Traduci

Si spara davanti alla Casa Bianca

Si spara davanti alla Casa Bianca

cms_8599/casa_bianca_moretti_afp.jpgUn suicidio ha fatto scattare oggi l’allarme alla Casa Bianca. La polizia di Washington D.C. ha reso noto che è stato dichiarato morto l’uomo che si è sparato in testa di fronte alla cancellata settentrionale della residenza del presidente. In una dichiarazione ad Usa Today la polizia ha detto che si tratta di un adulto, ma non ha fornito altre indicazioni specificando che “si sta lavorando per contattare i familiari”.

Il lockdown della Casa Bianca, cioè il blocco degli ingressi e le uscite dell’edificio, è durato per due ore e anche il traffico intorno alla Casa Bianca è stato bloccato, mentre pattuglie armate controllavano la zona.

E’ la seconda volta in meno di dieci giorni che scatta l’allarme alla Casa Bianca: il 23 febbraio scorso era stata una donna del Tennessee che era andata a finire con la sua auto contro una barriera posta intorno all’edificio per impedire il passaggio dei veicoli.

Trump alza il tiro e minaccia tassa su auto europee

cms_8599/Donald_Trump31afp.jpgDonald Trump alza i toni della guerra commerciale che ha avviato annunciando l’aumento dei dazi su importazioni di acciaio e alluminio, minacciando una nuova tassa sulle auto importate dall’Unione Europea. “Se la Ue vuole aumentare ulteriormente i già massicci dazi e barriere imposti alle società Usa che fanno affari lì, noi semplicemente applicheremo una tassa alle loro auto che liberamente entrano negli Stati Uniti”, ha scritto oggi in un tweet.

“Rendono impossibile vendere le nostre auto (e molte altre cose) da loro”, ha aggiunto attaccando ancora i Paesi europei. “Grande squilibrio commerciale!”, ha concluso.

In risposta all’annuncio di Trump sui dazi il presidente della commissione Europea, Jean-Claude Juncker, ha detto che la Ue potrebbe considerare di imporre dazi su famosi prodotti americani, compresi “Harley-Davidson, il bourbon e i blue jeans”.

“Noi vorremmo una relazione ragionevole con gli Stati Uniti, ma non possiamo semplicemente mettere la testa sotto la sabbia”, ha aggiunto.

Tiangong 1 punta la Terra: l’impatto ad aprile

cms_8599/tiangong.jpgLa stazione spaziale cinese Tiangong 1 sta scendendo sempre più verso la Terra. Ed è una discesa senza controllo. Il ’Palazzo Celeste’ dovrebbe impattare il nostro pianeta intorno al 10 aprile, stando alle stime degli esperti dell’Agenzia Spaziale Italiana, Claudio Portelli e Ettore Perozzi dell’ufficio Asi Space Situational Awareness, che hanno fatto il punto con i giornalisti a #SpaceTalk, la rubrica di ASITV.it dell’Agenzia Spaziale Italiana.

L’Asi è infatti l’ente che per l’Italia che sta seguendo e monitorando il “rientro incontrollato” della Tiangong 1 ed è in costante contatto con la Protezione Civile italiana per comunicare -a tutela dei nostri concittadini- eventuali rischi e tempi del viaggio senza ritorno del ’Palazzo Celeste’, traduzione evocativa dal mandarino della stazione cinese. “Sono davvero basse le probabilità che la stazione spaziale cinese Tiangong 1, o meglio i suoi frammenti, possano cadere sull’Italia, una probabilità talmente bassa da essere improbabile” hanno subito chiarito Claudio Portelli, specializzato in detriti spaziali, e Ettore Perozzi, fisico dell’Asi.

Il ’Palazzo Celeste’ “passa quattro volte al giorno sul nostro Paese ma per appena tre minuti” ed il “rientro incontrollato” della Tiangong 1 non è però un viaggio “alla cieca”. In Italia “c’è già un piano operativo dell’Asi e della Protezione Civile” hanno ribadito. L’Agenzia Spaziale Italiana sta fornendo le coordinate alla Protezione Civile ed al tavolo tecnico appena attivato, cui siedono anche Enac, Enav e ministero della Difesa.

“Tre giorni prima dell’impatto sapremo dove cadrà la stazione cinese e intanto stiamo già fornendo tutti gli elementi in nostro possesso al tavolo tecnico” hanno chiarito gli esperti dell’Asi. “Quando sarà a 90 chilometri da noi inizierà a bruciare e 6 ore prima dell’impatto sapremo dove si schianteranno i suoi detriti” ’sopravvissuti all’impatto ’di fuoco’ con l’atmosfera terrestre. I rumors degli ultimi giorni identificavano l’area intorno Firenze come possibile zona di impatto in Italia, altri focus indicavano la Pianura Padana, ma “nulla è ancora definibile” hanno però spiegato gli esperti dell’Asi. “La Tiangong 1 ha un’orbita che consente di sapere che sopra Firenze non cade” hanno poi aggiunto.

“Ora la Tiangong 1 si trova in apogeo a 250 chilometri dalla Terra, molto più bassa di prima quando orbitava a 360 chilometri da noi” ha spiegato Portelli, esperto di detriti spaziali dell’Asi. “L’iter di caduta è iniziato a marzo 2017, da ora in avanti, ha aggiunto, “dovrebbero esserci altri 21 giorni al suo rientro, ma rimane ancora un margine di errore” sui tempi. “Per la Tiangong 1 i cinesi avevano previsto un propellente sufficiente per il rientro, lo scorso anno però non sono più riusciti a comunicare con la loro stazione che si è messa ’in attesa’ ed ora sta scendendo lentamente” ha detto il fisico Perozzi, responsabile dell’Ufficio asteroidi e detriti spaziali dell’Asi.

Una volta che la Tiangong 1 impatta l’atmosfera terrestre brucia e si disintegra, ma “esistono modelli per calcolare quanti frammenti possono ’sopravvivere’ e precipitare sulla Terra” però, ha riferito Perozzi, “abbiamo chiesto informazioni tecniche alla Cina” su come è stata costruita la stazione “ma non ci hanno dato risposte”. Insomma, “non abbiamo dati” per fare previsioni tecniche anticipate.

Perozzi ha quindi sollevato il problema della gestione dei detriti spaziali, un problema che sta diventando cruciale visto che, secondo le stime, si parla di centinaia di milioni di frammenti di spazzatura spaziale. “In futuro si possono programmare satelliti costruendoli con ’linee di debolezza’ come quelle incise sulle tavolette di cioccolato” ha osservato Perozzi, aggiungendo che “potere conoscere le linee di frattura di un satellite aiuterà a prevedere la grandezza dei frammenti” per poterli gestire quando ricadono sulla Terra.

Autore:

Data:

4 Marzo 2018