Traduci

Sfiducia a Bonafede, oggi il voto in Senato (Altre News)

Sfiducia a Bonafede, oggi il voto in Senato

(Diretta canale satellitare del Senato della Repubblica)

cms_17560/bonafede22_fg_(1).jpgSi voterà questa mattina alle 9.30 al Senato la sfiducia al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. La replica del Guardasigilli sarà trasmessa in diretta tv come previsto dal calendario dei lavori dell’Assemblea di Palazzo Madama.

Un voto che agita la maggioranza e per molti, una eventuale sfiducia al ministro Bonafede, significherebbe una sfiducia a tutto il governo e a quel punto la crisi sarebbe inevitabile.

Sfiducia Bonafede, Fico: “Se cade il governo si va al voto’’

cms_17560/fico_roberto_ftg.jpg

In caso di crisi “non ci sarà una nuova maggioranza ma nuove elezioni. Non credo a un governo di unità nazionale. O si va avanti con questa maggioranza e questo governo o ci saranno le elezioni”. Sono le parole del presidente della Camera, Roberto Fico, a Di Martedì. “In questo momento il governo Conte gode della fiducia del Parlamento, c’è una maggioranza importante. Se poi c’è qualcuno che ha in mente di dare spallate al governo, non mi sembra che ci stia riuscendo”. “Le mozioni di sfiducia” ad Alfonso Bonafede “sono delle opposizioni. Se una forza di maggioranza vota con le opposizione sarebbe una questione sui generis.

Se Italia Viva vota la sfiducia al ministro Bonafede, aggiunge il presidente della Camera, “è chiaro che si pone un grossissimo problema politico e mi sembra difficile che una maggioranza possa andare avanti se un pezzo di maggioranza vota con le opposizioni una mozione di sfiducia. Si apre un problema politico e si aprirebbe una crisi di governo”.

Sfiducia Bonafede, Rosato: “Nostra posizione dopo parole ministro”

cms_17560/Ettore_Rosato_ftg.jpg

Se Iv voterà la sfiducia a Bonafede oggi al Senato? “Noi lo ascolteremo in Aula, perché il dibattito parlamentare è fatto per questo e alla luce delle cose che dirà ci sarà anche la posizione del nostro partito”. A ribadire la linea di Iv, poco prima del voto, il presidente del partito Ettore Rosato.

“E’ evidente che non facciamo il tifo per far andare a casa il governo, ma abbiamo bisogno che anche le nostre tesi trovino casa in questa maggioranza”, ha sottolineato aggiungendo: “Non abbiamo chiesto alcun rimpasto di governo. Abbiamo sostenuto che abbiamo il diritto, oltre che il dovere, di avere una rappresentanza politica per le nostre proposte. Noi facciamo una battaglia per lo sblocco delle infrastrutture”. “Non abbiamo chiesto alcun sottosegretario alla Giustizia”, ha inoltre precisato Rosato. Per quanto riguarda il prossimo rinnovo dei vertici delle Commissioni parlamentari, l’esponente di Iv ha aggiunto: “Noi come gli altri partiti di maggioranza abbiamo diritto ad avere una rappresentanza nei luoghi quando questi saranno rinnovati”.

Delrio: “Se passa la sfiducia a Bonafede si apre vera crisi”

cms_17560/graziano_delrio_Fg.jpg

“Se passa la mozione” di sfiducia a Bonafede “si apre una vera crisi, non c’è dubbio. Non si può pensare che con il ministro della Giustizia, capo del principale partito in Parlamento, la cosa si risolve con una pacca sulla spalla”. Lo ha detto il capogruppo del Pd alla Camera Graziano Delrio a ’Un giorno da pecora’. I senatori di Italia viva “possono recitare una preghiera, un Padre nostro, non ci indurre in tentazione. Spero non si facciano tentare, non avrebbe alcun significato per il Paese in un momento così difficile. Confido che le cose si sistemeranno dopo l’intervento del ministro”, ha detto ancora Delrio. “Nessuno vuole togliere credibilità ai nostri colleghi di Italia viva, però certamente preferiremmo che certe discussioni non diventassero così aspre e da ultimatum”, ha aggiunto il capogruppo del Pd alla Camera che poi ha ribadito: “Sono sereno, penso si possa superare. Sono abbastanza in pace”.

Boccia: “Chi sfiducia Bonafede sfiducia il governo”

cms_17560/boccia_francesco_fg.jpg

(Enzo Bonaiuto) – Attenzione: chi dovesse votare la sfiducia al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede – leggi Italia Viva – sfiducerebbe l’intero esecutivo Conte 2, aprendo di fatto la crisi di governo. A ribadire l’allarme già suonato da alcuni esponenti di spicco della maggioranza giallorossa Pd-M5s-Leu-Iv è il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, intervenendo a ’La vita in diretta’ su Rai1. “La sfiducia a un ministro è una sfiducia a tutto il governo, mi pare evidente – spiega Boccia – Siccome noi siamo persone serie e ci assumiamo le nostre responsabilità, chi sfiducia Bonafede sta sfiduciando tutto il governo Conte. Io mi auguro che ciò non accada, perché la maggioranza è solida ed è una maggioranza che si assume sempre la responsabilità delle scelte, che facciamo tutti insieme”. Boccia auspica che “la mozione di sfiducia, che è un attacco parlamentare dell’opposizione, porti a un dibattito, perché il Parlamento ha il diritto di avere tutte le informazioni possibili e il ministro Bonafede ne ha già date tante e continuerà a darle. Noi siamo soddisfatti dei chiarimenti che ha dato. Poi, ci sono logiche politiche che devono essere molto trasparenti: chi sfiducia Bonafede sfiducia il Governo e sarebbe inevitabile aprire una crisi di governo”.

Autore:

Data:

20 Maggio 2020