessa mole di lavoratori che c’era prima del Covid”, sottolinea, osservando che con il distanziamento di un metro “e non sarà sufficiente un seggiolino” di distanza, porterà la nuova capienza a “circa il 50% ma in alcuni casi anche meno”.

La sospensione delle funzioni religiose è stata dovuta all’ eccessiva rischiosità in termini sanitari “ma oggi il premier Conte ha dato massima disponibilità alla Cei per trovare una soluzione quanto prima per celebrare la messa sapendo” che non potranno esserci assembramenti né prima, né dopo la liturgia. “Credo che si potrà trovare una soluzione”, insiste.

Copie pirata di giornali, sequestrati 17 canali di Telegram

Sarebbero entrati abusivamente nei sistemi informatici di numerose società editrici di riviste, giornali e libri e sottratto migliaia di file in formato pdf riversandoli illecitamente su numerosi canali Telegram, almeno 17 individuati finora. In questo modo avrebbero permesso una diffusione capillare e abusiva in chiaro di migliaia di riviste, giornali e libri tutelati dal diritto di autore.

Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari sta eseguendo per questo motivo un decreto di sequestro preventivo d’urgenza emesso dalla Procura della Repubblica del capoluogo pugliese per i reati di riciclaggio, ricettazione, accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico, furto e violazione della legge sul diritto d’autore (Legge 633 del 1941) nei confronti di persone, in corso di identificazione, che, in concorso tra loro, avrebbero organizzato il giro di affari illecito.

Il contesto giudiziario scaturisce dalla denuncia della Federazione Italiana Editori Giornali (Fieg) presentata lo scorso 10 aprile all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom). L’Authority, in particolare, aveva richiesto e auspicato l’intervento dell’Autorità Giudiziaria, per una azione di contrasto incisiva al fenomeno della pirateria digitale, diffuso specialmente sui social media. Le indagini proseguono per ricostruire il giro di affari illecito e individuare gli autori del reato, nonché le responsabilità penali delle società coinvolte. L’operazione è stata denominata ‘#Cheguaio’.

Napoli, poliziotto muore in scontro con auto rapinatori

Un poliziotto di 37 anni è morto a Napoli nel tentativo di sventare un furto in banca. La pattuglia del Commissariato Secondigliano, del quale faceva parte il poliziotto, è intervenuta in via Abate Minichini, dove era stato segnalato il tentato furto alla filiale Credit Agricole. I rapinatori stavano scappando in auto imboccando Calata Capodichino, quando si sono scontrati con l’auto della Polizia a Calata Capodichino. Nello scontro Pasquale Apicella, poliziotto del Commissariato Secondigliano, ha perso la vita, mentre il collega è sotto choc ma in buone condizioni di salute ed è stato dimesso dall’ospedale Cardarelli di Napoli, dove era stato portato nella notte.

Due rapinatori sono stati catturati. Si tratta di due stranieri domiciliati nel campo rom di Giugliano in Campania (Napoli). Entrambi i fermati, che poco prima avevano tentato una rapina in una filiale di banca in via Abate Minichini, sono stati portati in ospedale dove vengono sottoposti a cure per le ferite riportate nel violentissimo scontro. Un terzo uomo, presente nell’auto al momento dello schianto, è riuscito a fuggire ed è attualmente ricercato. L’altro poliziotto presente nell’auto insieme all’agente Apicella è stato invece curato sul posto e per lui non è stato necessario il trasporto in ospedale.

“E’ un dolore immenso la perdita di un giovane appartenente alla Polizia di Stato nell’adempimento del dovere per il bene della collettività. Sono vicina alla famiglia colpita da una immane tragedia e desidero rinnovare i sentimenti di apprezzamento e riconoscenza per il quotidiano impegno di tutte le donne e gli uomini delle forze dell’ordine al servizio dei cittadini”, ha dichiarato il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. “Rivolgo l’augurio di pronta guarigione all’Assistente Capo Salvatore Colucci rimasto ferito questa mattina”, ha concluso il ministro Lamorgese.

Il Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli, ha espresso “profondo cordoglio e sentimenti di commossa vicinanza ai familiari” dell’Agente Scelto della Polizia di Stato Pasquale Apicella deceduto questa mattina a Napoli. “In giornate che vedono impegnate le Forze dell’ordine nei controlli per il contenimento del coronavirus, si legge in una nota, la Polizia di Stato continua l’attività di controllo a presidio di legalità contro la criminalità, pagando un prezzo altissimo con la perdita di un suo uomo”. Il Capo della Polizia ha augurato una pronta guarigione all’altro componente della volante l’Assistente Capo della Polizia di Stato Salvatore Colucci, rimasto ferito.

“E’ un dolore immenso la perdita di un giovane appartenente alla Polizia di Stato nell’adempimento del dovere per il bene della collettività. Sono vicina alla famiglia colpita da una immane tragedia e desidero rinnovare i sentimenti di apprezzamento e riconoscenza per il quotidiano impegno di tutte le donne e gli uomini delle forze dell’ordine al servizio dei cittadini”. Così il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha espresso al capo della Polizia, Franco Gabrielli, e a tutta la Polizia il profondo cordoglio per la morte dell’Agente Scelto, manifestando alla famiglia dell’agente i sentimenti di “commossa e sentita vicinanza”. “Rivolgo l’augurio di pronta guarigione all’Assistente Capo Salvatore Colucci rimasto ferito questa mattina”, ha aggiunto il ministro.

“Cordoglio” anche dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris. “Esprimo il più profondo cordoglio a nome della città – aggiunge de Magistris – alla famiglia dell’agente scelto ucciso ed a tutti gli uomini e le donne della Polizia di Stato che ogni giorno sono impegnati con professionalità e sacrificio nella prevenzione e repressione del crimine. Al poliziotto ferito vanno gli auguri di una pronta guarigione”, conclude il sindaco.

“Poliziotto di 37 anni, un giovane papà, ucciso a Napoli nel tentativo di sventare una rapina in banca: arrestati due giovani Rom che non si sono fermati, investendo l’auto della pattuglia. Immagini devastanti, che fanno male al cuore. Spero che questi delinquenti senza scrupoli paghino fino in fondo, senza sconti! Una preghiera per l’agente scelto Pasquale Apicella, un abbraccio commosso ai suoi cari e all’intera Polizia di Stato”, ha invece scritto Matteo Salvini su Facebook.

Autore:

Data:

28 Aprile 2020